Print this page
Giovedì, 23 Maggio 2019 13:42

Venezuela, dove un uovo e 93,3 milioni di litri di benzina costano lo stesso

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Un uovo in Venezuela costa lo stesso 93,3 milioni di litri di benzina e con un dollaro è possibile acquistare il contenuto di 14.600 autocisterne: nella ex potenza petrolifera, l'iperinflazione e la stagnazione dei prezzi fanno sì che il carburante è di fatto gratis.

Il paradosso è che con la benzina più economica del mondo, i venezuelani affrontano cicli di scarsità, l'ultimo dei quali dalla scorsa settimana, con file di diversi giorni per riempire il serbatoio in diverse regioni, compresa la capitale Caracas.

"La benzina è gratis qui", ha commentato l'economista Jesús Casique all'AFP.

Un uovo al supermercato è pagato 933 Bolivar, ma alla stazione di servizio un litro di benzina costa 0,00001 Bolivar.

Un serbatoio da 50 litri fai il pieno con 0,0005 impossibile pagare esattamente importo: la banconota più bassa è di due Bolivar conversione di valuta vigente  voluta da Maduro nel mese di agosto.

Togliendo cinque zeri dal Bolivar è quindi sottratto, ma le nuove banconote sono state polverizzate da un'iperinflazione che l'FMI proiettato a 10.000.000% quest'anno. Le monete non esistono.

"Il piccolo taglio di denaro dato al personale del distributore di benzina  che lo getta ", perché la benzina non ha praticamente alcun costo, ha detto Henkel Garcia, direttore della ditta Econometrica, a AFPTV.

Dollaro, quotato a 5.546 bolivar martedì da parte della Banca Centrale del Venezuela, con lo stesso valore puoi acquistare  554.6 milioni di litri di benzina, abbastanza per riempire 222 piscine olimpioniche.

"Come è stato reso così economico? Con un'inflazione che stava crescendo e un prezzo della benzina stagnante ", ha spiegato Garcia.

- "L'aumento, un "tabù" -

Il piano di adeguamento del 2018 di Maduro comprendeva di aumentare la benzina, anche a prezzi internazionali per le persone senza "Carnet de la Patria", un documento che consente l'accesso alle sovvenzioni e che l'opposizione considera un meccanismo di controllo sociale.

L'aumento non si materializzò mai nel paese con le maggiori riserve di petrolio, la cui produzione è scesa al livello più basso in tre decenni.

Con questo crollo, il Venezuela sta vivendo la peggiore crisi della sua storia moderna.

Per Maduro, la situazione è il prodotto di una "guerra economica" dell'opposizione e degli Stati Uniti per rovesciarlo; ai suoi detrattori, con il capo parlamentare e di agire presidente del Venezuela, Juan Guaidó a testa prodotto di anni di politiche fallimentari di Chavez.

L'aumento della benzina è stato tabù (...). Gran parte del mondo politico pensa che sollevare la benzina può aumentare la pressione sociale e che possono portare a un cambiamento politico ", ha detto Garcia.

Nel 1989, dopo un adeguamento dei prezzi, c'è stata un'esplosione sociale conosciuto come il "Caracazo", che ha lasciato 300 morti a Caracas e città vicine, un fantasma mescolando ogni volta che viene evocato un aumento del prezzo della benzina.

- Poveri sussidi ai ricchi -

Per un litro di benzina da vendere in Venezuela a un prezzo internazionale, dovrebbe raggiungere 4.659 bolivares per litro, ha spiegato Casique.

L'enorme differenza tra questo importo e quello che i venezuelani pagano effettivamente costa allo Stato circa 5,240 milioni di dollari all'anno, secondo gli specialisti.

"Dare gas (...) è un sussidio molto regressivo, perché chi ha le macchine è il gruppo sociale più ricco. Si tratta di un sussidio pagato da coloro che non hanno macchine per coloro che hanno macchine, e questo è qualcosa di molto dannoso ", ha detto Garcia.

Per le difficoltà dei venezuelani, compresi i blackout e la carenza di beni di prima necessità come i medicinali, viene aggiunta la mancanza di carburante.

Al momento, il Venezuela rifinisce solo 100.000 barili di benzina al giorno, metà della domanda, essendo costretta a importare il resto, ha detto il deputato dell'opposizione José Guerra.

Ma, in un contesto di siccità di dollari dovuto alla crisi, "non abbiamo modo di pagare quei 100.000 barili", ha aggiunto Guerra, ex dirigente della Banca centrale.

L'entrata in vigore alla fine di aprile di un embargo petrolifero negli Stati Uniti rende anche difficile l'acquisto di benzina da società americane "che erano quelle che normalmente ci hanno fornito", ha detto García.

Con informazioni su AFP

Libera traduzione di Agorà Magazine

Read 1833 times Last modified on Giovedì, 23 Maggio 2019 14:01