ANNO XV Marzo 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 05 Gennaio 2021 10:55

In Italia 178.939 persone vaccinate contro il Covid

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il dato è aggiornato alle 02:30 del 5 gennaio ed è contenuto nel report online del Commissario straordinario per l'emergenza sanitaria. Il presidente del Consiglio Superiore di Sanità e componente del Cts: 'In 48 ore 95.00 vaccinati ma colmare differenze regionali'. 'Deve allertare il 17% dei tamponi positivi. Giusto mantenere grande attenzione come previsto da misure prese'

Sono 178.939 le persone finora vaccinate contro il Covid in Italia, 108.132 donne e 70.807 uomini.

Il dato e' aggiornato alle 02:30 del 5 gennaio ed e' contenuto nel report online del Commissario straordinario per l'emergenza sanitaria.

Hanno ricevuto il Vaccino 140.324 operatori sanitari, 8.968 unita' di personale non sanitario e 8.869 ospiti di Rsa. 

"Ci sono differenze regionali significative" ma "questa mattina siamo a oltre 179mila persone vaccinate, un numero tutt'altro che irrilevante. Due giorni fa erano 84.000, significa che in 48 ore abbiamo vaccinato 95.000 persone". Lo ha detto Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità e componente del Cts, durante la trasmissione Agorà, su Rai 3. L'Italia, ha aggiunto, "è il secondo paese in Europa per numero di vaccinazioni fatte. Siamo partiti il 31 dicembre e siamo al 5 gennaio è troppo presto per fare bilanci negativi. Ma le differenze vanno colmate". 

"Vedere la percentuale dei tamponi positivi risalire fino al 17% deve allertare, così come deve allertare il numero di posti occupati nelle aree mediche e terapie intensive, che non è più quella che vedevamo nei giorni scorsi. Questo deve indirizzarci verso il mantenimento di una grande attenzione, che è anche alla base delle misure prese nelle ultime ore". I dati, ha detto, "ci dicono che c'è ancora una circolazione sostenuta del Sars-Cov-2, questa la ragione dei provvedimenti previsti fino al prossimo fine settimana". 

"La situazione italiana è significativamente migliore rispetto a quella di altri paesi ma non vuol dire che possiamo allentare l'attenzione, ritenerci fuori pericolo o scongiurare una terza ondata. Allo stesso tempo però non dobbiamo creare allarmismi eccessivi perché l'Italia, pur avendo una circolazione sostenuta, non ha una curva epidemica fuori controllo", ha detto Locatelli in merito alla possibilità, da alcuni data per certa, di una terza ondata di contagi come effetto degli spostamenti per le festività. 

Read 168 times

Utenti Online

Abbiamo 973 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine