ANNO XIV Febbraio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 18 Gennaio 2019 00:00

Il Bauhaus celebra il suo 100 ° anniversario

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Il Bauhaus, la scuola che ha rivoluzionato il design e l'architettura del 20 ° secolo, celebra 100 anni e la Germania lo celebra in grande stile, con oltre 600 attività in tutto il paese.
Non sarà una festa nei musei ma qualcosa di vivo che conserva lo spirito dei pionieri della scuola fondata da Walter Gropius nel 1919 a Weimar.


L'agenda di Berlino prevede la realizzazione di 45 eventi nei primi sei mesi dell'anno. L'inaugurazione del festival della Berliner Akademie der Künste nella capitale tedesca inizia oggi e continuerà fino al 24 di questo mese, con lo slogan "ripensare il mondo".
"Il festival è qualcosa di vivo", ha detto il direttore artistico della manifestazione berlinese, Bettina Wagner-Bergelt.
Berlino, insieme a Dessau e Weimar, è uno dei centri in cui si terranno la maggior parte delle manifestazioni, inaugurato giovedì sera dal presidente della Repubblica, Frank Walter Steinmeier.
Concerti, installazioni, workshop, spettacoli teatrali e di danza si terranno al festival, ha detto il suo direttore.
Il Bauhaus fu chiuso nel 1933 dal regime nazista.

La Staatliche Bauhaus (House of State Construction), o semplicemente Bauhaus, era la scuola di architettura, design, artigianato e arte fondata nel 1919 da Walter Gropius a Weimar (Germania) e chiusa dalle autorità tedesche nelle mani del partito nazista.

Il nome Bauhaus deriva dall'unione delle parole tedesche Bau, "costruzione", e Haus, "casa"; Ironia della sorte, nonostante il suo nome e il fatto che il suo fondatore fosse un architetto, il Bauhaus non aveva un dipartimento di architettura nei primi anni della sua esistenza.

Le sue proposte e dichiarazioni di intenti coinvolgono l'idea di una necessaria riforma degli insegnamenti artistici come base per una conseguente trasformazione della società borghese del tempo, in accordo con il pensiero socialista del suo fondatore. La prima fase (1919-1923) fu idealistica e romantica, la seconda (1923-1925) molto più razionalista e nella terza (1925-1929) raggiunse il massimo riconoscimento, in coincidenza con il suo trasferimento da Weimar a Dessau. Nel 1930, sotto la direzione di Mies van der Rohe, si trasferì a Berlino dove cambiò completamente l'orientamento del suo programma di insegnamento.

Walter Adolph Georg Gropius, fondatore del Bauhaus, nacque a Berlino il 18 maggio 1883. Era figlio e nipote di architetti, studiò architettura a Monaco ea Berlino. Uno degli ideali principali di Gropius era rappresentato dalla seguente frase: "La forma segue la funzione". Stavo cercando l'unione tra uso ed estetica.

La sua carriera è una circostanza che deve essere considerata determinante per l'orientamento ideologico di Gropius. Proveniente dalla borghesia intelligente, ha lavorato a Monaco dal 1907 al 1910 con Peter Behrens, il primo architetto assunto da una grande azienda industriale come direttore artistico (AEG). Da allora in poi, Gropius ha sempre sollevato il problema della costruzione in relazione al sistema industriale e alla produzione di massa, arrivando addirittura a considerare l'edificio come un prodotto diretto dell'industria e lo ha fondato nel 1943, insieme a Konrad Wachsmann, una società di costruzioni prefabbricate.

La fabbrica di Fagus, di architettura rivoluzionaria, gli diede una certa fama nel 1911 - confermata a Bologna nel 1914 - costruendo per l'esposizione del Werkbund un palazzo per uffici di audace concezione strutturale, estetica e tecnica. La Grande Guerra interruppe la sua attività di costruttore, rivendicando il fronte. Ma in quegli anni stava maturando nella sua mente la consapevolezza di avere un altissimo dovere umano da soddisfare: l'architettura doveva giocare un ruolo nel problema sociale che il dopoguerra avrebbe posto con serietà; e questo problema sociale doveva fondersi con l'estetica.

Il Bauhaus ha gettato le basi e i modelli normativi di ciò che oggi conosciamo come design industriale e grafico; Si può dire che prima dell'esistenza del Bauhaus queste due professioni non esistevano come tali e furono concepite all'interno di questa scuola. Senza dubbio, la scuola ha stabilito le basi accademiche su cui una delle tendenze predominanti della nuova architettura moderna sarebbe basata in larga misura, incorporando una nuova estetica che coprirà tutti gli aspetti della vita quotidiana: dalla sedia in cui siediti alla pagina che stai leggendo (Heinrich von Eckardt). Data la sua importanza, le opere del Bauhaus di Weimar e Dessau sono state dichiarate patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1996.

Essendo il regista Ludwig Mies van der Rohe, la scuola soffrì delle crescenti molestie da parte del nazismo. Poiché l'ideologia del Bauhaus era vista come socialista, internazionalista ed ebraica, i nazisti chiudevano la scuola.

Molti dei membri dello stesso, tra cui lo stesso Walter Gropius, rifugiati, si stabilirono definitivamente negli Stati Uniti per continuare con i loro ideali.

Read 962 times Last modified on Giovedì, 17 Gennaio 2019 20:40

Utenti Online

Abbiamo 1149 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa