ANNO XIII Ottobre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 25 Gennaio 2017 16:03

Taranto – Vietri «Il Sindaco rifiuta di dar conto di migliaia di accertamenti tributari errati notificati alla cittadinanza»

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Riceviamo e pubblichiamo integralmente comunicato stampa pervenuto da Giampaolo Vietri – Consigliere Comunale di Taranto – Forza Italia  

Il sindaco in conferenza stampa annuncia di voler avviare un corso di formazione, rivolto ai cittadini, sul funzionamento del comune; un corso che avrebbe fatto bene a frequentare lui visto che è stato, fino alla scorsa settimana, sette anni a capo della direzione tributi del comune e che in questi giorni giungono ai cittadini migliaia di atti di accertamenti tributari completamente errati. Solleciti di pagamento Tari anni 2011 e 2012 inviati in quanto l’azienda pagata dal comune per tale servizio non ha fornito riscontro alla direzione tributi della corrispondenza tra i pagamenti effettuati ed i contribuenti che li hanno eseguiti.

Un inconveniente che ha generato un ulteriore esborso di denaro pubblico, sempre in favore della stessa azienda, a causa della decisione di notificare migliaia di solleciti per stabilire chi avesse pagato, che era poi la maggioranza dei destinatari di tali atti! Non meno grave quanto si è verificato per altrettanti accertamenti ICI relativi all’anno 2011 inviati in quanto, un'altra ditta sempre pagata dal comune, non ha effettuato l’incrocio tra i presunti mancati pagamenti e i dati in anagrafe comunale che evidenziano come per gli immobili oggetto di tali verifiche si trattasse di immobili adibiti ad abitazione principale, esenti ICI nell’anno 2011.

Per questo ho chiesto al sindaco, durante la seduta plenaria della massima assise cittadina, se il comune stesse avviando azioni di rivalsa nei confronti di queste aziende a cui l’ente civico ha demandato – pagando - tali attività di accertamento.

Di fronte, però, ai costi sostenuti dal comune per servizi mal resi da tali aziende, agli ulteriori costi dovuti alla notifica di errati atti di accertamento, alle file interminabili ed al disagio che hanno subito i cittadini per dimostrare la regolarità dei propri pagamenti, all’enorme aggravio di lavoro arrecato agli incolpevoli dipendenti della direzione tributi costretti ad impiegare mesi di lavoro per l’annullamento di tali atti,  il sindaco si è avvalso della facoltà di non rispondere fregandosene di tutto e tutti! La responsabilità, invece, è tutta della politica ed, in particolare, della sua persona, non solo in quanto assessore al ramo ma anche perché tra l’altro, per una direzione così strategica, ha sostituito un dirigente all’anno dimostrando tutta la sua sciatteria di amministratore.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1309 times Last modified on Mercoledì, 25 Gennaio 2017 16:09

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1202 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa