ANNO XIV Agosto 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 08 Luglio 2020 21:23

Coronavirus: focolaio in azienda parmense, 42 casi

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Trentatre sono dipendenti di ditta lombarda che fornisce manodopera. Un focolaio di coronavirus è stato rilevato in un'azienda della provincia di Parma. Si tratta della Parmovo, azienda di produzione di ovoprodotti, di Sanguigna di Colorno. A rilevare il nuovo focolaio sono l'Azienda territoriale sanitaria Val Padana, l'ente sanitario delle province lombarde di Mantova e Cremona e l'Ausl di Parma. In tutto i lavoratori risultati positivi al Sars-Cov2 sono 42.

Il focolaio principale è costituito da 33 lavoratori, tutti residenti nella zona di Casalmaggiore (Cremona) e Viadana (Mantova) e dipendenti di una società di servizi lombarda che fornisce manodopera a diversi contesti produttivi, compresa l'azienda parmense. La maggior parte di questi ultimi casi rilevati nel territorio dalla bassa lombarda, spiega l'Ats Val Padana, non è da ricondurre "ai focolai del Viadanese" ma è "l'esito di ulteriori attività di indagine" avviate "nei giorni scorsi su un contesto lavorativo collegato a un'attività produttiva sita in provincia di Parma, nel quale si sono registrati dei casi di positività al Covid-19".

A questi 33 lavoratori positivi si aggiungono altri 9 casi di positività. Si tratta di persone (alcuni sono residenti fuori regione) impiegate in attività produttive della Bassa parmense, entrate in contatto con i casi positivi di una cooperativa di lavoro con sede legale in Lombardia. La loro positività è stata riscontrata grazie allo screening realizzato dall'Ausl di Parma, a seguito di segnalazione dell’Ats Val Padana di persone positive al virus, residenti in Lombardia, che lavorano nella Bassa parmense come prestatori d’opera della suddetta Cooperativa.   Ansa

Read 95 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1173 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa