ANNO XV Marzo 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 11 Maggio 2019 04:41

Saviano, anche Siulp e Mosap condannano l'esternazione dello scrittore

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Le esternazioni dello scrittore Roberto Saviano sulla polizia ha scatenato tutte le organizzazioni sindacali degli agenti di polizia. Dopo il Sap ecco Siulp e Mosap

ROMA, 10 MAG - ''Le donne e gli uomini della Polizia rischiano la vita ogni giorno per assicurare la legalità e la sicurezza dei cittadini. Nel nostro dna c'è solo lo Stato e Roberto Saviano dovrebbe saperlo!''. Lo dichiara in una nota il segretario generale del Movimento sindacale autonomo di Polizia Fabio Conestà.  

Anche il Siulp interviene con un comunicato a firma del suo segretario generale Romano: " su parole Saviano diciamo giù le mani dalla Polizia".  Il lungo comunicato del sindacato continua: "Il tifo da stadio che contrassegna le polemiche sterili di chi, per meri interessi di parte, vuole strumentalmente e forzatamente schierare la Polizia di Stato, le sue donne e i suoi uomini a servizio di questo o di quello schieramento partitico, sono infondate, eversive e irriguardose del prestigio e della integrità dell’Istituzione ma anche dei suoi caduti che, senza se e senza ma hanno sacrificato la propria vita a difesa della democrazia e della sicurezza dei cittadini e dei valori costituzionali.

Ci saremmo aspettati, soprattutto da chi ha un ruolo pubblico, non solo maggiore rispetto ma soprattutto cautela nel commentare l’operato della Polizia di Stato a garanzia dei diritti costituzionali di chi, nella competizione elettorale, manifesta idee diverse e contrapposte ad altri schieramenti. Soprattutto quando ciò avviene nel rispetto delle leggi e dei regolamenti che disciplinano le fasi della campagna elettorale.

Etichettare donne e uomini che garantiscono l’espressione delle proprie idee, purché non palesemente contrarie alle leggi e ai valori costituzionali del nostro Paese, anche a rischio della propria incolumità considerato il frequente livello di inciviltà e violenza che si registra negli scontri elettorali, è il modo più veloce per collocarsi nella schiera dei violenti e di chi non ha rispetto per i servitori/rappresentanti del nostro Stato democratico.

La non condivisione delle idee di uno schieramento politico non può passare attraverso l’offesa alle migliaia di donne e uomini della Polizia di Stato che con abnegazione e senso del dovere garantiscono a tutti di esprimere le proprie idee.

E’ veramente penoso constatare, conclude Romano, che quando non si hanno argomentazioni politiche da contrapporre agli avversari politici, si sceglie la strada dell’offesa e della denigrazione dei servitori dello Stato. Giacché questa vicenda una cosa ce l’ha insegnata a noi addetti ai lavori: ovvero che in questo Pese è giunto il momento che a parlare di sicurezza e di lotta alla criminalità siano quelli che veramente si impegnano nel contrasto alle mafie e non più i tuttologi che con le mafie si arricchiscono e trovano posizioni di visibilità pubblica e diversamente mai avrebbero avuto.

 

Read 737 times

Utenti Online

Abbiamo 989 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine