ANNO XVIII Febbraio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 08 Luglio 2015 16:15

Tsipras, "Tagli a baby pensioni" 'Fondi alle banche, mai al popolo'

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Grecia presentera' domani all'Eurozona il programma di riforme

Roma  - La Grecia presentera' domani all'Eurozona un programma "credibile" di riforme. Ma intanto il governo di Atene ha gia' avanzato la richiesta di nuovi aiuti al fondo salva Stati Esm (un prestito triennale di cui ancora non si conosce l'entita). 

 

Dopo l'Eurosummit di ieri, che ha dato l'ultimatum per evitare la Grexit, il premier greco Alex Tsipras ha spiegato le sue ragioni dinanzi al Parlamento europeo. La crisi greca, ha detto, "e' un problema europeo e non solamente di Atene, quindi la soluzione" deve essere "a livello europeo". In questi anni la Grecia e' stata "una cavia", ma la politica di austerity non ha prodotto i risultati sperati.

Ricevuto da applausi ma anche dai fischi, levatosi dai banchi conservatori, Tsipras ha aggiunto che i soldi versati ad Atene in questi anni "sono serviti per salvare le banche e non sono mai arrivati al popolo greco". Il premier greco comunque ha riconosciuto le responsabilita' del suo Paese: "Non sono tra coloro che danno la colpa agli stranieri: per tantissimi anni i governi greci hanno creato uno Stato clientelare, hanno alimentato la corruzione tra politica e imprenditoria e arricchito solo una certa fetta del popolo: il 10% del popolo detiene il 56% della ricchezza del Paese; e questa enorme ineguaglianza unita ai programmi di austerity, invece di correggere, ha appesantito la crisi". 

La richiesta di aiuti all'Esm verra' analizzata per decidere se puo' essere soddisfatta e sara' sottoposta all'Eurogruppo a breve. Oggi gia' la valuteranno gli sherpa dell'Eurogruppo. Quando alle future riforme, Tsipras si e' detto consapevole delle "distorsioni" del passato e ha assicurato iniziative per sgombrare il campo dalle baby pensioni e aumentare l'Iva

Adesso i tempi sono strettissimi: il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, e quella della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, che martedi' erano stati durissimi con la Grecia, hanno ripetuto che domenica rappresenta l'ultima spiaggia per Atene.

Tusk ha anche chiesto unita' ai Paesi europei, senza la quale - ha detto - "ci sveglieremo fra quattro giorni in un'Europa diversa: questa e' l'ultima chance". Secondo Tusk, il fatto che l'Eurogruppo abbia ricevuto la richiesta di aiuti Esm nei tempi previsti, "e' un buon segno" in vista di domani, quando si attendono le nuove proposte greche.

Martin Jaeger, portavoce del ministero tedesco delle Finanze, ha gia' detto che "se entro domenica non avremo trovato una soluzione, sara' necessario pensare ad altri scenari". (AGI)

Read 628 times

Utenti Online

Abbiamo 901 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine