Print this page
Domenica, 16 Febbraio 2020 22:15

Salvini incontra Roma, l'inno di Mameli 'accende' il Palazzo dei Congressi : l'aborto non è rimedio a uno stile di vita incivile

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Su palco con Matteo Salvini, Claudio Durigon e Francesco Zicchieri. Ad aprire la kermesse l'inno di Mameli, cantato a squarciagola dal pubblico che riempie tutta la struttura dell'Eur. Il leader della Lega: 'Si prende il Pronto soccorso per bancomat per farsi gli affari propri'

"Abbiamo avuto segnalazione che alcune donne, né di Roma né di Milano, si sono presentate per la sesta volta al pronto soccorso di Milano per l'interruzione di gravidanza. Non è compito mio né dello Stato dare lezioni di morale, è giusto che sia la donna a scegliere per se' e per la sua vita, ma non puoi arrivare a prendere il pronto soccorso come la soluzione a uno stile di vita incivile". Lo ha detto Matteo Salvini, dal palco dell'incontro su Roma capitale. "Qualcuno ha preso il pronto soccorso come il bancomat sanitario per farsi gli affari suoi senza pagare una lira", ha aggiunto concludendo: "La terza volta che ti presenti, paghi", la ricetta. 

"Se ritengo che le donne che abortiscono siano incivili? Se si arriva alla settima interruzione di gravidanza significa che si sbaglia stile di vita. Sono d'accordo con i medici che dicono che la donna è libera di scegliere ma se in poco tempo si viene a chiedere la settima interruzione di gravidanza...bisogna spiegarle come ci si comporta", ha affermato il leader della Lega uscendo dal Palazzo dei Congressi. "Io rispetto il diritto di scelta di tutte le donne ma la settima è un rischio per la salute", ha aggiunto. 

Su palco con Matteo Salvini, Claudio Durigon e Francesco Zicchieri. Ad aprire la kermesse l'inno di Mameli, cantato a squarciagola dal pubblico che riempie tutta la struttura dell'Eur.

Pochi simboli della Lega al centro congressi, mentre alcuni giovani militanti indossano una maglietta bianca di sostegno a Salvini: "Io sto con Salvini, processateci tutti".

Roma - "Io sogno una Roma diversa, una Milano diversa, una Italia diversa, fondata su lavoro, bellezza e ricchezza". "A Roma, come per il governo, voglio gente che guardi non a breve scadenza, ma a 50 anni". "Roma - spiega - avrà altre due, tre metropolitane". "La Raggi è pure simpatica, ma pensa di stare a Madonna di Campiglio, pensa alle funivie". "A fronte di tutti i problemi ha portato a casa le funivie", ironizza il leader della Lega: "Abbiamo pure il commento profondo della Raggi - dice poi riferendosi alla sindaca che gli da del chiacchierone - . C'è un sindaco che se non facesse danni, sarebbe anche simpatica". "Andiamo a controllare i campi rom non i bar e i ristoranti, dove ho visto i vigili col metro per misurare sedie e tavolini". "Perché il tavolino è contro il decoro urbano? Sediamoci e beviamoci un caffè". "Mentre invece" a Roma "c'è la monnezza che ti compare ovunque", fa notare il leader della Lega.

"Quello che mi dimostra questa sala e la gente che è rimasta fuori è che noi vinceremo, è sicuro, noi vinceremo, è solo questione di tempo". Poi una frecciata alla Raggi: "Abito dalle parti della fermata della metro Barberini, che è guasta, si fermano i cittadini, e allora mi domando a me mi mandano a processo per sequestro dei migranti, e allora perché non la processano per sequestro di cittadini?".

Sardine - "Le 'Sardine' ci sono o ci fanno? - chiede Salvini - Abolire i Decreti Sicurezza significa togliere soldi, poteri e competenze a Sindaci e Forze dell'Ordine, oltre che dimezzare la forza e gli uomini dell'Agenzia dei beni confiscati alla mafia. Forse qualcuno tifa per mafiosi e delinquenti?".

Europa - "La Ue? Per me vengono prima gli italiani, non si tratta di essere euroscettici, ma si tratta di non essere dei pirla, pagare per un servizio che non c'è".

Fisco- "Io lo dico che l'unico modo per battere l'evasione è abbassare le tasse" ribadisce Matteo Salvini. Poi dice: "E' tutto fermo, vorrei che Roma si riempisse di cantieri, ma se uno fa il furbo vada in galera, ma non blocchiamo i lavori per il sospetto. La differenza tra noi e la sinistra e i cinque stelle è che loro hanno sempre il sospetto".

Suggerisce poi di acquistare nei negozi fisici. "Anche fare la spesa in una bottega e meno in una piattaforma americana è un atto politico - dice Salvini -, la bottega paga le tasse qua, la multinazionale vai a vedere".

"Rubli? Sto in un monolocale" - "Milioni di tangenti in petrolio? Dove li nascondo i rubli, il petrolio? Io ho un bilocale a Milano" dice Salvini, sottolineando come "io penso che bisogna avere buoni rapporti con la Russia, non perché prendo i soldi da Putin".

Read 389 times