ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 20 Gennaio 2023 14:42

Sofia Goggia vince la discesa di Cortina, è il suo successo numero 21

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Sofia Goggia vince la discesa di Cortina Sofia Goggia vince la discesa di Cortina

L'azzurra prima sulla Olympia delle Tofane dove un anno fa si infortunò. 

Ora, con la discesa di tutte le concorrenti, è ufficiale: successo n.21 in carriera per Sofia Goggia che ha vinto in 1.33.47 la prima discesa di coppa del mondo di Cortina d'Ampezzo.

L'azzurra e' di nuovo a fianco di Federica Brignone ex aequo come azzurre più vincenti di sempre in coppa del mondo.

Sofia, con una sciata molto compatta e in grande sicurezza ma ''non impeccabile'' a detta della stessa campionessa, e' andata in progressione vincendo ancora una volta nella parte centrale e finale della Olympia delle Tofane, la pista su cui l'anno scorso si era seriamente infortunata alla vigilia delle Olimpiadi.  

Seconda una ritrovata slovena Ilka Stuhec in 1.33.60 e terza la tedesca Kira Weidle.

In 1.33.83. Subito dopo la statunitense Mikaela Shiffrin in 1.33.97 e la svizzera Lara Gut-Behrami in 1.34.00 , pericolosissime anche perche' scese una trentina di minuti dopo Goggia e con una visibilita' decisamente migliore.

Per l'Italia c'è' poi soprattutto Elena Curtoni 8/a in 1,34.19 e prontissima per il superG di domenica, la sua gara. Poi in classifica anche le azzurre Laura Pirovano, dodicesima in 1.34.48, Nicol Delago e Federica Brignone (dopo una serie di piccoli errori) diciottesime ex aequo in 1.34.59, Nadia Delago ventottesima in 1.34.94. La gara e' stata brevemente interrotta per la brutta caduta dopo un lungo salto della svizzera Corinne Suter, oro olimpico e gran rivale di Sofia Goggia in coppa del mondo. L'elvetica e' tornata pero' da sola al traguardo senza danni apparenti. Domani a Cortina ancora una discesa. Ansa

Read 677 times Last modified on Venerdì, 20 Gennaio 2023 15:37

Utenti Online

Abbiamo 888 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine