ANNO XVI Luglio 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 12 Aprile 2022 07:54

L'ultima battaglia per la conquista di Mariupol

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Quel che rimane dei difensori della città sul Mare d'Azov è asserragliato nell'area dell'acciaieria. I separatisti del Donetsk hanno rivendicato la conquista del porto. Il battaglione Azov ha denunciato l'uso di una sostanza velenosa da parte dei russi che sarebbe stata lanciata con un drone.


I separatisti del Donetsk rivendicano la conquista del porto di Mariupol. Quel che rimane dei difensori della città sul Mare d'Azov, asserragliati nell'area dell'acciaieria, si preparano alla loro ultima battaglia.

La grande offensiva nel Donbass, che secondo i secessionisti filorussi è imminente e secondo Kiev è già iniziata, potrebbe invece richiedere più tempo del previsto.

Fonti del Pentagono affermano che Mosca intende raddoppiare, se non triplicare, il proprio schieramento nelle regioni di Donetsk e Lugansk e la riorganizzazione richiederà "un tempo considerevole".

Il cancelliere austriaco, Karl Nehammer, primo capo di governo occidentale a incontrare Vladimir Putin dall'invasione, traccia intanto un bilancio negativo di un vertice che ha definito "molto duro e aperto".

"Non ho avuto impressioni positive", ha spiegato Nehammer, "anzi, l'offensiva russa proseguira'".

A Mariupol, i russi hanno usato "una sostanza sconosciuta" contro militari e civili: lo ha denunciato la presidente della commissione parlamentare per l'integrazione dell'Ucraina nell'Ue, Ivanna Klympush.
L'esponente politica ucraina ha aggiunto che la Russia ha "molto probabilmente" usato "armi chimiche" e che le vittime stanno avendo problemi di "insufficienza respiratoria".

Secondo il battaglione Azov, su Telegram, la sostanza velenosa è stata rilasciata da un drone.


La Giornata

 

07.30 Sindaco Mariupol: "Qui morti oltre 10mila civili, ma bilancio potrebbe arrivare a 20mila"

Oltre 10mila civili sono morti nella città portuale ucraina di Mariupol. Lo ha detto il sindaco della città Vadym Boychenko all'Associated Press, secondo quanto riportano i media internazionali. Secondo il primo cittadino il bilancio delle vittime potrebbe arrivare a superare i 20mila, in una città da settimane sotto attacco e dove lo scarseggiare di cibo e forniture ha lasciato molti corpi sulle strade. Boychenko ha anche accusato le forze russe di aver bloccato per settimane i convogli umanitari che cercavano di entrare in città.

07.05 Danneggiata ferrovia al confine con Russia

Nel distretto di frontiera di Shebekinsky tra Russia e Ucraina, nella regione Belgorod, il binario ferroviario è stato danneggiato. Lo ha comunicato il governatore locale, come riporta la Tass. Restano da chiarire le cause. Secondo fonti ucraine si tratta di un attentato per impedire l'accesso sul territorio di truppe e mezzi russi.

06.40 Il bollettino dello Stato maggiore ucraino: Russia concentra truppe vicino confine orientale

"Il nemico sta cercando di completare il raggruppamento e il trasferimento delle truppe nelle aree di concentrazione delle regioni di Belgorod e Voronezh nella Federazione Russa, nonché il trasferimento delle forze aeree e spaziali negli aeroporti nelle immediate vicinanze dei confini orientali dell'Ucraina". Lo scrive lo Stato maggiore delle forze armate ucraine nel report quotidiano. "Nella direzione di Slobozhansky - prosegue - le truppe nemiche continuano a bloccare parzialmente la città di Kharkiv". Combattimenti si segnalano nell'area della città di Izyum e nelle direzioni di Donetsk e Tavriya. "Vi sono segnali di rafforzamento del sistema di difesa aerea - si conclude il report - nelle aree di Melitopol e Ilovaisk. È probabile che in futuro il nemico cercherà di prendere il controllo della città di Mariupol, catturare Popasna e condurre un'offensiva in direzione di Kurakhove per raggiungere i confini amministrativi della regione di Donetsk".

05.59 Oggi incontro Putin-Lukashenko

Il presidente russo Vladimir Putin incontrerà oggi l'omologo bielorusso Alexander Lukashenko per discutere della situazione in Ucraina e delle sanzioni occidentali, riportano le agenzie di stampa dei due Paesi. Lukashenko, che vorrebbe porsi come mediatore ma è considerato complice di Putin nell'invasione dell'Ucraina, è arrivato nella regione di Amur, nella Russia orientale, dove il faccia a faccia con il presidente russo avrà luogo presso la base spaziale di Vostochny. Sede non casuale, il 12 aprile in Russia e in altre ex repubbliche sovietiche si celebra il giorno della cosmonautica, in ricordo del primo volo spaziale di un essere umano, Yuri Gagarin, nel 1961.

04.42 Giappone ordina nuove sanzioni su asset Russia

Nuove misure del governo giapponese per restringere l'accesso agli asset economici di selezionati cittadini russi nel Paese del Sol Levante, in risposta all'invasione dell'Ucraina voluta da Mosca. Lo ha deciso l'esecutivo a Tokyo in una riunione ministeriale, decretando il congelamento di 398 entità collegate a individui di nazionalità russa, che includono anche le figlie del presidente Putin e la moglie del ministro degli Esteri Sergey Lavrov. Dall'inizio del conflitto in Ucraina il Giappone si è schierato con i Paesi del G7 a supporto di Kiev e lo scorso venerdì ha annunciato di voler ridurre progressivamente la dipendenza dal gas russo, puntando alla graduale eliminazione delle forniture di carbone da Mosca.

03.37 Gli Stati Uniti chiedono il rilascio di un oppositore russo arrestato

L'amministrazione statunitense ha chiesto il "rilascio immediato" dell'oppositore russo Vladimir Kara-Murzà, arrestato lunedì dalla polizia a Mosca dopo aver apertamente condannato la campagna militare russa in Ucraina. "Gli Stati Uniti sono preoccupati per l'arresto da parte delle autorità russe dell'eminente leader della società civile Vladimir Kara-Murzà oggi a Mosca", ha affermato il segretario di Stato americano Antony Blinken su Twitter. "Stiamo seguendo da vicino la situazione e esortiamo al suo rilascio immediatamente".

02.06 Allarme antiaereo a Kiev e Kharkiv

Le sirene di allarme per attacco aereo sono tornate a suonare, alle 2.40 locali (le 1.40 in Italia), nelle regioni ucraine di Kiev e di Kharkiv. L'allerta è scattata anche nel sud del paese, nell'oblast di Mykolaiv. In precedenza, verso le 2 locali, gli allarmi hanno interessato le regioni di Zaporizhia e Dnipropetrovsk.


01.51 Zelensky: "I russi hanno lasciato mine ovunque per uccidere o mutilare il maggior numero di persone"

"Le truppe russe hanno lasciato mine ovunque. Nelle case, nelle strade, nelle auto, nelle porte. Hanno fatto di tutto per rendere il più pericoloso possibile il ritorno in queste aree. Hanno fatto di tutto per uccidere o mutilare il maggior numero possibile della nostra gente quando sono stati costretti a ritirarsi dalla nostra terra". E' un altro passaggio del videomessaggio notturno di Zelensky, ripreso dal Guardian. Sono stati ritrovati, ha aggiunto il presidente ucraino, "centinaia di migliaia di oggetti pericolosi, mine e proiettili inesplosi" nelle regioni del nord del paese.

01.43 Anche Londra verifica informazioni su attacco armi chimiche

Il Regno Unito sta cercando di verificare le informazioni secondo le quali la Russia ha usato armi chimiche nella città portuale assediata di Mariupol, nel sud-est dell'Ucraina. "Le forze russe potrebbero aver usato agenti chimici in un attacco contro la popolazione di Mariupol. Stiamo lavorando urgentemente con i partner per verificare la notizia", ha detto Lizz Truss su Twitter. "Qualsiasi uso di queste armi è un'escalation crudele in questo conflitto e lo terremo in considerazione", ha aggiunto il ministro degli Esteri.

01.24 Armi chimiche, il Pentagono non conferma. "Monitoriamo"

Il Pentagono ha spiegato di essere a conoscenza di notizie sui social media che affermano che le forze russe hanno schierato una potenziale arma chimica a Mariupol, "ma - ha detto il portavoce John Kirby - non siamo in grado di confermarle, continueremo a monitare la situazione". "Queste notizie se vere sono profondamente preoccupanti e riflettono i timori che abbiamo avuto sul potenziale della Russia di utilizzare in Ucraina gas lacrimogeni mescolati ad agenti chimici".

00.53 Leader Battaglione Azov: a Mariupol tre intossicati ma non gravi

Sono tre le persone che nelle ultime ore hanno evidenziato "chiari segni di avvelenamento chimico" durante l'assedio di Mariupol. Lo ha detto - come riporta il Kyiv Independent - il leader del battaglione nazionalista Azov, Andriy Biletsky, aggiungendo che per nessuno di loro ci sono "gravi conseguenze" per la salute. Secondo Azov la sostanza velenosa è stata lanciata da un drone.

00.52 Blinken, India deve decidere la sua posizione su Russia

L'India deve prendere le proprie decisioni su come affrontare "l'invasione della Russia in Ucraina ed è importante che tutti i paesi facciano pressione su Putin per porre fine al la guerra". Lo ha detto il segretario di Stato americano Antony Blinken in una conferenza stampa con il ministro degli Esteri indiano S Jaishankar a Washington dopo l'incontro virtuale tra il presidente americano Joe Biden e il premier indiano Narendra Modi. L'India ha continuato ad acquistare petrolio dalla Russia e si è sempre astenuta nei voti contro Mosca all'Onu. "La guerra della Russia contro l'Ucraina è un attacco al popolo ucraino. È anche un attacco a quell'ordine basato su regole a cui aderiamo e che difendiamo". Gli Stati Uniti, ha dichiarato Blinken, "continueranno ad aumentare il loro sostegno al governo e al popolo ucraino e inviteranno le altre nazioni a fare lo stesso, così come chiediamo a tutte le nazioni di condannare le azioni sempre più brutali di Mosca". Il segretario di stato americano ha anche sottolineato che l'invasione dell'Ucraina "è in netto contrasto con la visione che gli Usa e l'India condividono di un Indo-Pacifico libero e aperto".

00.38 Onu chiede indagine indipendente sulla violenza contro donne e bambini

Il Consiglio di sicurezza dell'Onu ha tenuto una sessione straordinaria sulla difficile situazione delle donne e dei bambini in Ucraina e terrà un altro incontro la prossima settimana sulla situazione umanitaria nel Paese. Sima Bahous, direttore esecutivo dell'agenzia Un Women, ha espresso profonda preoccupazione per le crescenti segnalazioni di stupri e violenze sessuali. "Sentiamo sempre più spesso parlare di stupri e violenze sessuali", ha detto. "Queste denunce devono essere oggetto di un'indagine indipendente per garantire la giustizia e trovare i responsabili". "E' ora di porre fine a questa guerra. I bambini dell'Ucraina non possono permettersi di aspettare", le ha fatto eco Manuel Fontaine, direttore del programma di emergenza dell'Unicef. Bahous, che è tornata da un viaggio nel Paese devastato dalla guerra, ha aggiunto che "la combinazione di un massiccio sfollamento con l'ampia presenza di coscritti e mercenari e la brutalità contro i civili ucraini ha fatto sollevare tutte le bandiere rosse".

00.13 Société Générale prima grande banca occidentale via dalla Russia

Société Générale ha annunciato la fine delle sue attività russe, diventando così la prima grande banca occidentale ad annunciare che lascerà il paese. SocGen sta inoltre vendendo l'intera partecipazione in Rosbank a una società collegata a un oligarca russo, Vladimir Potanin, costando alla banca francese circa 3 miliardi di euro (3,3 miliardi di dollari). Rosbank è un peso massimo nel settore bancario russo e Société Générale era l'azionista di maggioranza. "Dopo diverse settimane di intenso lavoro", ha affermato la banca in una nota, è stato firmato un accordo con il fondo di investimento russo Interros Capital per vendere tutta la sua partecipazione in Rosbank e le sue sussidiarie assicurative in Russia.

00.06 Procuratrice generale ucraina: oltre 5.800 crimini di guerra. "Vogliamo processare i responsabili nei nostri tribunali"

La procuratrice generale dell'Ucraina, Iryna Venediktova, ha detto che al momento sono oltre "5.800 i casi" di crimini di guerra commessi dalla Russia in Ucraina. In particolare Venediktova ha parlato del massacro a Bucha, vicino a Kiev, dove domani effettuerà un nuovo sopralluogo. "Qui stiamo ancora riesumando cadaveri dalle fosse comuni", ha detto in un'intervista alla Cnn precisando che quello che ha constatato sul campo non sono solo "crimini di guerra ma anche contro l'umanità". Quanto agli eventuali processi contro gli autori di queste atrocità, tema che si sta discutendo da giorni anche negli Stati Uniti e in Europa, la procuratrice ha dichiarato che l'Ucraina "vuole perseguire questi criminali nel Paese, in tribunale ucraini". Ma "ovviamente c'è anche il percorso della Corte penale internazionale", ha aggiunto. Al momento ci sono oltre 500 sospettati, inclusi alti ufficiali militari e alti funzionari russi.

Read 305 times

Utenti Online

Abbiamo 999 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine