ANNO XIV Agosto 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 30 Giugno 2020 17:48

Maduro dà a Isabel Brilhante Pedrosa Ambasciatore dell'UE a Caracas 72 ore per lasciare il Paese

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Isabel Brilhante Pedrosa Ambasciatore dell'UE a Caracas Isabel Brilhante Pedrosa Ambasciatore dell'UE a Caracas

Il presidente ha dato al diplomatico 72 ore per lasciare il paese. "Basta con il colonialismo europeo contro il Venezuela", urlò il leader Chavista. Nicolás Maduro, ha dato lunedì un termine di 72 ore all'ambasciatore dell'Unione Europea (UE) a Caracas, Isabel Brilhante Pedrosa, per lasciare il Paese, dopo le sanzioni UE contro 11 funzionari del Regime venezuelano.


Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha dato a Isabel Brilhante Pedrosa, l'ambasciatore dell'Unione europea a Caracas, 72 ore per lasciare il Paese.
La decisione è stata presa dopo aver respinto le sanzioni imposte al deputato Luis Parra e ad altri 10 collaboratori del suo regime per aver tentato di contrastare l'operazione dell'Assemblea nazionale e aver violato l'immunità dei parlamentari.
"Ho deciso di dare all'ambasciatore dell'Unione europea a Caracas 72 ore per lasciare il nostro paese. Basta il colonialismo europeo contro il Venezuela", ha chiesto durante un atto al palazzo Miraflores di Caracas.
Maduro ha affermato che "l'UE sanziona i venezuelani che, facendo parte delle istituzioni statali, rispettano la Costituzione".
"Hanno sanzionato la direttiva dell'Assemblea nazionale perché ha rifiutato di eseguire ordini dall'Ambasciata dell'Unione Europea a Caracas", ha detto.
E chiese "chi sono loro per cercare di imporsi con minacce. Basta con il colonialismo europeo, con la persecuzione contro il Venezuela".
"Ci riusciremo, in 72 ore gli presteranno un aereo per partire, ma è abbastanza. Se non vogliono che partiamo", ha detto.
Parra, proclamato da Chavismo e una minoranza dell'opposizione come presidente del Parlamento, è stato sanzionato dall'Unione Europea (UE), per la sua partecipazione agli attacchi contro la legittima Assemblea Nazionale guidata da Juan Guaidó, riconosciuto come presidente ad interim da più di 50 paesi.
Secondo l'opinione dell'organizzazione multilaterale, queste persone hanno contribuito al "indebolimento della democrazia, dello stato di diritto e dei diritti umani" nel paese, aggravando la "crisi politica ed economica che questa nazione sudamericana sta attraversando".
"So perché giocano in vantaggio. L'Unione europea finisce nella coda di Donald Trump. Che peccato. 27 paesi in ginocchio a Trump e alle sue politiche irregolari sul Venezuela.
"Chi può spiegarlo in Europa? Riconoscono un burattino come presidente in carica", ha frustato.
Maduro ha detto di aver incontrato gli ambasciatori che si trovano in Venezuela e "si vergognano di quello che hanno fatto a gennaio 2019, e io gli ho ripetuto più volte: falliranno e falliranno".
"L'UE ha fallito con il fuggitivo della giustizia Juan Guaidó", ha aggiunto.
Secondo Maduro, la decisione dell'organismo europeo è dovuta alle sue presunte intenzioni di "sabotare" quelle parlamentari previste dalla Costituzione per il secondo semestre di quest'anno.
"Vogliono evitare ciò che sarà inevitabile, vogliono minacciare chiunque, nell'esercizio dei loro diritti politici, decida di registrarsi per candidarsi come deputato all'Assemblea Nazionale. Questo è ciò che stanno cercando. Chiunque si registri sarà punito. Che paura Che terrore, stai attento e non dormiremo "disse ironicamente.
In questo senso, ha ribadito che quest'anno ci saranno "elezioni libere, trasparenti e parlamentari con la partecipazione di migliaia di candidati".
D'altra parte, ha affermato che era presso l'ambasciata spagnola a Caracas, dove è stata pianificata l'incursione armata frustrata del 3 e 4 maggio sulle coste degli stati di La Guaira e Aragua, nota come "Operazione Gideon". "È stato presso l'ambasciata spagnola, l'attuale ambasciatore spagnolo (Jesús Silva) in Venezuela, che è stato complice del criminale e terrorista Leopoldo López, pubblicato dal Wall Street Journal per assassinarmi, assassinare l'alto comando politico e per un'incursione armata a imporre un governo di forza, fantoccio degli Stati Uniti ", ha detto.
Ha indicato che il Venezuela riserva azioni diplomatiche al diplomatico per la sua partecipazione all'incursione armata e la sua complicità con gli atti criminali segnalati.
"Si aspettano notizie nelle prossime ore", ha detto.
La cosiddetta "Operazione Gideon", che aveva tra i suoi obiettivi la "cattura, detenzione e rimozione" di Maduro, lasciò più di 40 detenuti, tra cui 2 cittadini degli Stati Uniti. (ANSA).

Read 104 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1072 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa