ANNO XIII Ottobre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 28 Febbraio 2017 06:40

Terni - Un disegno di Guttuso donato al Comune

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Ieri mattina, al Caos, la consegna da parte di Lidia Secci dell'opera del 1970- Alla presenza del sindaco Leopoldo Di Girolamo e del prefetto responsabile dell'unità di crisi nazionale Mibact Fabio Carapezza Guttuso, la cerimonia di donazione di un disegno di Renato Guttuso al Comune di Terni.

La consegna da parte di Lidia Secci. L'opera è stata realizzata nel 1970, fu commissionato a Renato Guttuso dalla famiglia Secci come bozzetto della vetrata per la cappella di famiglia che si trova al cimitero di Terni, dopo la morte del figlio Sandro, scomparso nel 1959 in tenera età. Il progetto architettonico della cappella è di Mario Ridolfi, mentre quello del cancello è di Vincenzo Gaetaniello.

Nella cappella è sepolto anche Sergio Secci, morto nella strage alla stazione di Bologna del 1980.
"Voglio ringraziare - ha dichiarato l'assessore alla CulturaTiziana De Angelis-  la signora Lidia Piccolini Secci, già protagonista in passato di diverse donazioni a favore del Comune di Terni, tra le quali una  pregiata serie di stampe  della Cascata delle Marmore). La famiglia Secci contribuisce anche in questa occasione, con la donazione del disegno di Guttuso al Museo d’Arte Moderna e Contemporanea Aurelio De Felice, alla crescita culturale della città di Terni. Il suo è un gesto di grande spessore civico, da parte di una persona e di una famiglia che, pure di fronte ai drammi della vita, hanno saputo reagire con grandissima dignità, generosità, senso delle istituzioni e della comunità"

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 803 times Last modified on Martedì, 28 Febbraio 2017 06:57

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1179 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa