ANNO XVI Gennaio 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 05 Settembre 2016 00:00

Al via da Londra il Congresso Europeo di Pneumologia

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Nella City dal 3 al 7 settembre si riunisco oltre 30.000 specialisti da tutto il mondoAl via da Londra il Congresso Europeo di Pneumologia la SIMRI prima società pediatrica a partecipare come affiliata. Il prof. Renato Cutrera (presidente SIMRI e Direttore della Broncopneumologia del Bambino Gesù di Roma): “È una grande onore essere parte attiva di un così importante evento medico continentale”.

Londra – La Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili (SIMRI) parteciperà alle attività del congresso dell’European Respiratory Society (ERS). È la prima volta che un’associazione di pediatri diventa parte attiva della programmazione scientifica del più importante appuntamento continentale di pneumologia. “È una grande onore poter entrare a pieno titolo in un evento così prestigioso - afferma il prof. Renato Cutrera presidente nazionale della SIMRI e Direttore dell’Unità Operativa di Broncopneumologia all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma -. La nostra partecipazione attiva all’ERS dimostra il livello di assoluta eccellenza che possono vantare gli specialisti italiani. Questo è merito anche della nostra società che da anni è impegnata nella formazione e aggiornamento dei suoi soci”. Il congresso internazionale dell’ERS parte oggi e vede riuniti a Londra, fino a mercoledì, oltre 30.000 specialisti provenienti da tutto il mondo. La SIMRI annovera tra i propri soci il prof. Fabio Midulla dell’Università Sapienza di Roma (Presidente dell’Assemblea Pediatrica del congresso ERS), altri soci senior esperti che partecipano ai vari lavori e sessioni scientifiche e un proprio stand. Inoltre arrivano a Londra 10 giovani medici grazie ad altrettante borse di studio messe a disposizione dalla Società Scientifica italiana. “Il principale tema al centro dell’ERS è la personalizzazione delle cure - aggiunge il prof. Cutrera -. Ogni caso di malattia respiratoria si differenza dagli altri in base al tipo genetico, l’ambiente e gli stili di vita del paziente. Grazie ai farmaci biologici oggi gli specialisti hanno a disposizione terapie sempre più su “misura” del singolo caso. È necessario quindi riaggiornare le nostre conoscenze alla luce delle nuove scoperte mediche. Solo così possiamo migliorare l’assistenza ad un numero crescente di bambini. I disturbi all’apparato respiratorio sono infatti in aumento nel nostro Paese. L’asmabronchiale colpisce il 10% dei giovanissimi italiani”.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1078 times

Utenti Online

Abbiamo 1073 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine