ANNO XV Giugno 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 26 Ottobre 2016 06:38

Parma – Ecco la nuova stagione del Teatro del Tempo

Written by 
Rate this item
(0 votes)

E' stata presentata oggi (ieri ndr) la stagione 2016-2017 del Teatro del Tempo. La Stagione Teatrale è preceduta, all’interno di Verdi Off, da una rassegna-preludio di musica da camera: “Ianòs, echi dal passato e dal futuro”.

E' stata presentata oggi la ricca stagione 2016-2017 del Teatro del Tempo, sostenuta dalla Fondazione Monte di Parma, dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Parma e da Chiesi Farmaceutici Spa. 

Nell’anno in cui il Teatro del Tempo compie 18 anni viene sottolineata la necessità di “resistere” nel tempo di una crisi che non sembra vedere soluzioni, con l’esigenza di proporre spettacoli che trovino sempre un senso nel naufragio e nel caos della nostra epoca. 

"Il percorso del Teatro del Tempo - ha introdotto il presidente di Fondazione Monte di Parma Roberto Delsignore - continua grazie alla passione originaria del fondatore Luca Ambanelli e il mantenimento della sua attività culturale è un elemento importante per tutta la città, in particolare per il quartiere Oltretorrente". 

"Il Teatro del Tempo - ha sottolineato l'assessore alla Cultura Laura Maria Ferraris - porta avanti una missione ed è fortemente radicato sul territorio e nella comunità in cui "vive", non solo per quello che fa e per gli spettacoli che offre, ma per come lo fa, per la progettualità e direzione artistica che lo caratterizzano. E' un teatro che, pur basandosi su poche risorse, riesce ad avere comunque una stagione ricca di spunti, accompagnata da una offerta formativa significativa per la crescita dello spettatore".

Come hanno sottolineato il presidente Mattia Ambanelli e il direttore artistico Simonetta Sorba, in una realtà cittadina che offre tanti teatri importanti, il Teatro del Tempo nel suo spazioridotto non può guardare ad un pubblico vasto ma ad un pubblico curioso, capace di aprirsi anche a proposte sofisticate o a “rischiare” dinanzi a forme altamente sperimentali.

Infatti le linee culturali che da sempre lo caratterizzano, in coerenza con il progetto originario, comprendono rapporti ormai consolidati con artisti e musicisti di Parma, ma conduconoanche alla complessità del teatro di ricerca e al dinamismo di nuove forme drammaturgiche. 

La Stagione Teatrale è preceduta, all’interno di Verdi Off, da una rassegna-preludio di musica da camera: “Ianòs, echi dal passato e dal futuro” a cura di Davide Carmarino.

Come indica il titolo con il riferimento alla divinità bifronte, la rassegna rimanda ad un contatto di sguardi sul passato e sul futuro e vede impegnati musicisti dell’Orchestra Toscanini e solisti di fama.

 Due dei concerti si sono già svolti: “Quartetto Farnese” che ha proposto quartetti di Schumann, Smetana, e una composizione di G. Tosi in prima esecuzione assoluta; “Solo Duo” con Matteo Mela e Lorenzo Micheli alle chitarre, con Francesco Camattini voce narrante: il concerto ha proposto quattro preludi e fughe di Mario Castelnuovo Tedesco, Debussy e Beethoven, con una composizione in prima esecuzione assoluta di Enrico Scaccaglia. Chiude la rassegna il 28 ottobre il duo Bronzi – Carmarino con Rocco Antonio Buccarello voce narrante, in “Sodalizio Romantico (Brahms a Casa Schumann, la musica, le lettere)”, produzione Teatro del Tempo.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 772 times

Utenti Online

Abbiamo 853 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine