ANNO XIV Luglio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 24 Aprile 2020 08:24

Un tarantino di Berlino vuole donare alberi a Taranto e si chiede come mai cosi poco verde nella sua città

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Lettera di un tarantino, Domenico Colucci, da anni migrato a Berlino, ci scrive per parlare di un problema di forestazione urbana; giriamo l'appello a chi di dovere

Gentile Signor De Giorgi, chi le scrive e' un tarantino che da anni vive in Germania. Volevo chiederle come posso contribuire direttamente e donare degli alberi da piantare a Taranto? Poi vorrei anche porle brevemente un tema che pero' sicuramente ha gia' fatto suo da tempo. Come e' possibile che a Taranto esistono cosi tanti terreni abbandonati dove crescono solo sterpaglie e non si riesce in alcun modo a dare nuova vita a quei terreni creando dei parchi o meglio ancora dei boschi? Io vivo in una citta' (Berlino) che, nonostante l'intensa attivita' edile degli ultimi anni, offre dei grandi parchi giardini boschi e zone verdi in ogni quartiere perche' per regolamento del piano urbanistico ogni tot. metri quadri edificabili deve esserci una zona verde. Perche' in una citta' martoriata dal punto di vista ambientale come Taranto che ha anche tanti terreni abbandonati, non si riesce a creare delle vere zone verdi che per me non vuol dire mettere qualche alberello e coprire il terreno con dei mattoni o del cemento ma vuol dire piantare tanti alberi su terreno vivo magari ricoperto da erba e non di certo cemento. Io sto provando a scrivere anche al comune di Taranto ma dubito che qualcuno degli uffici vorrä rispondere ad un cittadino solo che magari viene anche visto come un povero matto nulla facente. Sarebbe magari piü efficace un azione pressante di piü persone ed ecco perche' mi rivolgo a lei e al Corita che trovo sia un' iniziativa importante che magari unendosi anche ad altre realtä locali puö ottenere degli ottimi risultati. Siamo in un periodo storico importante che puö rappresentare una vera svolta nel modo di intendere l' economia e i rapporti sociali. Una possibilitä unica per creare vita in luoghi dove abbandono disagio e inquinamento hanno troppo spesso portato malessere e morte. Scusi se sono stato lungo ma la tematica e la cittä di Taranto mi sono a cuore. Resto disponibile per qualunque iniziativa possa avere un supporto a distanza. Distinti saluti, Domenico Colucci.

Read 417 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1259 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa