ANNO XIV Settembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 12 Luglio 2020 17:42

Papa : "Pensiero a Istanbul, addolorato per Santa Sofia" Istanbul, Santa Sofia sarà di nuovo una moschea

Written by 
Rate this item
(0 votes)

"Il mare mi porta lontano, penso a Istanbul, penso a Santa Sofia, sono molto addolorato". Così il Papa, parlando a braccio dopo la preghiera dell'Angelus a San Pietro, ha voluto esprimere il suo rammarico per la decisione della Turchia di riconvertire in moschea il simbolo di Istanbul. Dopo aver salutato "tutti coloro che lavorano sul mare, specialmente quelli che sono lontani dai loro cari e dal loro Paese", Francesco ha alzato lo sguardo e ha espresso, non senza una nota di commozione nella voce, il suo dolore.

Istanbul, Santa Sofia sarà di nuovo una moschea

Santa Sofia a Istanbul tornerà ad essere una moschea. Come anticipato, il Consiglio di Stati turco ha annullato il decreto del 1934 che aveva trasformato uno dei monumenti simbolo di Istanbul - fino al 1453 basilica e poi moschea - in un museo. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha firmato il decreto con cui ordina il passaggio. Erdogan ha condiviso il decreto su Twitter con il commento "Congratulazioni" un'ora dopo la sentenza del Consiglio di Stato. Non è ancora al momento chiaro quando riaprirà ai fedeli.

La prima preghiera islamica a Santa Sofia si terrà il 24 luglio. Lo ha annunciato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, affermando che occorreranno dei giorni per allestire l'ex museo ad accogliere i fedeli musulmani. "Se Dio vorrà ci uniremo tutti insieme qui in preghiera il 24 luglio e la apriremo (Santa Sofia, ndr.) alle preghiere", ha detto Erdogan in un messaggio televisivo. Il presidente ha spiegato che potrebbero essere necessari fino a sei mesi per riconvertire del tutto l'ex simbolo cristiano. Erdogan ha quindi chiesto agli osservatori, interni e stranieri, di "rispettare" la decisione presa dalla Turchia.

L'istanza sulla quale si è espresso il Consiglio di Stato è stata presentata da una piccola associazione poco nota, guidata dal 75enne Ismail Kandemir, che da 26 anni si batte per trasformare Santa Sofia in una moschea. In una sua recente intervista a Kanal7 ha dichiarato di aver "dedicato la sua vita" a questo. Kandemir ha chiesto l'annullamento del decreto di Ataturk, fondatore della Turchia moderna, che cambiò lo status del monumento in museo.

La questione ha polarizzato negli ultimi mesi il dibattito nella società turca, con una parte che considera lo status di Santa Sofia emblematico del carattere secolare della costituzione, mentre i conservatori, guidati da presidente Recep Tayyip Erdogan, da tempo chiedono che l'ex basilica torni ad essere una moschea e la sentenza del Consiglio di Stato, il più alto tribunale amministrativo in Turchia, apre la strada alla sua conversione.

USA - Gli Stati Uniti si dicono "contrariati" dalla decisione del governo turco di convertire Santa Sofia in una moschea. Lo ha dichiarato la portavoce del dipartimento di Stato, Morgan Ortagus. "Comprendiamo che il governo turco rimane impegnato a mantenere l'accesso a Santa Sofia per tutti i visitatori e aspettiamo di conoscere i suoi piani per la continuità dell'amministrazione di Santa Sofia per ganantire che rimanga accessibile senza impedimenti per nessuno", ha aggiunto Ortagus.

EUROPA - "La decisione del Consiglio di Stato turco di ribaltare una delle decisioni fondamentali della Turchia moderna e la decisione del presidente turco Recep Tayyp Erdogan di porre il monumento sotto la gestione della Presidenza degli Affari religiosi è deplorevole" commenta l'Alto rappresentante europeo Josep Borrell.

L'UNESCO - Poco prima del verdetto, l'Unesco aveva espresso "preoccupazione" per eventuali cambiamenti nello status di Santa Sofia. "Chiediamo alle autorità turche di impegnarsi nel dialogo prima di prendere qualsiasi decisione che potrebbe avere ripercussioni sul valore universale del sito", ha affermato in una nota.

"Qualsiasi modifica" relativa a un sito Patrimonio mondiale dell'umanità "richiede una notifica all'Unesco da parte dello Stato coinvolto e poi, se necessario, un esame del Comitato del Patrimonio mondiale", ha ricordato l'Unesco.

PADRE AMBROSIO - La trasformazione della basilica di Santa Sofia in moschea è "simbolicamente grave" ed è "inquietante" il momento storico in cui viene presa, vale a dire "in un momento di confusione generale e di confinamento per l’emergenza coronavirus". Lo sottolinea all’Adnkronos padre Alberto Ambrosio, specialista della mistica musulmana e dell'Islam in Turchia, per oltre dieci anni tra i domenicani a Istanbul. Padre Ambrosio, un passato accademico tra Francia Turchia e Italia, ricordando che la Turchia è un Paese che nella realtà dei fatti ha pochissimi cristiani e che dunque la decisione non è stata presa "per punire i cristiani", registra come questa decisione rappresenti "la morte definitiva della laicità della Turchia". Quanto al fatto che da alcune parti la decisione venga letta come una grande vittoria islamica, padre Ambrosio rileva che "in realtà si tratta di una vittoria relativa in un periodo in cui la pandemia ha messo in luce che le religioni non possono fare molto". Osserva ancora padre Ambrosio, oggi docente di Teologia e storia delle religioni alla Luxembourg School of religion e society: "Siamo davanti a una risposta di gente che usa una cattiva intelligenza. Di questo passo i dittatori saranno liberi di mettere in pratica ogni loro pazzia". Con informazioni Adnkronos

Read 229 times

Utenti Online

Abbiamo 1084 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine