ANNO XIV Giugno 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 11 Febbraio 2017 06:02

Torrevecchia Teatina (Chieti) - Sonia Cancian al Museo...lettere d'amore dei migranti

Written by 
Rate this item
(0 votes)

CHIETI - San Valentino speciale con le lettere d’amore degli emigranti. Per chi volesse festeggiare in modo diverso l’amore, ecco un’occasione davvero speciale. Mercoledì 15 febbraio, alle ore 17 e 30, presso la sala dei convegni del Palazzo del Marchese Valignani a Torrevecchia Teatina la docente universitaria Sonia Cancian (Zayed University di Dubai, Emirati Arabi) parlerà del sentimento umano più nobile attraverso le lettere d’amore di due emigranti.

L’iniziativa, che rientra nel ciclo delle manifestazione previste sotto il titolo “Lettere d’amore dall’Italia” è organizzato dall’Associazione AbruzziAMOci, con il patrocinio del Comune di Torrevecchia Teatina e del Museo della Lettera d’Amore, un museo unico al mondo nel suo genere.

L’amore e l’atto di scrivere lettere d’amore sono al centro della nostra storia. Per gli immigranti, i rifugiati e gli esiliati, in particolare, le lettere rappresentano un cartaceo di storie ancorate in spazi transnazionali e tempi diversi, amori passati, amori trovati e amori riaffiorati alla memoria. In molte famiglie, lettere di questo genere finiscono dimenticate nei cassetti, nelle valigie dei nostri nonni, negli attici della vecchia casa paterna e materna. 

Una volta ritrovate, queste lettere mettono in evidenza una costellazione di emozioni (nostalgia, euforia, frustrazioni, delusioni, gioie, gelosie, disaccordi, malintesi, affinità provate in maniera quasi telepatiche) provate sia da vicino che da lontano dagli innamorati. Mettono in luce una realtà che mai avremmo immaginato dei nostri cari: la nostalgia per la famiglia, per la patria, per gli affetti lasciati a casa, nonché la definizione di un amore puro quando ancora si credeva nell’amore.

Un esempio lo offrono le lettere di Antonietta Petris e Loris Palma, una corrispondenza che ha inizio nell’agosto 1946 quando lui tornò a casa nella sua Venezia e lei rimase ad Ampezzo in Friuli. Dopo due anni di corrispondenza intensa, un’interruzione straordinaria sconvolge i loro mondi: una separazione oltre-oceanica. Quello che segue sono le lettere di un amore passionale e razionale, un amore idealizzato che parla di solitudine e compagnia, di sogni e realtà, di delusioni e desideri. In queste lettere, permane un amore che auguriamo non sia un frammento del passato - un passato postbellico quando molti dei nostri partivano per l’America - ma che continui a vivere nei sentieri delle nostre vite.

Sonia Cancian è docente universitario alla Zayed University di Dubai, canadese di nascita ma di origine italiana. Specializzata in storia dell’immigrazione, si occupa di lettere d’amore e altre storie di vita con particolare attenzione agli studi di genere, storia dei media, storia delle emozioni, storia contemporanea canadese e italiana. Ha ricevuto numerosi premi ed è stata titolare di borse di studio per la ricerca. La prof. Cancian ha presentato il suo lavoro in numerosi eventi nazionali e internazionali tra cui Canada, Stati Uniti, Inghilterra, Italia, Francia, Austria, Cina e recentemente ha partecipato al TEDx Talk di Losanna in Svizzera. Ha scritto numerosi articoli, pubblicati in antologie e riviste scientifiche. È autrice del libro Families, Lovers, and their Letters: Italian Postwar Migration to Canada (University of Manitoba Press, 2010). Al momento sta completando un manoscritto su uno scambio epistolare di due innamorati italiani separati dall’immigrazione nel 1948-1949.

CHIETI - San Valentino speciale con le lettere d’amore degli emigranti. Per chi volesse festeggiare in modo diverso l’amore, ecco un’occasione davvero speciale. Mercoledì 15 febbraio, alle ore 17 e 30, presso la sala dei convegni del Palazzo del Marchese Valignani a Torrevecchia Teatina la docente universitaria Sonia Cancian (Zayed University di Dubai, Emirati Arabi) parlerà del sentimento umano più nobile attraverso le lettere d’amore di due emigranti. L’iniziativa, che rientra nel ciclo delle manifestazione previste sotto il titolo “Lettere d’amore dall’Italia” è organizzato dall’Associazione AbruzziAMOci, con il patrocinio del Comune di Torrevecchia Teatina e del Museo della Lettera d’Amore, un museo unico al mondo nel suo genere.

L’amore e l’atto di scrivere lettere d’amore sono al centro della nostra storia. Per gli immigranti, i rifugiati e gli esiliati, in particolare, le lettere rappresentano un cartaceo di storie ancorate in spazi transnazionali e tempi diversi, amori passati, amori trovati e amori riaffiorati alla memoria. In molte famiglie, lettere di questo genere finiscono dimenticate nei cassetti, nelle valigie dei nostri nonni, negli attici della vecchia casa paterna e materna. 

Una volta ritrovate, queste lettere mettono in evidenza una costellazione di emozioni (nostalgia, euforia, frustrazioni, delusioni, gioie, gelosie, disaccordi, malintesi, affinità provate in maniera quasi telepatiche) provate sia da vicino che da lontano dagli innamorati. Mettono in luce una realtà che mai avremmo immaginato dei nostri cari: la nostalgia per la famiglia, per la patria, per gli affetti lasciati a casa, nonché la definizione di un amore puro quando ancora si credeva nell’amore.

 

Un esempio lo offrono le lettere di Antonietta Petris e Loris Palma, una corrispondenza che ha inizio nell’agosto 1946 quando lui tornò a casa nella sua Venezia e lei rimase ad Ampezzo in Friuli. Dopo due anni di corrispondenza intensa, un’interruzione straordinaria sconvolge i loro mondi: una separazione oltre-oceanica. Quello che segue sono le lettere di un amore passionale e razionale, un amore idealizzato che parla di solitudine e compagnia, di sogni e realtà, di delusioni e desideri. In queste lettere, permane un amore che auguriamo non sia un frammento del passato - un passato postbellico quando molti dei nostri partivano per l’America - ma che continui a vivere nei sentieri delle nostre vite.

Sonia Cancian è docente universitario alla Zayed University di Dubai, canadese di nascita ma di origine italiana. Specializzata in storia dell’immigrazione, si occupa di lettere d’amore e altre storie di vita con particolare attenzione agli studi di genere, storia dei media, storia delle emozioni, storia contemporanea canadese e italiana. Ha ricevuto numerosi premi ed è stata titolare di borse di studio per la ricerca. La prof. Cancian ha presentato il suo lavoro in numerosi eventi nazionali e internazionali tra cui Canada, Stati Uniti, Inghilterra, Italia, Francia, Austria, Cina e recentemente ha partecipato al TEDx Talk di Losanna in Svizzera. Ha scritto numerosi articoli, pubblicati in antologie e riviste scientifiche. È autrice del libro Families, Lovers, and their Letters: Italian Postwar Migration to Canada (University of Manitoba Press, 2010). Al momento sta completando un manoscritto su uno scambio epistolare di due innamorati italiani separati dall’immigrazione nel 1948-1949.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1124 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 930 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa