ANNO XV Ottobre 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Il premier italiano ne parla in due colloqui telefonici con Putin e Macron.

Published in Economia & Finanza

Si è concluso dopo circa 4 ore a Ginevra il summit tra i presidenti americano e russo. 'Vertice costruttivo', ma restano le linee rosse. Biden: 'La mia agenda non è contro la Russia. E' per gli americani'. Putin: 'Biden è diverso da Trump ed è uno statista esperto'. Si è molto parlato di hacker, di scambio di spie, di interferenze, di amicizie e inimicizie ma Joe e Vladimir sono due vecchie volpi delle relazioni internazionali, si conoscono, si pesano con lo sguardo, si temono e, in fondo, pur essendo su sponde opposte (democrazia e autocrazia, Atlantico e Eurasia) alla fine si rispettano.

Published in Attualità

L'oppositore russo aveva deciso di tornare a casa dopo mesi di cure in Germania, dove era stato ricoverato per un avvelenamento attribuito ai servizi segreti. L'oppositore è tornato in Russia dopo 5 mesi in Germania. Fermati una ventina di sostenitori. Di Maio: 'Fatto grave, chiediamo rilascio immediato'. Biden chiede la liberazione. Michel (Ue): 'Il suo l'arresto è inaccettabile.

Published in Cronaca

I dati parziali dello spoglio danno il sì oltre il 77%. Il presidente potrà ricandidarsi al Cremlino per altri 16 anni

Published in Attualità
Martedì, 21 Gennaio 2020 15:27

Guaidó inizia il suo tour in Europa da Londra

Il presidente ad Interim del Venezuela inizia il suo tour in Europa lunedì a Londra, in Inghilterra, dove secondo l'agenda ufficiale del deputato si incontrerà, intorno alle due del pomeriggio, ora locale, con il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab nell'ufficio del Ministero degli Affari Esteri

Published in Venezuela

La manovra politica di non far entrare Guaidò all’Assemblea Nazionale, e di puntare su una finta opposizione di regime, è stata suggerita dal Cremlino (e avallata dai Cinque stelle), ma era cosi estrema da aver scontentato anche i governi della sinistra latinoamericana, scrive Maurizio Stefanini su linkiesta.it ieri 9 gennaio 2020

Published in Venezuela

Mosca ha inviato in Venezuela almeno 315 milioni di dollari in contanti con sei diversi voli tra il maggio del 2018 e l'aprile di quest'anno: secondo Bloomberg il denaro ha "fornito un'ancora di salvezza" al Paese "mentre le sanzioni Usa ne limitano l'accesso al sistema finanziario globale". L'agenzia di stampa sottolinea che "i contanti venivano da prestatori gestiti dai governi dei due Paesi".

Published in Venezuela

Se han enviado cientos de millones de dólares en efectivo desde Rusia a Venezuela, lo que proporciona un salvavidas al país sudamericano, ya que las sanciones de los Estados Unidos limitan su acceso al sistema financiero global.

Published in Sociedad esp

Gli Stati Uniti hanno tradito i curdi, che ora devono allontanarsi dal confine turco-siriano come prevede l'accordo raggiunto ieri da Mosca e Ankara, altrimenti "saranno schiacciati dalla macchina militare turca": lo ha detto il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, citato dalle agenzie russe. Peskov ha inoltre accusato gli Usa di aver "optato per abbandonare i curdi alla frontiera, quasi forzandoli a combattere contro i turchi". Peskov ha affermato che se i curdi non si ritireranno dal nord-est della Siria "le guardie di frontiera siriane e gli agenti della polizia militare russa dovranno tirarli indietro. Infatti - ha sottolineato - le unità curde che rimarranno saranno schiacciate dalla macchina militare turca". Il portavoce di Putin ha quindi dichiarato che gli Stati Uniti "erano il più stretto alleato dei curdi negli ultimi anni.

Published in Estera

Gli Stati Uniti hanno tradito i curdi, che ora devono allontanarsi dal confine turco-siriano come prevede l'accordo raggiunto ieri da Mosca e Ankara, altrimenti "saranno schiacciati dalla macchina militare turca": lo ha detto il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, citato dalle agenzie russe. Peskov ha inoltre accusato gli Usa di aver "optato per abbandonare i curdi alla frontiera, quasi forzandoli a combattere contro i turchi". Peskov ha affermato che se i curdi non si ritireranno dal nord-est della Siria "le guardie di frontiera siriane e gli agenti della polizia militare russa dovranno tirarli indietro. Infatti - ha sottolineato - le unità curde che rimarranno saranno schiacciate dalla macchina militare turca". Il portavoce di Putin ha quindi dichiarato che gli Stati Uniti "erano il più stretto alleato dei curdi negli ultimi anni.

Published in Estera

Utenti Online

Abbiamo 1092 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine