ANNO XV Ottobre 2021.  Direttore Umberto Calabrese

×

Notice

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/inprova copy 4

Warning: imagejpeg(/var/www/vhosts/agoramagazine.it/try.agoramagazine.it/cache/jw_sig/jw_sig_cache_3063525a97_11889644_10206324463543513_7557550355739801945_n.jpg): failed to open stream: Permission denied in /var/www/vhosts/agoramagazine.it/try.agoramagazine.it/plugins/content/jw_sig/jw_sig/includes/helper.php on line 152

GIOIOSA JONICA – “Non c'erano soldi ma tanta speranza”, cantava il crotonese Rino Gaetano. Parole che ci sono ritornate alla mente quando una sera in Calabria, a Gioiosa Jonica, l’amico Bruno Pisciuneri ci ha fatto vedere le foto degli Anni Sessanta del complesso musicale dei Girovaghi.

Published in Cultura

GIOIOSA JONICA (Reggio Calabria) - Gioiosa Jonica è stata sempre all’avanguardia nel campo dell’istruzione scolastica, grazie a Maestri illuminati e ad amministratori comunali che sapevano guardare lontano.

Published in Reggio Calabria

GIOIOSA JONICA - Per due giorni Gioiosa Jonica sarà la capitale calabrese dei buoni sapori e del divertimento, con la cucina della tradizione e con il Festival Internazionale di Artisti di Strada. "Gustando il Borgo". Ritorna il 24 e il 25 agosto grazie all'Associazione "Carpe Diem", formata da ragazze e ragazzi che con passione e tanti sacrifici da 7 anni portano avanti un progetto di sviluppo che viene dal basso e che ottiene sempre maggiori consensi. Sorprendente e coinvolgente. Il successo è dovuto anche all'ampia apertura dell'iniziativa che supera i confini regionali, entra nel mondo della globalizzazione con le idee ed i mezzi più moderni, per promuovere l'evento, ottimizzare l'organizzazione e razionalizzare le spese. E a tutto ciò va aggiunta la positiva collaborazione anche con altre autorevoli associazioni. La qualità prima di tutto. La manifestazione è gemellata con "Musicarte" di Ossi (Sassari) ed è organizzata in collaborazione con Legambiente, Coldiretti e Slow Food.


Una crescita continua di presenze perché ci sono idee molto chiare e le proposte sono validissime. Tanta originalità nel rispetto della tradizione. Nessuna ripetitività. L'eccellezza dei fatti concreti, non la routine delle parole inconsistenti. L'altra Calabria c'è. E vuole farsi valere. In questo angolo meraviglioso della Locride si promuove effettivamente il "Made in Calabria", coinvolgendo intelligentemente le persone che hanno a cuore le sorti di questa terra. Ci saranno 10 compagnie internazionali che si esibiranno nelle vie del paese. Artisti di grande fama provenienti da tutta Europa. E dopo tantissimi anni ci sarà il ritorno dei "madonnari". Una grande immagine di San Rocco sarà realizzata al centro della strada principale del paese. Omaggio al patrono di Gioiosa Jonica nella settimana conclusiva dei tradizionali festeggiamenti di fine agosto.


Dare fiducia e ascoltare chi nella terra che è stata la culla della civiltà e della cultura ha buone idee e le realizza bene. Non aspettare che altri ed altrove decidano male e facciano peggio. A Gioiosa Jonica, nel cuore della Magna Grecia, l'esperimento o meglio ancora la scommessa di "Gustando il Borgo", ha finora dimostrato che si possono fare cose buone. Capacità, volontà, umiltà. Le ragazze ed i ragazzi di "Carpe Diem" hanno fatto e stanno facendo bene. Vanno sostenuti. Incoraggiati. Aver puntato sulla rinascita del Centro Storico di Gioiosa Jonica è una prova di grande attenzione dei giovani per le radici, che debbono essere valorizzate. Pietre della storia da illuminare. Da far conoscere.

Lungo il percorso di "Gustando il Borgo" con l'ingresso libero e gratuito e tutti gli spettacoli accessibili a portatori di handicap e mamme con passeggino, ci sono gli artisti di strada, l'area gastronomica, gli artigiani, gli artisti locali, tanta musica e creatività."Gustando il Borgo - ricorda Cristoforo Demartino - nasce 7 anni fa per gioco. Un gruppo di ragazzi decide di fondare la consulta giovanile ed insieme ad un torneo di calcetto nasce Gustando il Borgo. La nascita di Gustando il Borgo è legata maggiormente ad una serie di eventi casuali piuttosto che ad un processo razionale.” 

 

{gallery}inprova copy 4{/gallery}


Quanti eravate all'inizio?

 
All'inizio credo che fossimo 15 ragazzi. Molti non partecipano più. Probabilmente i loro interessi sono cambiati. Fortunatamente ogni anno abbiamo un forte ricambio di persone (anche molto giovani) che si avvicinano a sperimentare la vita associazionistica.

 
Quali sono stati i maggiori problemi quando siete partiti?

 
Gli stessi che abbiamo oggi. Far capire che investire su un gruppo di giovani guidati dalla passione sia la soluzione migliore per il nostro territorio. La nostra terra ha l'ossessione di investire su nomi che vengono da fuori invece che sullo sviluppo di risorse locali.


Quali gli obiettivi finora raggiunti?


Credo che noi ci siamo principalmente divertiti, e questo è il principale risultato. Parallelamente, credo che finalmente Gioiosa Jonica ha una sua manifestazione autoprodotta. Giovani gioiosani sono direttori artistici di uno spettacolo il cui palco è il loro paese.


Qual è il fine ultimo di questo evento che vivacizza l'estate gioiosana?


Modificare il nostro modo di pensare. Non possiamo pensare di continuare ad essere consumatori di qualsiasi cosa, dai beni di prima necessità alla cultura. Dobbiamo rimboccarci le maniche e cambiare. Gustando il Borgo è un progetto culturale senza comparati e professionisti dello spettacolo. 


Nella Calabria del pessimismo ad oltranza , della rinuncia e del deleterio "qui non si può fare nulla di buono", secondo lei le buone idee per camminare di cosa hanno bisogno?


Il pessimismo del "non si può fare nulla di buono" è principalmente spinto dai nostri stessi politici che continuano a tifare per una competizione al ribasso. L'unica cosa di cui avremmo bisogno è sviluppare una vera classe politica che abbia delle reali capacità.


La formula di "Gustando il borgo" può essere applicata anche in altre attività produttive della nostra terra?

 
Credo che la nostra formula possa e debba essere applicata a qualsiasi settore. Basta dire no a comparati, lavorare con i giovani migliori, e lottare lottare lottare!

*già Caporedattore TGR Rai

Published in Reggio Calabria

GIOIOSA JONICA - Meridionali che hanno fatto grande Torino. Sono tanti. E costituiscono straordinari esempi nel mondo della cultura, dell’economia, del lavoro, dell’arte e della musica. Purtroppo c’è chi per un atroce destino ha dovuto lasciare incompiuti tanti progetti. Persone geniali volate in cielo troppo presto. Come il gioiosano Franco Lucà, padre del mitico FolkClub, morto nel giugno del 2008 a Torino. A distanza di sette anni gli amici più stretti (a partire dal pittore Vincenzo Lucà) e i tanti estimatori, lo ricorderanno nella sua Gioiosa Jonica durante la manifestazione “Gioiosa Percussioni Festival”, inserita nell’ambito della terza edizione dei “Tamburi di San Rocco”, festival organizzato dall’Associazione Culturale Battente Italiana e dal Comune di Gioiosa Ionica, in collaborazione con il Comitato festa di San Rocco.

Il 27 agosto ci sarà la consegna del Premio Franco Lucà. Omaggio alla memoria di un talento gioiosano definito da Gabriele Ferraris su la Repubblica “l’intellettuale della musica, profeta del folk”. Con la sottolineatura: ”Le radici calabresi – era nato a Gioiosa Jonica e da ragazzo si era trasferito al Nord con la famiglia - non sono un mero dato anagrafico: come diceva una sua amica ed estimatrice, la folk singer Giovanna Marini, appartenevano alla «calabresità» di Franco la passione, l’entusiasmo, la cocciuta volontà che lo hanno guidato per tutta la vita, gli hanno consentito di realizzare un sogno che oggi è tra le realtà fondanti della cultura torinese”. Ancora Ferraris: “Il sogno si chiama Folk Club. Di per sé, poca cosa: uno scantinato vicino alla stazione di Porta Susa, un centinaio di posti a sedere e un palco minuscolo. Ma in vent’anni, su quel palco sono passati i più grandi musicisti: pure gente usa a frequentare palazzetti e teatri; che per lui, per Franco, e per la magia di quello scantinato, accettava di ritrovare una dimensione antica, un diverso contatto con il pubblico, e di rimettersi in gioco. Lì Vinicio Capossela ha inventato alcuni dei suoi concerti più sconvolgenti, lì è nata la stella di Gian Maria Testa, lì abbiamo ritrovato Pete Seeger e Donovan, e applaudito Irio De Paula e John Hammond, Eugenio Finardi e Teresa De Sio, Georges Moustaki e Odetta e infiniti altri. Da quattro anni, al Folk Club s’era affiancata la Maison Musique di Rivoli, un secondo tempio musicale che Lucà aveva riempito di fascini e d’irripetibili serate”.

Franco Lucà aveva tante idee in testa. Molte le ha realizzate. Puntava sempre sulle novità. Come l’Università della tradizione, il primo ateneo italiano della musica popolare. E proprio da Gioiosa Jonica, all’indomani della prematura scomparsa, è partita la proposta di intitolarla all'instancabile promotore che “per quasi quarant’anni è stato un motore di cultura, senza mai piegarsi alle fredde logiche del mercato. Lui, che di mestiere ha sempre fatto il perito assicurativo, era un magnifico folle, che accettava qualsiasi rischio, anche economico, pur di realizzare ciò in cui credeva”. Il successo non aveva modificato il suo modo di agire. Dopo il premio Tenco, ottenuto nell’ottobre del 2000, disse con molta semplicità: «Una grande sorpresa che mi dà un'ulteriore spinta a continuare su una strada tutt'altro che agevole». Era molto legato al paese dove era nato l’11 ottobre 1949. L'ultima sua visita in Calabria risale al 10 giugno 2007 per partecipare alla festa che il comune di Gioiosa Jonica aveva organizzato in onore del famoso direttore della fotografia Salvatore Totino, figlio di gioiosani e parente di Franco. Una serata voluta dal compianto sindaco Giuseppe Tarzia, durante la quale era emersa la grande tradizione culturale di Gioiosa Jonica, esaltata da Totino e Lucà. Un successo rilevante, oltre i confini nazionali. Un segno di positività, per coltivare anche la speranza dell'avanzamento economico e sociale.

L’intervento di Franco Lucà era stato molto limpido ed incisivo. Con un forte richiamo al valore delle radici. Da decenni in giro per il mondo, famoso, amico di grandi della cultura, di tanti big dello spettacolo internazionale, ma eternamente innamorato del borgo natio lasciato ad appena 10 anni. Aveva innanzitutto esaltato le capacità di Salvatore Totino, ricordando che si erano incontrati 16 anni prima a New York: "Conoscevo la sua testa; si vedeva che aveva cose belle dentro e questo presupponeva una crescita non indifferente. Così è stato". Lucà faceva poi una riflessione sull’emigrazione e la dignità del lavoro dei calabresi. Un elogio agli onesti e ai coraggiosi: "Questo evento riconosce a tantissimi emigrati gioiosani radici così forti e così profonde da permettere loro di diffondere il nome di Gioiosa Jonica nel mondo, non come indice di malavita ma come indice di gente convinta di quello che fa, che si spezza la schiena fino a morire pur di dare dignità al proprio lavoro, alla propria storia e che, qualunque cosa succeda, non spezza mai queste radici che sono assolutamente profonde". Questo accorato atto d’amore veniva apprezzato dal pubblico con un grandissimo e prolungato applauso.

Franco Lucà non aveva mai “spezzato le radici” con l’amata Gioiosa Jonica .Voleva infatti allestire per un mese, nel palazzo Amaduri dove il 27 agosto ci sarà la consegna del premio a lui intitolato, una mostra di parte della sua collezione di straordinari strumenti musicali della tradizione. Già esposta in due edizioni del Salone della Musica di Torino, la mostra ha poi avuto la sede definitiva nell’ex mattatoio di Rivoli. Il progetto era stato messo in piedi nel 2003 e aveva ottenuto la disponibilità del comune di Gioiosa Jonica e delle regioni Piemonte e Calabria. Precisate anche le finalità: “L’evento costituirà una originale attrazione culturale per tutta la regione Calabria, tenuto conto che Gioiosa Jonica è sede di una delle più caratteristiche ed antiche feste dedicate a San Rocco, con annesso ballo popolare, che richiama nell’ultima settimana di agosto almeno diecimila persone e coinvolge centinaia di musicanti e ballerini popolari d’ogni parte d’Italia. Occorre pure precisare che la presenza piemontese nel mese di agosto in occasione delle vacanze estive (ci sono splendide spiagge e mare pulito), tra il ritorno degli immigrati nativi e delle accresciute famiglie, è elevatissima e costituisce il raddoppio di quella residente stimata in circa 7000 unità”.

Il male incurabile non gli ha consentito di realizzare questo sogno. Un uomo forte. Per otto anni ha combattuto contro il tumore. “C'è qualcosa di prodigioso in quell'attaccamento alla vita che ancora l'11 aprile l'ha lasciato festeggiare al Regio i vent' anni del FolkClub”, ha scritto la Republica. Davide Valfrè sottolineava: “Fino all' ultimo non ha mai perso la lucidità. L'ultimo mese l'ha passato a organizzarci per proseguire il suo lavoro. Suo figlio Paolo a Rivoli, io al Folkclub. Mi ha consegnato la sua agendina segretissima con tutti i numeri privati degli artisti”. Una vita per la musica, raccontata in un libro molto interessante. Una lezione per quanti vogliono arricchire il loro patrimonio culturale attraverso inesplorate vie musicali. Dalla “sua Gioiosa” lontana geograficamente, ma sempre così vicina affettivamente, a 7 anni dalla morte un doveroso omaggio musicale. Franco è stato un innovatore illuminato. Un vanto per Gioiosa Jonica. Ha conquistato prestigio e stima in campo internazionale “con quella musica fatta per andarci dietro col canto e con le mani; fuori dalle mode, ispida e ruvida come la sua tempra calabrese”.



*già Caporedattore TGR Rai

Published in Catanzaro

Da Gioiosa Jonica a Stigliano, la cultura della Magna Grecia s’incontra sotto il campanile di S.Antonio con le note della banda  “Il campanile è il punto di riferimento nel mondo, la sua certezza”, affermava Ernesto De Martino, lucido studioso di etnologia e folclore, morto nel maggio di 50 anni fa, che “ a dorso di mulo, solitario e coraggioso, andò a studiare i riti e le magie della Basilicata”, ricordava Giulio Carlo Argan, parlando di “antropologia da pionieri, la scienza più antica del mondo".

Published in Reggio Calabria

Utenti Online

Abbiamo 1206 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine