ANNO XIV Ottobre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 14 Luglio 2020 00:11

Renato Pozzetto, 80 anni col sorriso del comico

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Nel giorno della festa nazionale francese, il 14 luglio, il milanese (ma varesino di nascita) Renato Pozzetto festeggia i suoi 80 anni.

Nato a Laveno sulle rive del Lago Maggiore nel 1940, cresciuto a Gemonio dove i genitori milanesi trovano rifugio durante i bombardamenti alleati, approdato a Milano dopo la fine della guerra, diplomato geometra all'istituto Carlo Cattaneo ritrova sui banchi di scuola Aurelio "Cochi" Ponzoni (anche lui cresciuto a Gemonio) e lo trascina nelle prime esperienze da cabaret: Cochi progetta e inventa, lui ci mette la verve, una vena surreale e il fisico.

E' una coppia che alla lontana rievoca Stanlio e Ollio ed ha subito successo; nel '64 sono già "Cochi e Renato". Si esibiscono per la prima volta all'Osteria dell'Oca e dopo, insieme a Enzo Jannacci, Felice Andreasi, Bruno Lauzi e Lino Toffolo si riuniscono nel "Gruppo Motore" con cui approdano al Derby di Milano. E' il tempio del nuovo spettacolo, tra underground e gusto pop e qui la televisione cerca i nuovi talenti dell'intrattenimento. In meno di quattro anni Cochi e Renato sono già protagonisti alla Rai con varietà come "Quelli della domenica" e, soprattutto "Il poeta e il contadino" (1973).

L'anno dopo sono addirittura sul palco di "Canzonissima" che vale per loro come una laurea ad honorem. Il merito è anche di Jannacci che con loro scrive motivi popolarissimi come "La canzone intelligente" o "E la vita, la vita", ma i due ci mettono le facce, la mimica, un modello straniato di comicità e sorriso che conquista tutti, giovani e adulti. Rispetto al suo compagno d'avventura Renato Pozzetto fa valere una dimensione propria, un impasto di ingenuità e goffaggine assolutamente irresistibile. Sembra Ionesco calato nella vita reale, ma regala emozioni più dirette e immediate che gli aprono le porte del cinema quando Flavio Mogherini gli offre il ruolo del protagonista in "Per amare Ofelia" a fianco di Giovanna Ralli e Françoise Fabian. La parte è tagliata su misura per lui con quell'Orlando bamboccione e mai cresciuto, mammone ignaro del sesso alle prese con una prostituta di buon cuore che saprà prenderlo per mano verso l'età adulta. Quella di Orlando diventa rapidamente una maschera che Pozzetto indosserà a più riprese e con mille varianti, perché l'uomo è intelligente e sa modificare ogni volta il personaggio per intercettare il gusto del pubblico.

Lavora con registi affermati (Steno, Clément, Risi, Corbucci, Bolognini, Festa Campanile), a più riprese col suo pigmalione Mogherini e alla fine del decennio si cimenta anche nella regia con "Saxophone" (1978). Tanto la vita pubblica è disseminata di comparsate televisive, ritorni al cabaret, perfino exploit sportivi come la prima guida insieme a Riccardo Patrese al giro automobilistico d'Italia e poi una "Parigi Dakar" al volante di un camion, tanto quella privata è senza sussulti: nel '1967 ha sposato Brunella Gubler che gli ha dato due figli e lo lascerà vedovo nel 2009.

I diversi percorsi artistici lo tengono a lungo lontano dall'amico di un tempo, Cochi Ponzoni, che ha scelto il teatro e al cinema si concede poco. Il "grande freddo" tra i due durerà a lungo anche se l'amicizia in fondo non viene meno.

Per oltre vent'anni Renato sarà uno dei pochi "nomi sicuri" del divertimento popolare al cinema: basta il suo nome in cartellone (come per Villaggio, Celentano, Abatantuono, Boldi&De Sica) per avere successo e i produttori lo sanno: fino al '94 lavora al ritmo di due o tre film all'anno e per quattro volte si dirige da solo, per il puro piacere di sviare dai suoi ruoli abituali. Ansa

Read 213 times Last modified on Martedì, 14 Luglio 2020 00:50

Utenti Online

Abbiamo 1014 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine