ANNO XV Ottobre 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 05 Ottobre 2016 00:05

“L’Abruzzo nel piatto” di Sergio Adriani

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Mercoledì 12 Ottobre p.v., alle ore 17:00, presso UNAR (Unione delle Associazioni Regionali di Roma e del Lazio) Casa delle Regioni in via Ulisse Aldrovandi 16 (quartiere Pinciano), presentazione del volume: "L’Abruzzo nel Piatto. Il grande chef del '900 Paolo Scipioni. Ricette, racconti e aneddoti" curato da Sergio Adriani ed edito da Alleanza Per L’Aquila.

Il volume, impreziosito dai disegni di: Mimmo Emanuele, Gabriella Bartolomucci e Meggie Perrotti, muove i suoi passi nella storia personale di Paolo Scipioni e delle sue preziose ed inedite ricette, sperimentate per oltre mezzo secolo nel suo ristorante Tre Marie all'Aquila, tutte ispirate alla grande tradizione della cucina abruzzese.

Le centododici ricette raccolte nell’opera costituiscono un caleidoscopio di sapori e di gusti che si conclude nel trionfo della tradizionale “Panarda”, l'antica cena che iniziava al tramonto e finiva all'alba del giorno dopo con un numero interminabile di portate, tradizione dell'Abruzzo aquilano e del lancianese.       

Come “contorno”, sono stati aggiunti una collana di aneddoti e di racconti che hanno reso ancora più intriganti le serate trascorse in questo storico ristorante, diventato un vero e proprio crocevia della cultura, dell’arte e dello sport.

 “Questo libro, inoltre - afferma l’autore - vuole essere propedeutico alla riaggregazione cittadina e ad iniziative atte a riportare l’occupazione nel territorio abruzzese ed aquilano in particolare, con la coltivazione di prodotti di nicchia, allevamento e artigianato, oltre a pubblicizzare percorsi che vanno dall’archeologia, alla natura, monumentali, religiosi, e dove, la nostra enogastronomia sarà il minimo comune denominatore di tutti i percorsi anche museali mirati”.

A fare gli onori di casa sarà il prof. Pierluigi Mantini, Presidente Associazione  Abruzzese; a seguire gli interventi di Paolo Scipioni, dell’autore Sergio Adrianie di amici ed estimatori del grande chef.

Arricchirà la serata una degustazione di prodotti tipici e di nicchia del territorio dei Parchi Abruzzesi.

Il servizio sarà curato dallo chef Armando Ippolito del Ristorante aquilano delle 99 Cannelle e da Sergio Adriani.

Per ragioni organizzative si prega di confermare al più presto la partecipazione a:

-         Segreteria Associazione Abruzzese

+393339471321 (Sciocchetti)  -  +393395339550 (Lucia)  -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Degustazione dei prelibati prodotti tipici e di nicchia del territorio Appenninico e dei Parchi Abruzzesi. Rappresentazione di attrezzi d’artigianato locale

-  Zafferano di Navelli (una produzione di 40 kg circa),

- Lenticchie di Santo Stefano di Sessanio e Fiamignano, rispettivamente piana del Gran Sasso e Racino-Aquilente (Produzione riconducibile a 5 q. circa),

-  Mortadella di Campotosto, chiamata comunemente “Coglioni di Mulo” (produzione di 3 macellai del posto, la caratteristica è la piccola diminuzione al contrario di quelle commerciali più grandi. Produzione di circa 5 q.),

-  Fegato dolce, cioè insaccati con il miele, antica tradizione aquilana,

-  Fegato pazzo aquilano, gustoso e piccante,

-  Salame schiacciato, cioè in pressione con tavole di legno sovrastate da pesi, possibilmente piatti su 2/3 pile, caratteristica del territorio,

-  Salame schiacciato al Montepulciano, antica ricetta e tradizione aquilana,

-  Mozzarella nostrana dei bovini pascolanti in alta montagna e nei Parchi,

-  Ricottine dell’Appennino,

- Pecorino morbido al profumo di ginepro del Parco, preziosissimo e di produzione limitata (un solo produttore),

-  Pecorino canestrato di Castel del Monte del Gran Sasso d’Italia,

-  Pecorino di Pizzoli (sono rimasti solo due produttori),

- Vino naturale di Ofena (Valle con caratteristiche di microclima ricco dell’umidità marina, alternata a quella secca del Gran Sasso),

- Olio di Ofena (Valle con caratteristiche di microclima ricco dell’umidità marina, alternata a quella      secca del Gran Sasso),

-  Pane contadino dell’antica tradizione di Prata, con grano macinato a pietra, anche con grano di Solina, grano turco, farro e patate,

-  Pane di farro della tradizione del comprensorio di Sassa - L’Aquila,

-  Coperchiole - ferratelle, tipico dolce secco, scricchiolante e morbido, dell’Aquila,

-  Nocci attorrati,

-  Torrone al cioccolato e bianco Aquilano,

-  Crostata di Paolo Scipioni,

-  Torta di Paolo delle Tre Marie,

-  Genziana del Gran Sasso,

-  Ratafia Abruzzese,

-  Centerbe riconducibile alla famiglia Toro.

Visibili attrezzi artigianali di uso comune dei nostri paesi. Gli stessi sono e devono considerarsi di design e riportati come tali in auge (chitarra, ferri per ferratelle, archetta, madia, scola bottiglie, mattarello, formette per dolci, prete, cuoci orzo, cotturo, valigia di trasporto, capistiere.....).

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1608 times Last modified on Mercoledì, 05 Ottobre 2016 00:17

Utenti Online

Abbiamo 1103 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine