Print this page
Martedì, 04 Giugno 2019 05:01

Pulsano (Taranto) - Angelo Di Lena chiede al Comune adesione alla finanza agevolata

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il consigliere Angelo Di Lena , vice presidente della 2^commissione finanze,tributi e bilancio chiede formalmente al consiglio comunale di pulsano di deliberare sull’adesione alla definizione agevolata così come prevista dall’art. 15 del d.l. 34/2019 (decreto crescita) entro il 29 giugno 2019.

È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.100 del 30-04-2019 il Decreto Legge 30 aprile 2019, n.34 il quale all’art. 15 argomenta sulla :“Estensione della definizione agevolata delle entrate regionali e degli enti locali”.

Ne parla il consigliere Angelo Di Lena ,da sempre vicino alle fasce più deboli della società che ha proposto una mozione al Comune di Pulsano per chiede formalmente la deliberazione sull’adesione alla definizione agevolata così come prevista dall’art. 15 del D.L. 34/2019 (Decreto Crescita) entro il 29 giugno 2019.      

Con mia mozione ho chiesto formalmente al Consiglio comunale di deliberare sull’adesione alla definizione agevolata così come prevista dall’art. 15 del D.L. 34/2019 (Decreto Crescita) entro il 29 giugno 2019. L’articolo 15 in esame prevede la possibilità per gli enti territoriali di introdurre la definizione agevolata dei provvedimenti di ingiunzione fiscale emanati dagli enti stessi o dai concessionari della riscossione.

A tale proposito i predetti enti territoriali potranno stabilire, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto l’esclusione delle sanzioni relative alle predette entrate.

E‘ una misura per venire incontro alle difficoltà economiche della gente che intendo far approvare in consiglio.

Ovviamente saranno gli enti territoriali a stabilire il numero di rate e la relativa scadenza, in relazione alle modalità con cui il debitore manifesterà la sua volontà di avvalersi della definizione agevolata, nonchè i termini per la presentazione dell’istanza in cui il debitore indicherà il numero di rate con il quale intende effettuare il pagamento.

Entro un determinato termine l’ente territoriale o il concessionario della riscossione trasmetterà ai debitori una comunicazione nella quale sono indicati l’ammontare complessivo delle somme dovute per la definizione agevolata, quello delle singole rate e la scadenza delle stesse. In seguito ed in conseguenza di ciò verranno sospesi i termini di prescrizione e di decadenza per il recupero delle somme oggetto di tale istanza. Naturalmente occorre la collaborazione e il rispetto degli accordi perché in caso di mancato, insufficiente o tardivo versamento di una delle rate la definizione non produrrà effetti e riprenderanno a decorrere i termini di prescrizione e di decadenza per il recupero delle somme oggetto dell’istanza.

Read 14022 times