ANNO XVIII Giugno 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 28 Agosto 2023 09:34

La ministra degli Esteri libica sospesa per un incontro a Roma

Written by  Stefano Benfenati
Rate this item
(0 votes)
 Il primo ministro libico, Abdulhamid Dbeibah conn Giorgia Meloni in occasione della visita in Libia della premier italiana Il primo ministro libico, Abdulhamid Dbeibah conn Giorgia Meloni in occasione della visita in Libia della premier italiana

Najla al-Mangoush sarà sottoposta a un'indagine amministrativa per aver incontrato l'omologo israeliano Eli Cohen. Incontro "casuale e non ufficiale" si difende la ministra. 

Il primo ministro libico, Abdulhamid Dbeibah ha sospeso la 'sua' ministra degli Esteri per un incontro avvenuto la scorsa settimana a Roma tra Najla al-Mangoush e l'omologo israeliano Eli Cohen. Najla al-Mangoush è stata "temporaneamente sospesa" e sarà oggetto di una "indagine amministrativa" da parte di una commissione presieduta dal ministro della Giustizia, ha dichiarato il primo ministro del governo di Tripoli.

Nonostante la ministra abbia definito l'incontro "casuale e non ufficiale", la notizia non è passata inosservata e ha provocato diverse proteste a Tripoli e anche in altre città: manifestanti, ieri sera, hanno bloccato le strade, bruciato pneumatici e sventolato le bandiere della Palestina. Chi protesta teme una normalizzazione dei rapporti con Israele.

La autorità israeliane, dal canto loro, hanno definito il colloquio tra i due ministri come "la prima iniziativa diplomatica di questo tipo tra i due paesi". Cohen avrebbe affermato che con al-Mangoush si è discusso "dell'importanza di preservare il patrimonio degli ebrei libici, che include il rinnovamento delle sinagoghe e dei cimiteri ebraici nel paese".

"Le dimensioni e la posizione strategica della Libia offrono un'enorme opportunità per lo Stato di Israele", ha aggiunto. Negli ultimi anni Israele ha normalizzato le relazioni con alcuni paesi arabi come parte degli accordi sostenuti dagli Stati Uniti noti come "Accordi di Abraham". Tuttavia, il governo del primo ministro Benjamin Netanyahu è stato oggetto di intense critiche da parte di alcuni stati arabi che lamentano l'espansione degli insediamenti ebraici nei territori in Cisgiordania.  AGI

Read 342 times

Utenti Online

Abbiamo 869 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine