ANNO XII  Settembre 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 08 Giugno 2018 01:40

Tutela della privacy: nuove accuse per facebook

Written by 
Rate this item
(0 votes)

L'accusa è pesante e stavolta viene dal New York Times. Secondo il giornale americano facebook negli anni passati avrebbe ceduto informazioni sui propri utenti e i loro amici ai produttori di dispositivi mobili, in cambio questi avrebbero diffuso ai propri utenti alcuni dei servizi più popolari offerti dal social.

Si parla di una sessantina di produttori tra cui Samsung, Apple, Blackberry. Facebook ha respinto le accuse dicendo che le informazioni, tipo foto, erano accessibili sui vari dispositivi ma solo quando le persone decidevano di condividerle e ha detto di non essere a conoscenza di eventuali abusi da parte delle aziende partner.

Per facebook non è l'unica accusa della giornata secondo un ex manager dell'azienda ascoltato questo lunedì in commissione all'europarlamento, infatti, almeno fino al 2015 anche i programmatori terzi delle app di facebook avevano accesso a tutti i dati degli iscritti e degli amici, addirittura ai messaggi privati. Insomma lo scandalo Cambridge Analytica era solo l'alba delle inchieste su facebook e privacy. Il vaso di Pandora sembra essere più profondo del previsto. (Euronews)

 

Sei arrivato fin qui Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Agoramagazine.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di agoramagazine.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino al giorno. Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 183 times

Le Vignette di Paolo Piccione

Orfini dichiara: “ora basta, questa volta denunceremo tutto”

 

Utenti Online

Abbiamo 1443 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa