ANNO XIII Ottobre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

×

Notice

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/arci

Warning: imagejpeg(/var/www/vhosts/agoramagazine.it/try.agoramagazine.it/cache/jw_sig/jw_sig_cache_c4727c3526_2016-11-26_10.38.37.jpg): failed to open stream: Permission denied in /var/www/vhosts/agoramagazine.it/try.agoramagazine.it/plugins/content/jw_sig/jw_sig/includes/helper.php on line 152
Domenica, 27 Novembre 2016 00:00

Crispiano (Taranto) – Il Circolo Arci «Mariella Leo» è realtà, ieri l'inaugurazione

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il tempo si può riavvolgere come una pellicola? Strada facendo mi facevo questa domanda, avevo parcheggiato la Punto come al solito distante per scarrozzare a piedi nel centro storico di Crispiano.

Memore del consiglio di un anziano: «prenda quella stradina, terza scala per salire vicino alla chiesa e poi chieda». Due sono le cose che cambiano rispetto a 38 anni fa; in quei tempi lontani lo scrivente non aveva la patente e andava coll’autobus, poi nessuno all’epoca sapeva cos’era l’ARCI, ora ce l’hanno detto tutti… l’ultimo su Corso Umberto: «scenda in fondo troverà, sì che troverà».

Ecco ci siamo, e dopo un po’ ci penserà Anna Sgobbio, battagliera come sempre a ripetere come un mantra, ci siamo sempre… ci siamo da sempre, 38 anni non son pochi. Sono un pezzo importante di una vita, quella della maggior produzione di cose, di fatti, di eventi. Antonio Magazzino, il primo presidente del circolo, poi rincontrato anni dopo come vice-sindaco di questo comune che rientra tra i comuni della Valle d'itria, mi ricorda che quella che cantava canzoni popolari, ora è una nota cantante lirica. Le prime riunioni nel partito comunista, poi nella biblioteca, poi in una piccola sede ricavata da un deposito di un amico.

 E poi arriva l’avvocato, e poi gli altri e le altre ragazze di un tempo. E il tempo si riavvolge, ricordi su ricordi, le feste di ballo popolare con i bambini, ricorrenti e poi arriva l’animatore di un tempo.

La specializzazione che diede Mariella Leo al circolo la descrive, non senza commozione  Anna Sgobbio quando ai bambini assiepati davanti alla sede del circolo dice: “mi chiedete, maestra ma chi è Mariella Leo? Vi rispondo un’amica mia, e questo non vi può interessare, ma forse vi interesserà sapere che lei amava tutti i bambini, diceva che i bambini sono fragili, indifesi ma sono il futuro, bisogna amarli e rispettarli, ai bambini bisogna parlare perché loro capiscono tutto…” 

Il circolo Arci continua ancora oggi quella attività con i bambini. Lo scrivente ricorda che da subito Crispiano divenne Arci Ragazzi un’articolazione il cui responsabile nazionale fu Carlo Pagliarini a livello nazionale e al quale a Crispiano ha dedicato un parco. Carlo che fu amico dello scrivente aveva il grande sogno di dar vita in Italia a una grande associazione laica e di sinistra dei ragazzi.

 Questo fa pensare come fosse ed è radicata l’ARCI a Crispiano. Una piantumazione fatta con il mio modestissimo contributo insieme a tante giovani forti braccia tutte tese a scavare fondamenta per un'aggregazione che è diventata Istituzione Culturale di base al confine della strada che porta al cuore.

Mariella Leo ora è il nome del circolo Arci, una rinfrescata all’acronimo ora corredato da un fiore. Il ricordo…Anna Sgobbio  - da brava maestra ai bambini dice sempre la verità - “Mariella ha avuto una brutta malattia che se l’è portata via. Ma le persone anche quando ci lasciano restano col loro bagaglio di cose fatte, insegnamenti e tante fioriture di ricordi che ora saranno legate ad un nome, a tanti ex ragazzi e ragazze del circolo che saranno sempre presenti alle iniziative dell'associazione.

Una risorsa dei primordi della nostra gioventù che resta presente, anche oggi,  ovvero “ci siamo sempre” dice Anna come un mantra.

{gallery}arci{/gallery}

 

 

 

 

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1665 times Last modified on Domenica, 27 Novembre 2016 17:43

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1133 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa