ANNO XI  Agosto 2017.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 13 Agosto 2017 00:00

Taranto - In Piazza Maria Immacolata la 105esima tappa de Il Villaggio delle Differenze

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Nell’ambito della campagna socio-sanitaria (patrocinata moralmente da Ufficio Provinciale della Consigliera di Parità, Comune di Taranto, Comune di Carosino, Comune di Faggiano, Comune di Ginosa, Comune di Grottaglie, Comune di Laterza, Comune di Leporano)

di prevenzione e contrasto a fenomeni di omo-bi-transfobia, violenza di genere, xenofobia, cyber bullismo, IST (infezioni sessualmente trasmesse), stigma persone HIV+ (sieropositive) e, più in generale, stigma persone IST+, sabato 12 agosto volontari/ie/* della Hermes Academy Onlus e attivisti/e/* di Strambopoli, braccio operativo di Arcigay nella provincia di Taranto, tornano in Piazza Maria Immacolata (già Piazza Giordano Bruno) a Taranto con “Il Villaggio delle Differenze”, giunto alla 105esima tappa.

Il format debuttò in Piazza Della Vittoria a Taranto il 16 e il 17 maggio 2015, in occasione della Giornata Internazionale contro l’OmoBiTransfobia, per poi ripetersi ogni sabato in Piazza Maria Immacolata a Taranto e, saltuariamente, sull’isola del centro storico del capoluogo di provincia ionico, tra le nchiosce di Grottaglie (TA) e nelle piazze principali di Pulsano (TA), Leporano (TA), San Marzano di San Giuseppe (TA), Faggiano (TA), Martina Franca (TA), Statte (TA), Ginosa (TA) e Laterza (TA).

Il Villaggio delle Differenze prevede una serie di attività creative e formative, al fine di diffondere la cultura delle differenze, raccontare ed ascoltare il sé e l’altro da sé, condividere occasioni di confronto sulle tematiche di genere e LGBTIQ+, sulle IST e sullo stigma HIV+, con amici di ogni età.

L’appuntamento per il secondo sabato di agosto è dalle ore 19.00 alle ore 21.30 in Piazza Maria Immacolata a Taranto.

Tra le varie iniziative della giornata, alle ore 19.30 è previsto il workshop gratuito di scrittura, lettura creativa, narrazione teatrale e arte grafica Voce del verbo Essere: viaggiare insieme con gli altri per conoscere se stessi, attraverso lo studio della parola e della propria corporeità, inteso come lavoro introspettivo, ma anche attraverso la semplice scelta di condividere, mediante un disegno, una poesia, una riflessione su carta, una traccia del proprio “esserci”. Due gli obiettivi fondamentali dei laboratori promossi dalla Hermes Academy dal 2005, nel cui piano formativo il workshop rientra: la ricerca di nuove forme di espressività e lo sviluppo della creatività, della comunicazione e della persona.

La partecipazione è libera e gratuita; per ulteriori informazioni, contattare il +39 388 874 6670.

L’organizzazione ringrazia volontari/ie/*, Polizia Municipale e Digos per la collaborazione.

Il diritto del più forte al Cineforum di Arcigay

Per il Cineforum LGBTIQ promosso dall’Associazione Culturale Strambopoli, braccio operativo di Arcigay nella provincia di Taranto, e dall’Associazione Culturale Hermes Academy Onlus, domenica 13 agosto, a partire dalle ore 21.00, presso la Biblioteca Popolare in Via Pupino #90 a Taranto, verrà proposto “Il diritto del più forte (Faustrecht der Freiheit)”, film del 1975 di Rainer Werne Fassbinder, interpretato dallo stesso Fassbinder nel ruolo di Fox, da Peter Chatel in quello di Eugen e da Karlheinz Böhm in quello di Max.

La partecipazione alla proiezione è libera e gratuita; è necessario, però, prenotare al +39 388 874 6670.

Nel film Fassbinder analizza in maniera spietata e crudele il rapporto di sfruttamento capitalistico e le sue dinamiche, scegliendo come ambientazione il mondo omosessuale ipocrita e borghese della Monaco anni ‘70. Scelta evidentemente non dettata solo da fattori personali (Fassbinder conosceva molto bene quel mondo e ne detestava i meccanismi), ma soprattutto dalla necessità di mostrare come i rapporti coercitivi del potere economico non stiano solo nelle mani di chi comanda ma anche di quelle delle cosiddette “minoranze”. Tematiche del genere sono comuni ad altri film di Fassbinder, ad esempio Le lacrime amare di Petra von Kant e si ritrovano anche nel suo teatro, basti pensare al dramma del 1965 Come gocce su pietre roventi. La critica di Fassbinder, stavolta, è, però, ancora più radicale: la sua accusa al mondo omosessuale non è di semplice passività di fronte alla violenza di cui sono fatti oggetto, ma di complicità al rafforzamento di una classe economica, culturale e sociale che determina, con la propria gestione del potere, la ghettizzazione della condizione omosessuale. Scelta scomoda, che lo ha condotto spesso ad essere frainteso e odiato anche dalla stessa comunità omosessuale.

Sportello Arcobaleno

Non conoscono sosta le attività dello Sportello Arcobaleno, spazio di ascolto per migranti LGBTIQ+ coordinato da Arcigay Taranto, con il supporto dell’Associazione Salam, Hermes Academy e Cooperativa Al-Fallaha, da diversi anni in rete per l’integrazione e la diffusione della cultura delle differenze.

Molti migranti fuggono da paesi in cui l’omosessualità è un reato (77 in tutto il mondo nel 2017) o reprimono la propria sessualità in virtù di retaggi religiosi.

Psicologi, sessuologi, legali e mediatori presidiano il Centro Interculturale Nelson Mandela, in Via Anfiteatro #219 a Taranto, tutti i lunedì mattina dalle ore 10.00 alle ore 12.00.

Attività di accompagnamento allo studio e alla lettura e Cineforum per i più piccoli

La scuola è finita per i più piccoli e le più piccole, ma le attività a loro riservate non conoscono sosta. Lunedì 14 agosto, presso la Biblioteca Popolare in Via Pupino #90 a Taranto, continua l’attività di accompagnamento allo studio e alla lettura creativa per i più piccoli, a cura dei volontari dell’Associazione Hermes Academy Onlus e degli attivisti di Strambopoli, braccio operativo Arcigay nella provincia di Taranto, che ogni giorno dal lunedì al venerdì coadiuvano i più giovani nello svolgimento dei compiti e nell’educazione alla lettura e alla ricerca. Il servizio, offerto dalle ore 17.00 alle ore 19.00, è gratuito; occorre, però, prenotare al +39 388 874 6670.

Nell’ambito del ciclo di proiezioni dedicato ai classici Disney, alle ore 21.00 di lunedì 14 agosto, presso la Biblioteca Popolare in Via Pupino #90 a Taranto, per il nuovo appuntamento del Cineforum sulla diversità dedicato ai più piccoli, verrà proposto “Koda, fratello orso (Brother Bear)”, 44esimo Classico Disney, diretto da Aaron Blaise e Robert Walker, ispirato ad una leggenda del Perù, che racconta come l’istinto degli animali sia paragonabile a quello dell’uomo, che, pur disponendo di una mente superiore, deve imparare ad usarla. Il film, uscito nel 2003, ha ricevuto una nomination al Premio Oscar come miglior film d’animazione nel 2004.

La partecipazione alla proiezione del film è libera e gratuita. È, però, necessario prenotare al +39 388 874 6670.

La reazione americana del film ha evidenziato una netta differenza di opinione tra fondamentalisti cristiani e il resto della società. I fondamentalisti hanno attaccato il film come immorale, per la rappresentazione di un mondo governato dagli spiriti e per aver promosso l’idea di uguaglianza spirituale fra uomini e animali in contrasto con la Bibbia. D’altra parte, la Conferenza Episcopale degli Stati Uniti ha lodato il film come esaltazione di una filosofia simile a quella di San Francesco d’Assisi. USA Today ha elogiato la sua storia morale, con i messaggi sul perdono e la fratellanza.

Per visionare il calendario completo delle iniziative proposte dall’Associazione Culturale Hermes Academy e da Strambopoli, braccio operativo Arcigay nella provincia di Taranto, consultare il sito www.hermesacademy.blogspot.it

Read 482 times

Le Vignette satiriche di Paolo Piccione

 

Utenti Online

Abbiamo 881 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine