Print this page
Sabato, 01 Febbraio 2020 00:51

Brexit, Johnson: 'La strada dell'Ue non era più la nostra' 'Lasciare l'Europa per noi una meravigliosa speranza'

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il Regno Unito è fuori dall'Ue, la Brexit è in vigore, via le bandiere europee dai palazzi del potere. Il premier Tory: 'Lasciare l'Europa per noi una meravigliosa speranza'. Farage: 'Momento incredibile, abbiamo vinto'. Bruxelles si rammarica, Macron: 'E' uno shock'. Ma ormai tutti guardano al futuro. Conte martedì a Londra

Il Regno Unito non fa più parte dell'Unione Europea e la folla brexiteer riunita a Westminster Square esplode in un boato di giubilo, nel canto dell'inno nazionale (God Save the Queen), fra fuochi d'artificio slogan e una marea di Union Jack a sventolare sotto il cielo di Londra. Il passaggio epocale, in cui la storia dell'isola e del continente hanno voltato pagina ammainando le rispettive bandiere, è stato segnato dal conto alla rovescia proiettato sulla facciata di Downing Street sullo sfondo dei colori del vessillo britannici: fino allo 0, scattato esattamente alle 23 ora locale, quella del meridiano di Greenwich, la mezzanotte del primo febbraio in Italia ed Europa centrale, Bruxelles compresa. Poi si è udito il suono delle campane del Big Ben, ma solo in forma virtuale poiché l'originale è chiuso per restauro. Il countdown è stato proiettato a cifre cubitali pure sulle bianche scogliere di Dover, di fronte alla Manica e alle coste francesi. Mentre in Irlanda del Nord, una linea non tracciata ricompare al confine con la Repubblica di Dublino.

La Gran Bretagna saluta l'Ue e la Manica torna a essere un confine europeo, fra il continente e l'isola
. E' bastato lo scoccare di un minuto a chiudere una pagina di storia durata quasi mezzo secolo, dal 1973 a oggi: quella del matrimonio, d'interesse eppure non privo di frutti, tra Londra e Bruxelles. La Brexit diventa realtà nella notte, l'Union Jack e la bandiera azzurra con le stelle europee si separano, fra i festeggiamenti colorati, ma non proprio oceanici del popolo euroscettico, le recriminazioni di gruppi ancor più sparpagliati d'irriducibili del fronte pro Remain e il rammarico di molti: nel Regno come in altri Paesi, Italia compresa.

"Stanotte lasciamo l'Ue: per molte persone è un momento di meravigliosa speranza". Così Boris Johnson, aprendo il suo discorso alla nazione nel Brexit Day, non senza ricordare tuttavia come molti altri avvertano invece "un senso di ansietà e di smarrimento". E come "un terzo gruppo, forse il più grande", sia soprattutto sollevato dalla fine di "lotta politica" sulla Brexit. Tutti sentimenti che il premier Tory afferma di "comprendere", impegnando ora il suo governo a "riportare il Paese insieme per andare avanti" uniti.
"L'Unione Europea, nonostante tutti i suoi punti di forza e le ammirevoli qualità, è evoluta negli ultimi 50 anni verso una direzione che
non si addice più" al Regno Unito, ha affermato Johnson in una dichiarazione rilasciata nel Brexit Day definendo "sana e democratica" la scelta del divorzio per restituire "sovranità" al Paese su temi quali "controllo dell'immigrazione", commerci, legislazione. Una scelta che "il popolo ha confermato alle urne non una, ma due volte": al referendum del 2016 e alle elezioni di dicembre.

E' "un momento incredibile": così Nigel Farage, leader del Brexit Party e sostenitore ante-marcia della Brexit, arringando stasera la folla riunita a Londra a Westminster Square per celebrare l'uscita del Regno Unito dall'Ue a tre anni e mezzo dal referendum del giugno 2016. "Per tutti questi anni - ha tuonato un Farage emozionato ed esaltato - l'intero establishment ha sostenuto la permanenza nell'Ue e siamo stati io e pochi altri, con l'appoggio di queste migliaia di persone, semplici attivisti, a imporre la questione Brexit sul tavolo". "Siamo stati noi - ha rivendicato - a terrorizzare (l'ex premier conservatore) David Cameron fino a concederci il referendum" e "siamo andati avanti fino alla vittoria".

"E' un giorno particolare per l'Europa. Inizia una stagione nuova. A mezzanotte il Regno Unito esce e dopo tre anni di discussioni facciamo un bilancio delle discussioni con gli amici britannici. L'Unione europea ha tratto vantaggi, perché si è confermata molto più unita". Così il presidente dell'Europarlamento David Sassoli in una dichiarazione.

L'uscita del Regno Unito dall'Unione europea è uno "shock" e uno "storico segnale d'allarme" per "l'intera Europa": lo dice il presidente francese, Emmanuel Macron, a poche ore dalla Brexit.

Un uomo a Londra ha dato fuoco a una bandiera dell'Unione europea. Lo riporta la Bbc pubblicando la foto dell'uomo circondato da un gruppo di 'brexiteers', sostenitori della Brexit. Uno di loro ha al collo un megafono, un altro indossa una maglietta con la Union Jack stampata sopra. Tutti riprendono la scena con i loro smartphone.

"Vogliamo il miglior partenariato possibile col Regno Unito ma non sarà buono come la membership. Appartenere all'Ue conta. L'esperienza ci insegna che la forza non sta nello splendido isolamento, ma nella nostra unica unione". Così la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che ha evidenziato: "Oggi non è la fine è un inizio".

Martedì mattina il premier Giuseppe Conte, a quanto si apprende, sarà a Londra per un evento legato all'organizzazione di Cop 26, che si terrà a Glasgow a novembre. In quell'occasione per il premier è previsto un bilaterale con il britannico Boris Johnson, il primo dopo l'ufficializzazione della Brexit. Sempre martedì Conte volerà a Bruxelles dove incontrerà, rispettivamente, la presidente della commissione Ue Ursula von der Leyen, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e il presidente del Parlamento Ue David Sassoli.
"Dobbiamo fare in modo che il Regno Unito resti un
nostro partner privilegiato e strategico. E dobbiamo lavorare a livello europeo, abbiamo bisogno di un accordo commerciale con zero quote, zero tariffe. Non sarà facile, dobbiamo trovare un equilibrio tra la tutela della nostra produzione e la promozione della vendita nel Regno Unito. E chiederemo conto di questa tradizionale amicizia" a Londra, "chiederemo che alle parole seguano i fatti". Lo afferma il premier Giuseppe Conte intervenendo all'evento Identità e futuro, per i 100 di Confagricoltura.

"A mezzanotte la Gran Bretagna lascia l'Ue. Sarà una notte storica e triste. Che il risveglio porti più forza e fiducia a chi vuol bene all'Europa". Così su Twitter il commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni.

"L'euro era e resta il 'cuore' del nostro comune progetto dell'Europa". Lo ha detto Mario Draghi a Bellevue, a Berlino. Draghi ha citato la centralità della "cultura della stabilità" in questo progetto e il rispetto delle regole, come "dna dell'euro". Ansa

Read 455 times