ANNO XI  Ottobre 2017.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 13 Agosto 2017 00:00

Migranti, per un sondaggio cala la fiducia, la Boldrini invita a non denigrare i volontari

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Migranti, cosa pensano gli italiani? Cala la fiducia nelle Ong, bene Minniti. Migranti, Boldrini: “Indiscriminata campagna di denigrazione delle Ong” ROMA – Secondo un sondaggio Ixè, presentato oggi ad Agorà Estate (Raitre), in seguito al codice di condotta sulle Ong e dopo le inchieste della magistratura il 39% degli italiani dichiara di aver cambiato in peggio il suo giudizio sulle Ong che si occupano di migranti. Il 12% dichiara di aver cambiato giudizio in meglio. Il 33% ha risposto di non aver cambiato giudizio. Il 16% dichiara di non saper rispondere.

Inoltre, il 46% degli italiani apprezza l’operato di Minniti in tema di migranti perché ritiene stia cercando di risolvere la questione. Il 17% invece lo giudica negativamente perché ritiene abbia una linea troppo severa, il 18% lo giudica negativamente perché crede invece che dovrebbe fare di più_

“Non si spara sulla Croce Rossa, non si colpiscono i soccorritori che intervengono in situazioni di pericolo. A questo principio si sono attenuti i belligeranti di molti conflitti della storia recente. Ma il rispetto e l’ammirazione di cui hanno sempre goduto coloro che cercano di salvare vite e alleviare sofferenze sembrano non valere più per le Ong impegnate nel Mediterraneo, oggetto da settimane di una pesantissima, indiscriminata campagna di denigrazione, vittime di quella ‘inversione morale’ giustamente denunciata da Ezio Mauro”. Comincia così, in prima pagina su Repubblica, una lettera al direttore inviata dalla presidente della Camera, Laura Boldrini.

La presidente sottolinea: “Se tra le Ong qualcuna si è comportata in modo non trasparente e ha violato leggi, è giusto che i singoli responsabili vengano sanzionati. Ma è inaccettabile la criminalizzazione di un intero gruppo sociale. Se un chirurgo sbaglia un intervento e fa morire un paziente deve risponderne, ma non per questo chiudiamo le sale operatorie di tutta Italia. Meritano rispetto le ragioni delle Ong, anche di quelle preoccupate per la presenza di armi a bordo prevista dal codice. Che non significa in alcun modo ambigua equidistanza tra trafficanti di esseri umani e legittime istituzioni democratiche. Va compresa l’esigenza di essere disarmati sempre, comunque e dovunque, perché questo consente loro di operare nelle circostanze più difficili senza prestarsi a nessuna possibile strumentalizzazione del loro ruolo. Neutralità, indipendenza e imparzialità sono condizioni irrinunciabili della loro credibilità”.

Secondo Boldrini la gestione dei flussi migratori “non può essere basata sull’indebolimento del soccorso in mare. Chi ha diritto alla protezione internazionale deve essere accolto e inserito in un percorso strutturato di integrazione, fatto di diritti e di doveri. Chi non ha diritto deve essere rimpatriato, in base alle leggi vigenti. Ma, di fronte a chi rischia di annegare nel Mediterraneo, il primo dovere è tendere la mano e salvare vite, senza preoccuparsi del passaporto di chi sta affogando”, conclude. (agenzia Dire)

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 602 times Last modified on Domenica, 13 Agosto 2017 04:56

Le Vignette satiriche di Paolo Piccione

Sciopero della fame Ius Soli…

Utenti Online

Abbiamo 1741 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa