ANNO XIV Febbraio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 16 Aprile 2017 18:41

Morto Gianni Boncompagni...era la televisione

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il giorno di Pasqua si porta via Gianni Boncompagni che con Renzo Arbore tentò si svecchiare la televisione dello spettacolo, portando idee, innovazioni e tanti talenti scoperti e gettati nel grande schermo.

Nel giorno della resurrezione di Cristo a 84 anni se va un conduttore radiofonico, paroliere, autore televisivo e regista televisivo italiano. Questo poliedrico personaggio nel1977 approda sugli schermi tv dellaRAI, dove conduce il programma musicaleDiscoring,anche questo di straordinario successo: fu uno dei primi programmi musicali destinato a un pubblico esclusivamente giovanile, con un proprio gergo, e con le ultime tendenze del momento sia musicali sia nell'abbigliamento.[senza fonte]

Da allora le esperienze televisive si susseguirono continuamente:SuperstareDrimnel1980e poi, per quasi 10 anni in coppia conGiancarlo Magallicome autore,Sotto le stelleeChe Patatracnel1981,Illusione, musica, balletto e altronel1982eGalassia 2nel1983.

Oggi è conosciuto soprattutto come autore e regista di trasmissioni di grande successo popolare:Pronto, Raffaella?che consacrò la sua ex compagnaRaffaella Carrà(1983/1985) che vinse nel 1984 il titolo diPersonaggio televisivo femminile a livello europeoconsegnato dallaEuropean TV Magazines Associatione per la quale scrisse spesso i testi di alcune delle sue più famose canzoni. Proseguì conPronto, chi gioca?che lanciò la carriera televisiva diEnrica Bonaccorti(1985/1987). Dal1987al1990curò l'ideazione e la realizzazione diDomenica In, dove sdoganòEdvige Fenech, già famosa come icona sexy grazie ai film scollacciati degli anni '70, eMarisa Lauritoche grazie a lui consolidò la sua fama televisiva. Fu proprio aDomenica Inche nacque l'idea a basso costo delcruciverbone e del pubblico di ragazzine figuranti, dotate di talento o semplicemente carine e petulanti, che preludevano quelle che saranno poi protagoniste diNon è la RAI.

Risale infatti al1991il passaggio alle retiFininvest(oggiMediaset) conNon è la RAI: l'ennesimo programma di culto conEnrica Bonaccorti,Antonella Elia, in onda da quell'anno fino al1995. In quelle quattro edizioni Boncompagni è stato sempre al centro delle attenzioni dei media a causa degli scandali legati al programma condotto dalla ancora minorenneAmbra Angiolini. Lo stesso anno realizzò anchePrimadonnaconEva Robin'sBulli & pupe(estate 1992)e poiRock 'n' Roll(1993),praticamente deglispin-offnati dal successo della trasmissione pomeridiana. Il suoalter egoin quel periodo eraIrene Ghergo, coautrice dei suoi programmi.[8]

ANon è la RAIlanciò il personaggio diAmbra, che all'epoca fu un vero e proprio fenomeno di costume,ma dalla fucina del programma pomeridiano furono moltissime le personalità del mondo dello spettacolo che ebbero il loro debutto e che in seguito si distinsero in vari campi dello spettacolo: daClaudia GeriniaLaura Freddi, daSabrina ImpacciatoreaNicole Grimaudo,Antonella Elia, daMiriana TrevisanaFrancesca Gollini. Nella stagione1995/1996collaborò ad un ultimo programma in Mediaset con il programma pomeridianoCasa Castagna, presentato daAlberto Castagna

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 833 times Last modified on Domenica, 16 Aprile 2017 18:54

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 940 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa