ANNO XVI Maggio 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 09 Agosto 2016 01:59

Festival dei teatri d’arte mediterranei

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Formia - Siviglia/Granada - Patrasso - Tunisi: un asse lungo il Mediterraneo sarà il cuore della XII Edizione del  “Festival dei Teatri d’arte mediterranei” in programma a Formia (LT) dal 19 al 21 Agosto.

Un evento promosso dal Teatro Bertolt Brecht all’interno del progetto delle Officine culturali della Regione Lazio, del riconoscimento del Ministero per i beni e le attività culturali in collaborazione con il Comune di Formia ed il patrocinio dell’Ente Parco Riviera di Ulisse.

Tre giorni di eventi, visite guidate, laboratori, concerti, spettacoli, incontri ad ingresso gratuito con presenze nazionali ed internazionali.

Una XII Edizione, dedicata quest’anno a Giulio Regeni e Mario Piccolino, ancor più all’insegna dell’ inter cultura e dello scambio sulla scia del progetto de “I Fari Culturali del Mediterraneo” che ha già portato il Teatro Bertolt Brecht in Tunisia ed in Spagna. Atmosfere e suggestioni mediterranee hanno fortemente influenzato le scelte artistiche di questa edizione che si svolgerà prevalentemente al contatto con il mare, i profumi, i paesaggi e gli scorci del Mediterraneo nel meraviglioso scenario del Parco di Gianola tra i secolari resti archeologici romani e l’incanto del paesaggio. Una sintesi perfetta della cultura e dell’identità mediterranea.

Si inizia alla ore 7:00 nello scenario a strapiombo sul mare dei ruderi della Villa di Mamurra con le letture reinterpretate e drammatizzate dei classici, a seguire visite guidate nel parco.  Numerosi gli ospiti internazionali chiamati a raccontare il Mediterraneo tra migrazioni, letteratura e dialogo inter religioso: Dhaker Akremi, Commissaire régional à la culture de Ben Arous;  Mourad Amara, Commissaire Régionale à la culture du gouvernorat de Bizérte in Tunisia; Andrés Pociña e Aurora Lopéz, ordinari dell’Università di Granada.

Non mancheranno i consueti reading nei luoghi simbolo della città, laboratori per giovani attori, stands delle associazioni, degustazioni e  osservazioni astronomiche. 

Nelle tre serate un tuffo nel Mediterraneo sulla spiaggia del porticciolo romano con spettacoli teatrali e melodie d’oltre mare con l’artista tunisino Samih Mahjoub, la fisarmonica e il tzouras delle musiciste greche  Maria Arabagì e Alexia Tanouri

“Quest’anno abbiamo fortemente voluto dedicare il festival a Giulio Regeni e Mario Piccolino. Un Mediterraneo di pace non può prescindere dalla verità e dalla giustizia, senza se e senza ma. Due vicende certamente diverse ma con in comune la folle scelta della violenza e della sopraffazione ingiustificata, legate da una scarsa volontà di ricerca della verità”, afferma il direttore artistico Maurizio Stammati.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 923 times

Utenti Online

Abbiamo 1361 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine