ANNO XIII Novembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 07 Ottobre 2019 02:16

Il centro della Via Lattea esplose quando antichi antenati umani camminavano sulla Terra

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Circa 3,5 milioni di anni fa, un gigantesco bagliore di energia colpì il centro della nostra galassia, la Via Lattea. La radiazione emessa scoppiò in due coni energizzati che erano così potenti che l'impatto fu sentito a 200.000 anni luce di distanza.

Il bagliore, chiamato bagliore di Seyfert, iniziò in piccolo vicino al centro della galassia che è dominato da un buco nero supermassiccio. Quando i coni si formarono e si fecero strada attraverso la galassia, si espansero.

Il bagliore fu avvertito nel torrente Magellano a 200.000 anni luce di distanza, una scia di gas proveniente dalle galassie nane vicine come le Grandi e Piccole Nuvole di Magellano.

Cosa potrebbe scatenare un'esplosione così grande? I ricercatori ritengono che si trattasse di attività nucleare collegata al buco nero. Il buco nero si chiama Sagittario A, o Sgr A *. Rispetto al nostro sole, il buco nero è 4,2 milioni di volte più massiccio.

I ricercatori sono stati in grado di utilizzare i dati del telescopio spaziale Hubble per comprendere e calcolare l'esplosione. Le loro scoperte saranno pubblictate su The Astrophysical Journal.

Il bagliore deve essere stato un po 'come un raggio di un faro", ha dichiarato Joss Bland-Hawthorn, autore e professore di studio presso l'Università di Sydney e l'Australia Centre for All Sky Astrophysics in 3 Dimensions, chiamato ASTRO 3D. "Immagina l'oscurità, e poi qualcuno accende un faro per un breve periodo di tempo."

I ricercatori hanno determinato che l'esplosione è avvenuta 3,5 milioni di anni fa, all'epoca in cui antichi antenati umani come gli Australopitechi erano in Africa. La collisione di asteroidi che portò all'estinzione dei dinosauri avvenne 63 milioni di anni prima.

L'esplosione è durata per circa 300.000 anni.

"Questo è un evento drammatico accaduto qualche milione di anni fa nella storia della Via Lattea", ha dichiarato Lisa Kewley, co-autrice e direttrice di ASTRO 3D. "Un'enorme esplosione di energia e radiazioni è emersa proprio dal centro galattico e nel materiale circostante. Ciò dimostra che il centro della Via Lattea è un luogo molto più dinamico di quanto avessimo pensato in precedenza. È una fortuna che non risiediamo là." 

Questa ricerca fa seguito al precedente lavoro di Bland-Hawthorn che stabiliva che l'evento esplosivo era correlato all'attività del buco nero, piuttosto che a una esplosione nucleare. Ma i ricercatori hanno riconosciuto che saranno necessarie ricerche future per aiutare a determinare di più sull'evoluzione dei buchi neri e su come tale comportamento possa influenzare le galassie.

"Questi risultati cambiano radicalmente la nostra comprensione della Via Lattea", ha detto Magda Guglielmo, co-autore di studi dell'Università di Sydney. "Abbiamo sempre pensato alla nostra Galassia come a una galassia inattiva, con un centro non così luminoso. Questi nuovi risultati aprono invece la possibilità di una reinterpretazione completa della sua evoluzione e natura. L'evento flare che si è verificato tre milioni di anni fa era così potente che ha avuto conseguenze sull'ambiente circostante la nostra galassia. Siamo testimoni del risveglio della bella addormentata ". (CNN)

Read 615 times Last modified on Lunedì, 07 Ottobre 2019 15:10

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 971 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa