ANNO XIV Luglio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 11 Novembre 2016 08:37

Omaggio a Ennio Morricone. La grande musica del cinema italiano” al teatro verdi di Gorizia

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Nell’ambito del 26.mo festival internazionale “Castello di Gorizia. Premio Francesco Macedonio” Sabato 12 novembre, ore 20.45

Organizzato dal Collettivo Terzo Teatro, sabato 12 novembre, con inizio alle ore 20.45, avrà luogo al teatro Verdi l’evento più atteso del 26.mo festival internazionale “Castello di Gorizia. Premio Francesco Macedonio”: il concerto dal titolo “Omaggio a Ennio Morricone. La grande musica del cinema italiano”, con protagonisti il famoso trombettista triestino Mauro Maur, ritenuto il musicista prediletto dal grande compositore Morricone, e la raffinata pianista italocanadese Françoise de Clossey.

“Il concerto è costituito da una serie di musiche da film di autori come Ennio Morricone, Piero Piccioni e Nino Rota, scritte o trascritte per me - afferma Mauro Maur -, anche se, nel caso di Nino Rota, le trascrizioni sono state fatte da Carlo Savina. È un concerto che vado proponendo dagli anni ’90 in tutti i Paesi del mondo. Ma per me è anche l’occasione di raccontare la storia della mia vita attraverso queste celebri pagine. E alle note si accompagnano poi immagini e filmati: la sceneggiatura, infatti, non è a caso, in quella che è un po’ la mia storia di musicista”.

Mauro Maur inizia a suonare la tromba a Trieste, sua città natale. Si reca giovanissimo a Parigi, dove si perfezionerà con il grande Pierre Thibaud, che lo sostiene come un figlio. 

I riconoscimenti arrivano presto, diventa Prima Tromba all’Orchestra Nazionale di Tolosa, suona all’Opera di Parigi, all’Orchestra Nazionale di Francia, all’IRCAM di Pierre Boulez. A 21 anni, ha già suonato nelle più grandi sale da concerto del mondo, dalla Carnegie Hall di New York, al Hollywood Bowl di Los Angeles, alla Salle Pleyel di Parigi, al Teatro alla Scala di Milano, al Festspiele di Salisburgo, al Megaron di Atene, al Seoul Art Center, al Suntory Hall di Tokio. 

Nel 1985, torna in Italia, vince il Concorso di Prima Tromba all’Opera di Roma, al Teatro San Carlo di Napoli, all’Accademia Santa Cecilia di Roma.

Oltre ad aver eseguito, nella sua carriera, le opere capitali del repertorio classico per tromba, viene richiesto dall’Unione Musicisti di Roma, dove registrerà centinaia di colonne sonore di compositori come Morricone, che gli dedicherà nel 1993 “Ut”, il suo concerto per tromba e orchestra. Mikis Theodorakis, Riz Ortolani, Jerry Goldsmith, Georges Delerue, Piero Piccioni scrivono per lui, richiedono la sua tromba nelle colonne sonore internazionali. Innova la letteratura per tromba moderna creando nuove composizioni scritte per lui da Bussotti, Clementi, Vlad, Mannino, Dashow.

Suonerà ai Funerali di stato di Federico Fellini e della Masina, con i quali aveva uno stretto rapporto anche di amicizia. Maurizio Costanzo lo ospiterà varie volte al suo show. Marzullo e Rispoli fanno altrettanto.

Prima Tromba all'Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma dal 1985 al 2010, ha collaborato e inciso con l’Ars Nova, l’Ircam di Parigi, la Budapest Chamber Orchestra, il Nuovo Quartetto Italiano, con grandi maestri come Muti, Bernstein, Ozawa, Boulez, Maazel, ma anche con Placido Domingo, Tony Scott, Oscar Valdambrini, Paquito D’Rivera, Gloria Gaynor.  Ha registrato con la BMG Ariola, RCA, Sony Columbia e Denon.

Il Conservatorio Tchaikosvky di Mosca lo richiede per le sue Masterclass, così come, la McGill University di Montreal, i Conservatori di Palermo, Firenze, Roma.  

Docente da dieci anni nella prestigiosa YOA Orchestra of the Americas, unico rappresentante del suo Paese, a fianco del Primo Violino dei Berliner Philharmoniker, con i colleghi del Metropolitan di New York, della Cleveland Orchestra, della Filarmonica di Londra, e della Juilliard School di New York, Mauro Maur si contraddistingue per il suo insegnamento prezioso e generoso che offre da anni in Paesi come Cile, Brasile, Stati Uniti, Canada, ma anche in Etiopia, Nigeria, Zambia, Sud Africa, Egitto e Cina.  

Mauro Maur ha ricevuto il Premio Oder 2008 alla Carriera e nel 2009 gli è stato conferito il prestigioso Sigillo Trecentesco, la massima onorificenza della città di Trieste.  È stato insignito, su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri, della distinzione onorifica di Cavaliere dell'Ordine "Al Merito della Repubblica Italiana".

Françoise de Clossey, raffinata musicista italocanadese, ricercata interprete dei grandi classici americani, è nata a Montréal dove ha conseguito il diploma di concertista all’Université de Montréal sotto la direzione di Natalie Pepin, per poi perfezionarsi con la fondatrice del Nouvel Ensemble Moderne, Lorraine Vaillancourt. 

Vincitrice del “Concours de Musique du Québec” e del “Concours National du Canada”, ha iniziato giovanissima ad essere richiesta dagli importanti festival nordamericani. Da molti anni risiede in Italia (è di madre napoletana) e si è esibita in diversi festival internazionali tra i quali il Festival International de Menton, Festival de la Ville de Paris,  London Promenades,  le Settimane musicali di Monaco, I Concerti del Vaticano a Roma, il Carintische Sommer in Austria, a Lubiana, Cracovia, Varsavia, Mosca.

Ha suonato nelle più importanti sale da concerto del mondo, come il Palacio de Bellas Artes di Mexico, il Kunsthalle di Monaco de Baviera, il Teatro dell’Opera di Roma, la Sala Tchaikovsky al Conservatorio di Mosca, il National Center for The Performing Arts di Pechino, etc. Oltre ad aver svolto attività concertistica in Canada e negli Stati Uniti, si è esibita in Italia, Città del Vaticano, Francia, Germania, Inghilterra, Svizzera, Austria, Croazia, Bosnia, Spagna, Portogallo, Svezia, Russia, Kazakistan, Turkmenistan, Lettonia, Georgia, Ungheria, Romania, Repubblica Ceca, Polonia, Argentina, Brasile, Bolivia, Cile, Colombia, Panama, Guatemala, Messico, Arabia Saudita, Kuwait, Turchia, Armenia, Libano, Tunisia, Libia, Marocco, Etiopia, Egitto, Nigeria, Gabon, Congo, Zambia, Mozambico, Sud Africa, Malesia, Thailandia, Singapore e Cina. 

Ha al suo attivo diverse creazioni tra cui la prima mondiale di un’opera di H.M. Gorecki, le prime nord-americane di Sciarrino e Gubaidulina e le prime mondiali a lei dedicate di compositori italiani come Andrea Morricone, Marco Frisina e Mario Pagotto. Ha eseguito recentemente musiche di H. Villa Lobos diretta da I. Karabtchevsky, ha collaborato con il grande cantautore brasiliano Gilberto Gil, ha suonato con la Paquito D’Rivera Orchestra. Le sue esecuzioni dei grandi nordamericani Oscar Peterson, Dave Brubeck, Aaron Copland, Georges Gershwin, Leonard Bernstein trovano sempre posto con grande successo nei recitals in coppia con Mauro Maur, con il quale è stata invitata ad esibirsi per il Re e la Regina di Svezia.

Attiva anche in campo discografico, ha partecipato a numerose registrazioni per la radio e la televisione in tutto il mondo.  Ha insegnato all’Università di Montréal, al Conservatorio Santa Cecilia a Roma e al “MusicaRiva” Festival a Riva del Garda e dal 2008, è professore ospite nella Faculty della Youth Orchestra of the Americas.  Ha firmato un contratto discografico importante per una serie di registrazioni con Mauro Maur, con il quale collabora dal 2003 riscuotendo in tutto il mondo grandi successi di pubblico e di critica, che sottolinea unanimemente il talento di questi artisti e la freschezza e la musicalità delle interpretazioni.

Le prevendite sono attive alla libreria Leg (Corso Verdi 67, Gorizia; 0481 33776) e sul circuito Vivaticket.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1210 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1071 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa