ANNO XIII Settembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 29 Agosto 2015 14:53

Taranto - Dante Capriulo: "A poco serve in Provincia piangere lacrime di coccodrillo"

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Riceviamo e pubblichiamo nota del consigliere provinciale Dante Capriulo in ordine alla Provincia di Taranto e alle autorizzazioni dell'ente nei confronti della Cisa che hanno dato adito a diverse polemiche 

 

"Sulla vicenda dell’autorizzazione AIA alla società Cisa siamo alle lacrime di coccodrillo. Quanto accaduto in Provincia, emerso solo a seguito di una inchiesta giornalistica e al netto delle esagerazioni  Interpretative, è frutto del modus operandi della nuova maggioranza che governa l’ente: per cui trasparenza e partecipazione sono un optional.

Francamente non capisco di cosa si meravigliano i rappresentanti di Forza Italia e del PD locale, che sono i protagonisti dell’inciucio perpetrato a settembre dello scorso anno; l’accordo presumo sottendesse anche il modo di gestire.


Vorrei sommessamente ricordare a tutti che esiste una maggioranza politica composta da 12 consiglieri su 13. Maggioranza schiacciante che non mi risulta abbia mai assunto critiche posizioni amministrative. Sin dall'inizio il presidente Tamburrano ha interpretato l'accordo largo con la gestione dell'ente al pari di un “club di amici”: senza nessuna prospettiva politica, cercando di spartirsi tutto quello che si potevano spartire (partecipate docet). Innescando anche una antipatica amicopoli o parentopoli. 


Bastava leggere con spirito critico le linee programmatiche presentate da Tamburrano al primo consiglio provinciale per comprendere che sull'ambiente si andava nella direzione delle autorizzazioni facili. La linea politica del “lassaiz faire” era evidente. Eppure in consiglio solo il sottoscritto contestò tale proposizioni. E fui immediatamente isolato e schernito. La vicenda dell’AIA alla Cisa, aldilà delle doverose procedure di legge e ripeto delle esagerazioni interpretative e comunicative, si inserisce in questo modo confuso ed arruffone con cui si governa l’ente provinciale. Con una procedura non lineare e con la vicenda del Comitato Tecnico Provinciale tutta da chiarire:   a cominciare dal perché alla data di rilascio dell’AIA non risulta ancora costituito, pur con una procedura partita ad aprile del 2014 (D.D. 32 del 2/4/2014) e con le figure già individuate dal dirigente Dilonardo Martino (lo stesso della autorizzazione AIA), con determinazione n. 35 del 16/4/2015.

Mistero


Ribadendo, per quello che ci riguarda, che considerata la nostra linea politica di “nemmeno un grammo di
inquinamento in più sul nostro territorio”, si tratta pur sempre di un impianto complesso di trattamento di rifiuti  speciali, nel caso di specie anche con tracce di radioattività, quindi una nuova attività che aumenta le potenzialità  inquinanti dell’impianto CISA, per cui c’è la nostra contrarietà amministrativa a queste nuove autorizzazioni.
Riteniamo, sul piano politico locale, che a poco serve versare lacrime di coccodrillo da parte di chi con
Tamburrano e Forza Italia governa la provincia.

Da unico rappresentante in provincia del centrosinistra coerente con il mandato elettorale ricevuto mi rivolgo innanzitutto al PD provinciale: di prendere le distanze da Tamburrano, di rimettere tutti gli incarichi, di chiedere una verifica politico amministrativa  sugli aspetti che riguardano tutte le autorizzazioni ambientali, sulle prospettive di sviluppo, sulle società partecipate, sul personale dell'Ente, sui lavori pubblici bloccati, sulla situazione finanziaria, sugli incarichi conferiti, etc., etc..


Premettendo la richiesta di trasparenza e partecipazione sugli atti dell'ente. Analogo appello rivolgo al presidente Michele Emiliano, nella sua funzione di segretario regionale del PD. Egli fu il primo a mettere in evidenza la sostanziale incompatibilità che a presidente della provincia fosse eletto il sindaco di un comune coinvolto in numerosi procedimenti autorizzativi ambientali. E' stato facile profeta ma ora necessita intervenire.
Solo così potremo evitare che il nuovo ente di secondo livello non diventi uno dei peggiori e dannosi della storia amministrativa della provincia di Taranto.
Per quel che mi riguarda chiedo, e lo farò anche formalmente, al presidente Tamburrano di rendere note tutte le autorizzazioni ambientali in corso.



Consigliere Provinciale di Taranto Capo
Gruppo consiliare CENTROSINISTRA

Read 547 times Last modified on Giovedì, 03 Settembre 2015 15:59

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1061 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa