ANNO XIV Marzo 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 15 Maggio 2017 00:00

In Italia la giovane danza dei paesi arabi, il via a Torino il 25 maggio

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Parte il 25 maggio da Torino con l'artista di origine libanese, Guy Nader, la rassegna dedicata alla 'giovane coreografia' proveniente dal medio Oriente e dai paesi arabi ('Young arab choreographers') che si svolgerà nelle maggiori capitali italiane sino al 23 settembre.

Tra le città coinvolte Bologna, Pescara, Brescia, Castiglioncello, Roma, Spoleto, Matera, Firenze, Inteatro, FabbricaEuropa, i Teatri di Vetro, Il Festival Danza Urbana, Interplay.

L'obiettivo della rassegna itinerante è quello di facilitare la mobilità, il dialogo interculturale e lo scambio di pratiche performative tra gli artisti arabi e le realtà del territorio italiano, realizzando momenti di incontro, sessioni di lavoro e serate di spettacolo. La manifestazione attraverserà, da nord a sud l'Italia, coinvolgendo ben 11 strutture da anni impegnate nel dare pensiero e visibilità alle molteplici pratiche e poetiche della danza contemporanea.

Selezionati all’interno della Bipod/Beirut international platform of dance, in collaborazione con la Maqamat Dance Theatre di Beirut, il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e il Ministero degli Affari Esteri sei giovani coreografi, tutti provenienti da paesi del bacino del Mediterraneo, sperimenteranno i propri lavori di ricerca attraverso performance, masterclass ed incontri di approfondimento in un tour che spazierà da Torino a Matera, all’interno di spazi e contesti molto diversi tra di loro.

In scena accanto a Guy Nader ancora due artisti libanesi Bassam Abou Diab e Jadd Tank, dalla Tunisia giungerà Hamdi Dridi, dall'Egitto Mounir Saeed mentre Sharaf Dar Zaid sarà regista e coreografo in rappresentanza della Palestina.

Read 746 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1013 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa