ANNO XVIII Giugno 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 30 Agosto 2023 17:11

Giambruno si difende: "Su di me polemiche surreali. Distorta la realtà"

Written by  Stefano Benfenati
Rate this item
(0 votes)
Giorgia Meloni con il compagno Andrea Giambruno Giorgia Meloni con il compagno Andrea Giambruno

Il giornalista di Rete 4 e compagno della premier Meloni ha detto "Se non ti ubriachi eviti il lupo" commentando i recenti casi di violenza sessuale come quello avvenuto a Palermo. Ed è scoppiata la polemica. 

"Nelle ultime ore sta impazzando una polemica del tutto surreale" quindi "mi è doveroso precisare che nessuno in questo luogo ha giustificato l'atto, anzi sono stati utilizzati termini molto precisi come 'abominevole' per quanto riguarda l'atto e sono stati definiti 'bestie' gli autori di tale atto. Tutti coloro hanno utilizzato" quanto detto "in maniera strumentale e fuorviante, distorcendo la realtà", lo stanno facendo "o perché in malafede o perché hanno seri problemi di comprendonio".

Così il giornalista Andrea Giambruno - compagno della premier Giorgia Meloni - ha replicato, durante la trasmissione su Rete 4 "Il diario del giorno", alle critiche ricevute per alcune sue affermazioni sulle violenze sessuali avvenute a Palermo e a Caivano.

"A tutti coloro che vanno a ruota consiglio di seguire la puntata di 'Il diario del giorno' e di interpretare in maniera corretta quanto detto", prosegue Giambruno per poi aggiungere che questa precisazione non è stata fatta "solo a titolo mio personale ma anche a tutela di un'azienda, di un direttore e di un gruppo di lavoro che mi supporta".

Quindi, "mettiamo fine a tali polemiche perché - conclude - stiamo rasentando il ridicolo, la politica credo che abbia cose ben più interessanti da fare che non quelle di occuparsi di uno spazio giornalistico". 

La frase incriminata è questa: "Se vai a ballare, tu hai tutto il diritto di ubriacarti - non ci deve essere nessun tipo di fraintendimento e nessun tipo di inciampo - pero' se eviti di ubriacarti e di perdere i sensi, magari eviti anche di incorrere in determinate problematiche" perchè "poi rischi, effettivamente, che il lupo lo trovi".

Le parole sono diventate un 'caso' politico le parole di Andrea Giambruno, giornalista di Rete 4 e compagno della premier Giorgia Meloni, pronunciate ieri sera durante la puntata di "Diario del Giorno" in cui si affrontavano anche i recenti casi di violenza sessuale come quello avvenuto a Palermo.

"Meloni e a Mediaset prendano le distanze", sollecita il Movimento 5 Stelle  "ripugnante e offensivo", è l'attacco del Pd al giornalista; "studi prima di parlare", l'invito di Alleanza Verdi e Sinistra. L'attenzione va posta sui "carnefici", non su "come devono comportarsi le vittime" è il filo che unisce le critiche a Giambruno da parte di parlamentari ed esponenti dei partiti di Conte e della Schlein.

"Proprio non ci riescono a non colpevolizzare le donne. La violenza è sempre un po' colpa loro. Non uscire da sole, non andare dove è buio, non vestirti in modo provocante. Adesso ce lo spiega anche Giambruno: se non ti ubriachi non ti stuprano Hai tutto il diritto di ubriacarti ma se eviti di farlo... E niente, alla fine si giudicano le donne e i loro stili di vita. Non è possibile, non è più tollerabile", dichiara la senatrice del Pd Cecilia D'Elia, vicepresidente della commissione d'inchiesta sul femminicidio.

Sulla stessa linea il collega Marco Furfaro: "è una concezione sbagliata del rispetto e della libertà delle persone. E un'idea di educazione - afferma il componente della segreteria nazionale dem - che va esattamente nel senso contrario a quello che serve".

Affonda il colpo Alessandro Zan, deputato e responsabile diritti della segreteria nazionale Pd: "Prima di Caivano - dichiara - ci si deve augurare che Meloni affronti la questione in casa propria, spiegando a Giambruno che colpevolizzare le vittime di una violenza, tanto più in diretta tv, è una pratica barbara e perversa, che scaturisce dai peggiori stereotipi machisti e patriarcali".

Levata di scudi anche dalle parlamentari del Movimento 5 Stelle che giudicano "inaccettabili e vergognose" le parole di Giambruno perchè sono una "rappresentazione plastica di una cultura maschilista e retrograda che costituisce il terreno di coltura dei comportamenti violenti, dei soprusi che tantissime donne ogni giorno sono costrette a subire", lamentano le esponenti pentastellate nella commissione bicamerale d'inchiesta sul Femminicidio Stefania Ascari, Anna Bilotti, Alessandra Maiorino e Daniela Morfino. Vittoria Baldino vicecapogruppo M5s a Montecitorio auspica che "la dirigenza di Mediaset prenda subito le distanze da questa dichiarazione inquietante.

Quanto alla presidente Meloni, fossi in lei mi affretterei a consigliare al mio compagno di chiedere scusa perchè questo messaggio non sia assimilato alla forma mentis del contesto familiare della donna che guida il Paese". Sulla stessa linea anche Alleanza Verdi e Sinistra.

"Il problema - sottolinea Luana Zanella, capogruppo di Avs alla Camera - è semmai quella dei ragazzi che ancora non si sono liberati degli stereotipi di genere più beceri. Il compagno della presidente Meloni studi un po' prima di parlare, visto il suo ruolo e prima ancora il suo mestiere".

Per la senatrice Raffaella Paita, coordinatrice nazionale di Italia Viva le parole di Giambruno "sono molto gravi" perchè "certa superficialità contribuisce a trasformare la vittima in colpevole".  AGI

Read 360 times

Utenti Online

Abbiamo 1650 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine