ANNO XVI Luglio 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 30 Gennaio 2017 12:48

Terni - Consulte territoriali, Pennoni (Pd), «Partire senza crederci non ha significato»

Written by 
Rate this item
(0 votes)

 “I modelli partecipativi devono trasformarsi, occorre usare strumenti innovativi” (Ufficio Stampa/Acot) - “Nella seduta consiliare di oggi pomeriggio quasi certamente si chiuderà un punto che si trova all’ordine del giorno da un tempo incredibilmente lungo: l’approvazione del Regolamento di Partecipazione delle consulte territoriali”.

Lo scrive Michele Pennoni, consigliere del Pd e vicepresidente del consiglio comunale, in una nota con la quale oltre a spiegare il suo punto di vista sulla materia, preannuncia il proprio voto sfavorevole. 

“La presentazione di questo atto  - ricorda Pennoni - risale all’inizio della consiliatura, quando dopo pochi mesi dalla fine – obbligata dalla legge - dell’esperienza delle circoscrizioni si è pensato di tappare una falla nel sistema partecipativo cittadino attraverso l’introduzione delle consulte di partecipazione”. 
“Risalire subito in sella tornando a fare ricorso a quanto si era appena lasciato – sebbene privato di poteri esecutivo/gestionali – per evitare il dissolvimento di una eredità così importante e utile, aveva fatto credere a tutti, anche a me, di poter trovare rapidamente una soluzione ampia, appoggiata da tutte la parti politiche, proponendo ad inizio mandato, con davanti quattro anni di esercizio pieno, l'istituzione delle consulte territoriali, cioè quanto di più legalmente aderente al modello appena abbandonato”. 
“Nonostante le migliori intenzioni dei proponenti – continua Pennoni - sono però subito emerse difficoltà nella gestazione delle consulte: tempi troppo lunghi, sforzi di condivisione variabili ma sempre fragili e provvisori, incapacità sostanziale di trovare un'intesa politica ampia da parte dell'assemblea che ha evidenziato sia il diverso interesse delle parti sia la mancata esaustività della proposta”. 
“Il tempo così trascorso è dunque servito a far emergere limiti e criticità del modello e a far ben comprendere che le circoscrizioni mancano, ma che non possono più tornare; il passato non può ripetersi, non è quella la direzione in cui dobbiamo guardare”. 
“Ciò che non può e non deve sparire è la partecipazione: i modelli partecipativi devono trasformarsi. 
“Grazie alla diffusione dei dispositivi on-line, le informazioni locali, perfino particellari, aumentano e con la diffusione aumenta la discussione, innalzando positivamente, tono e profondità del dibattito dimostrando che il desiderio di partecipazione dei cittadini non sta diminuendo ma, al contrario, crescendo e, in assenza di nuovi assetti istituzionali, si estrinseca attraverso uno spontaneismo, talvolta piuttosto confuso, che cerca di colmare quel vuoto”. 
“Venendo a mancare un anello della catena, un ingranaggio fondamentale per la soluzione dei problemi di quartiere - in particolare riguardo la cura del decoro e saldo riferimento per la vita associativa - come intercettare e risolvere oggi questi piccoli, grandi, problemi quotidiani il cui impatto è enormemente rilevante sulla vita delle persone?”. 
“Come incanalare positivamente l'energia e la buona volontà di chi è desideroso di dare il proprio contributo per fare di Terni una città migliore? Potenziando strumenti già esistenti come ad esempio la condivisione dell'amministrazione tramite il Regolamento Beni Comuni e attraverso la piattaforma “Prendoparte”, pensando di dover importare innovazione nella partecipazione aprendosi a soluzioni nuove andando a mutuare, senza vergognarsi copiare, modelli funzionali e snelli da inserire nello Statuto comunale e magari ricercando sinergie istituzionali con chi della ricerca fa il suo mestiere, vedi Università”. 
“L’impellenza di due anni fa era volta a impedire la creazione di una soluzione di continuità nella storia della partecipazione cittadina, ma dopo un periodo di assenza così lunga del decentramento come lo avevamo conosciuto, è evidente quanto non abbia senso riproporre ora un ritorno al passato, nemmeno immaginandolo come base di partenza illudendosi di poterlo modificare in corsa”. 
“Partire prevedendo aggiustamenti in corsa significa non credere sin dal primo momento nella proposta che si sta approvando e, dato che non si deve ottemperare ad una approvazione obbligo di legge, partire senza crederci, tanto per partire non ha significato”. 
“Rimane un problema da risolvere ma non bisogna utilizzare qualsiasi strumento purché sia, ma occorre introdurre vera innovazione. In considerazione di questi aspetti – conclude Michele Pennoni - l’approvazione del Regolamento delle Consulte territoriali in discussione oggi non potrà ricevere il mio voto favorevole”.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1231 times

Utenti Online

Abbiamo 970 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine