ANNO XIV Luglio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 05 Gennaio 2017 05:52

Cie, Bordonali: in Lombardia ne serve più di uno

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Milano - "Dispiace notare come molti esponenti del partito del ministro degli Interni facciano muro contro la sua proposta di riaprire i Cie. Noi invece rilanciamo e chiediamo al ministro di aprirne più di uno in Lombardia".

 L'assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione Simona Bordonali, interviene così in merito alla proposta di riaprire i centri di identificazione ed espulsione.

CIE NECESSARI PER PROCEDERE CON ESPULSIONI - "I Cie sono luoghi necessari da istituire per procedere con le espulsioni - continua l'assessore - diversamente dai centri d'accoglienza dove vengono ospitati e mantenuti tutti i richiedenti asilo a prescindere dal fatto che siano profughi, solo il 5 per cento, oppure clandestini, come nella stragrande maggioranza dei casi".

LOMBARDIA AL COLLASSO, SERVONO ESPULSIONI E RIMPATRI - La Lombardia con 23.000 richiedenti asilo è il territorio più flagellato dal problema dell'immigrazione. "Abbiamo anche altre migliaia di clandestini che bivaccano in stazione a Milano e nelle zone al confine con la Svizzera. Abbiamo la necessità di espellere e rimpatriare decine di migliaia di persone. Sull'ubicazione di questi centri siamo disposti a collaborare - conclude Bordonali - ma le città di Como, Milano, Brescia e Monza sono le realtà più problematiche".

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 705 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 980 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa