ANNO XIII Dicembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 24 Ottobre 2018 00:00

Gianni Liviano conferenza a Bari, sei interrogazioni e nessuna risposta

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il presidente blindato tace, inseguendo il suo trend fatto di social, foto e eventi pubblici (non se perde neanche uno) e non sente il consigliere eletto nella sua lista da Presidente della Regione...ora nel gruppo misto.

Le interrogazioni di Gianni Liviano sono semplici e garbate domande per quella necessaria trasparenza che vi deve essere negli appalti pubblici della Regione. Non c'è quella cattiveria utilizzata nei suoi confronti tre anni fa quando fu costretto alle dimissioni (anche quelle seguivano un fraterno consiglio "tu dimettiti che poi io respingo" che era una bugia, un tranello) per una vicenda che era il nulla cosmico che abbiamo raccontato nella scomoda verità.
 
Sono sei le interrogazioni al momento senza risposta, che il consigliere Gianni Liviano ha inviato al presidente della Giunta Michele Emiliano e al presidente del Consiglio Marto Loizzo.

“Questa è una grave lesione – ha detto nel corso di una conferenza stampa – delle prerogative dei consiglieri regionali, allo svolgimento corretto delle funzioni istituzionali e politiche”.

Le denunce contenute nelle interrogazioni si riferiscono all’assegnazione di fondi ed alla gestione di bandi attraverso procedure di affidamento diretto nelle Agenzie ed in alcuni Enti regionali, oltre che ad alcune assunzioni a chiamata diretta. 
Il consigliere Liviano ha sottolineato che sarebbero emerse, nelle assegnazioni dirette, una serie di società che con un sistema di scatole cinesi farebbero capo sempre più o meno agli stessi soci. “Il mio non è un intento investigativo – ha detto Liviano – ma desidero immaginare una gestione più corretta dei fondi pubblici. Una coordinazione che renda possibile, fra l’altro, non penalizzare tutte le società che operano nello stesso settore. Pongo il problema dal punto di vista politico”.
Per Liviano le leggi non rappresentano una “rigidità burocratica” ma un punto di riferimento per la corretta gestione della cosa pubblica. “Un elemento imprescindibile nella attribuzione di fondi e incarichi”.
 
“Il mio – ha concluso Liviano – è un comportamento coerente e corretto che si ispira ai valori del centrosinistra. Quei valori che abbiamo sbandierato in campagna elettorale e che puntavano alla costruzione di un futuro fatto di giustizia, legalità e trasparenza, principi che voglio difendere anche nel rispetto del mandato elettorale”.
Read 452 times Last modified on Giovedì, 25 Ottobre 2018 06:08

Media

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1385 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa