ANNO XIII Dicembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 20 Dicembre 2016 21:01

Per il concerto di Natale Arezzo gemellata con Firenze

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Arezzo - Si consolida ancora la collaborazione musicale fra Arezzo e Firenze, tanto da proporre un impegnativo concerto di Natale nella incantevole cornice della Cattedrale aretina dei Santi Pietro e Donato.

Per l’occasione sarà eseguita l’opera corale più celebre del maestro veneziano: Il Gloria RV 589 per soli, coro e orchestra. Notissima opera di Antonio Lucio Vivaldi  (Venezia,4 marzo1678Vienna,28 luglio1741), detto anche inno angelico. Vivaldi, che la storia ha definito il prete rosso per il colore dei suoi capelli, ha composto l’opera intorno al 1703 ed il 1717, la data certa non è stata mai definita.

Grande violinista del suo tempo ed autore di opere di straordinaria bellezza, uno dei più grandi compositori di musica barocca. Tra le poche opere a tema sacro dell’autore veneziano il Gloria è sicuramente la più celebre, tuttavia è rimasta ineseguita e dimenticata per quasi due secoli.

Dei dodici movimenti dell’opera per coro, soli, ed orchestra viene spesso eseguito solo il primo:” Gloria in excelsis Deo”, per il servizio liturgico. Oltre alle musiche di Vivaldi saranno eseguite quelle di Corelli con all’organo il Maestro Andrea trovato, attivissimo musicista noto anche all’estero.

Per finire sarà eseguita una selezione internazionale di brani natalizi. L’esecuzione dell’opera vivaldiana è affidata al coro Firenze Vocal Ensamble, accompagnato dall’orchestra OIDA Orchestra di Arezzo e diretta dal Maestro Ennio Clari.

Il concerto è previsto per il 26 Dicembre a partire dalle ore 15.45

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 754 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1318 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa