ANNO XIII Novembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 28 Marzo 2017 18:19

Crispiano (Taranto) - Questione migranti: il Sindaco è a caccia di becero consenso o è pura irresponsabilità?

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Riceviamo e pubblichiamo nota del gruppo consiliare Paese Futuro del Consiglio Comunale del comune di Crispiano in provincia di Taranto

Chi si è assunto la responsabilità di amministrare un Comune ha il dovere di affrontare i problemi con il massimo sforzo di oggettività e responsabilità, non quello di assecondare paure o pregiudizi, magari per tentare di risalire la china di un consenso ormai scemato, di fronte a risultati a dir poco deludenti sul piano amministrativo e politico.

Ci sono molti modi per affrontare le questioni, ma il più sbagliato è quello che si basa sulla paura e che alimenta i pregiudizi.

Il video diffuso su Facebook il 24 marzo dal Sindaco Ippolito contiene, a nostro avviso, entrambe le cose.

Pur dichiarando un intento di rassicurazione della popolazione per lo “scampato pericolo” di ospitare degli immigrati a Crispiano, come previsto da norme nazionali, l’effetto della comunicazione è quello di alimentare paura e pregiudizio su un argomento che certo crea molta sensibilità ma con il quale tutti siamo chiamati a confrontarci.

Anche nel nostro Comune ormai da molti anni vivono e lavorano molte persone venute da altre nazioni, spesso svolgendo compiti che noi non vogliamo o non sappiamo più fare, proprio come tanti nostri genitori, nonni, zii o conoscenti che partivano per la Germania, il Belgio o l’America e che, a volte, hanno dovuto subire la stessa diffidenza e ostilità.

Gli immigrati presenti oggi a Crispiano si occupano principalmente, ma non solo, della cura degli anziani e dei disabili. Verso queste persone, a cui probabilmente molte famiglie crispianesi non potrebbero più rinunciare, non abbiamo mai prestato molta attenzione, ma sicuramente non sono loro ad aver gravato sulle spese comunali e ad aver creato quella voragine che, a quanto ci è dato di sapere, sta ingoiando le risorse del nostro Comune.

Certo, la costante attenzione dei mezzi di informazione, prima fra tutte la televisione e poi internet, sui continui sbarchi sulle nostre coste di persone in fuga dalle guerre o dalla fame, ci pongono di fronte ad un fenomeno nuovo per la nostra comunità, che può generare allarme sociale, timore, a volte rifiuto. Ma non potremo a lungo girarci dall’altra parte, facendo finta che la questione non ci riguarderà mai.

Soprattutto chi ha scelto di assumersi compiti istituzionali ha il dovere di avere “una marcia in più” e non può limitarsi ad assecondare la paura ed il rifiuto di affrontare i problemi.

Ci rendiamo conto che la questione va molto al di là delle capacità di questa amministrazione, che a quattro anni dal suo insediamento, ha dato prova finora di non essere in grado di affrontare neanche le questioni quotidiane. Figurarsi problemi di questa portata.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 733 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1115 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa