ANNO XVIII Giugno 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 30 Gennaio 2023 08:01

Bombe su Kharkiv. Mosca: "Dopo i carri armati è inutile pensare di negoziare"

Written by  Gaia Vendettuoli
Rate this item
(0 votes)

Morta una persone, e ferite tre, nel bombardamento di un edificio residenziale. Intanto il cancelliere tedesco avverte: "Non diventerà guerra Russia-Nato". 

Il bombardamento di un edificio residenziale a Kharkiv avvenuto in serata ha ucciso una persona e ne ha ferite altre tre. Lo ha riferito il sindaco della seconda città ucraina, Igor Terekhov, citato dall'agenzia Unian. Secondo le testimonianze riportate, il quarto piano di una parte dell'edificio è stato distrutto; i servizi di emergenza sono ancora mobilitati.

Scholz: "Non sarà una guerra Russia-Nato"

La guerra in Ucraina non si trasformerà in un conflitto fra la Russia e la Nato: lo ha sottolineato, al termine di un incontro con il presidente cileno Gabriel Boric durante la sua missione in America Latina, il cancelliere tedesco Olaf Scholz. "Abbiamo contribuito a che non ci sia un'escalation del conflitto, perché questa avrebbe gravi conseguenze per il mondo intero. Porterebbe, ad esempio, a una guerra fra la Russia e i Paesi della Nato, ma questo non succederà: lo impediremo con tutte le forze, siamo riusciti finora e continueremo a farlo".

"Si tratta di sostenere l'Ucraina, di avere un dibattito serio per prendere le decisioni che devono essere prese e questo non deve diventare una gara su chi manda più armi", ha aggiunto. E ha spiegato che, come anche il suo omologo americano Joe Biden, non vuole inviare truppe in Ucraina proprio per evitare l'escalation. Oggi, Scholz aveva escluso di voler inviare aerei da combattimento in Ucraina dopo avere invece accettato nei giorni scorsi di fornire 14 carri armati Leopard 2 di fabbricazione tedesca. 

Mosca: "Inutile pensare di poter negoziare"

Visto che gli Stati Uniti hanno deciso di fornire all'Ucraina i carri armati, è inutile pensare di poter negoziare "non solo con Kiev, ma anche con i suoi burattinai". Lo ha detto in un'intervista all'agenzia russa Ria Novosti il viceministro degli Esteri di Mosca, Serghei Ryabkov. "La nostra posizione sull'argomento è nota, credo, anche a Washington. Siamo pronti a studiare iniziative serie per risolvere la crisi ucraina, ma finora nessuno le ha davvero formulate. Nelle condizioni attuali, quando Washington ha annunciato la decisione di fornire carri armati, e i suoi vassalli, tra cui Ottawa, competono su quanti ne forniranno, non solo è inutile parlare con gli ucronazisti, ma anche con i loro burattinai. Molti di loro sono semplicemente caricature nella loro ignoranza", ha sottolineato Ryabkov.  AGI

Read 598 times

Utenti Online

Abbiamo 671 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine