ANNO XIV Settembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 08 Agosto 2020 18:18

Alta tensione in Libano a Beirut : Assalito ministero esteri Premier Diab parlerà in tv

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Almeno 10 i manifestanti feriti. Il premier Diab parlerà in tv: potrebbe annunciare le sue dimissioni. Scontri con la polizia mentre il corteo tentava di raggiungere il Parlamento. Le comunicazioni internet sono state bloccate nel centro della città per impedire ai manifestanti di comunicare tra loro. Secondo il bilancio delle esplosioni sono 154 le vittime.

Grande manifestazione antigovernativa a Beirut in segno di protesta dopo le esplosioni che hanno devastato l'area del porto della città. Gruppi di manifestanti hanno lanciato pietre contro le forze di sicurezza a Beirut per cercare di raggiungere la sede del Parlamento, non lontano dalla Piazza dei Martiri, dove si svolge la manifestazione contro la classe politica libanese. Lo riferisce l'agenzia libanese Nna. Nella notte tra giovedì e venerdì una ventina di manifestanti erano stati arrestati sempre davanti al Parlamento durante scontri con la polizia. Almeno 10 manifestanti sono rimasti feriti quando reparti dell'esercito sono intervenuti per disperdere un corteo che da Piazza dei Martiri cercava di dirigersi verso la sede del Parlamento. I militari hanno sparato gas lacrimogeni e pallottole di gomma per disperdere la folla. Una parte dei manifestanti si è riparata dietro un muretto di pietra accanto alla Moschea al Amin, nella Piazza dei Martiri, gridando: "Rivolta! Rivolta!".

E' stata assaltata la sede del ministero degli esteri. Alcuni manifestanti hanno rimosso la foto del presidente della Repubblica Michel Aoun e l'hanno distrutta gettandola a terra. Le immagini in diretta di questo assalto provengono dalla tv libanese al Jadid che trasmette in diretta. "Vai via! Vai via!", gridano gli assalitori riferendosi al capo dello Stato. Il premier Diab parlerà in tv alle 18.30 italiane. Commentatori libanesi non escludono che Diab possa annunciare le sue dimissioni, ma non ci sono ancora conferme ufficiali in questo senso.

I media libanesi riferiscono che la rete Internet è stata interrotta poco fa nella zona del centro di Beirut, dove sono in corso proteste anti-governative e incidenti tra manifestanti e forze dell'ordine. Non si conoscono le cause dell'interruzione di Internet. Già nelle scorse settimane vi erano state interruzioni delle comunicazioni telefoniche nella zona dovute a malfunzionamenti tecnici. Ma i media ipotizzano che l'interruzione odierna sia stata decisa dalle autorità per limitare la capacità dei manifestanti di comunicare via Internet tra loro e diffondere immagini delle violenze in corso.

Sono 154 i morti per la gigantesca esplosione che ha devastato martedì interi quartieri di Beirut, secondo un nuovo bilancio fornito oggi dal ministero della Sanità. I feriti sono circa 5.000, di cui 120 in condizioni criitiche. Ci sono ancora almeno 10 dispersi nel porto di Beirut, il luogo dell'esplosione di martedì. "Stiamo trovando brandelli di corpi, ma speriamo ancora di trovare superstiti", ha detto all'ANSA il generale Jean Nohra, responsabile dell esercito libanese per le operazioni di soccorso. In precedenza il ministero della Sanità aveva reso noto che era di 60 il numero complessivo dei dispersi in tutte le aree colpite, compreso dunque il porto e i quartieri devastati dall'esplosione.

"Il Libano può contare sulla solidarietà dalla Ue. Non solo con le parole, ma anche con azioni concrete per il popolo libanese", ha scritto su Twitter il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, postando una foto che lo ritrae mentre visita le macerie del porto di Beirut. Ansa

Read 160 times

Utenti Online

Abbiamo 1292 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine