ANNO XV Maggio 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Tecnologia, Scienza e Formazione (1108)

Lo hanno verificato i ricercatori dell'università di Miami.
Il vaccino è stato studiato per una seconda somministrazione a tre settimane e il ceo dell'azienda farmaceutica in Italia sconsiglia di modificare queste indicazioni.
Il direttore medico della casa farmaceutica per l'Italia: "Il farmaco potrebbe essere disponibile a partire dal 2022". E su i brevetti: "Si rischia discontinuità nella fornitura delle dosi necessarie a combattere la pandemia".
In tutto 45 biomarcatori per elaborare un modello di previsione che è stato testato. Il margine di errore è stato di circa 17 giorni, ma gli autori affermano che l'accuratezza migliorerà con set di dati più ampi.
Identificata, mediante una nuova tecnica, una sottopopolazione di cellule tumorali caratterizzate dall’aggressivo gene K-RAS mutato, finora intrattabile farmacologicamente.
Il commissario straordinario all'emergenza Covid conferma che "la macchina organizzativa è pronta", che nell'ultima settimana "sono arrivate circa 4,5 milioni di dosi" e che "per la metà di luglio" avremo una immunità di gregge al 60%. A giugno arriverà invece il certificato "che permetterà…
La missione della Nasa sul pianeta rosso continua a fare la storia. A tre giorni dal primo volo controllato su un altro pianeta, del quale sono state appena diffuse le riprese, ha successo un esperimento che potrebbe consentire agli astronauti di…
L'Agenzia del farmaco europea chiede alla casa farmaceutica di aggiornare il 'bugiardino' inserendo i coaguli di sangue insoliti con piastrine basse fra i possibili rari effetti collaterali. Via libera dell'Ema al vaccino Johnson & Johnson: secondo l'Agenzia europea del farmaco, il…

Utenti Online

Abbiamo 776 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine