ANNO XVIII Febbraio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 22 Novembre 2023 15:41

Caos e scontri al Maracanà. Messi "poteva finire in tragedia"

Written by 
Rate this item
(0 votes)
L'intervento della polizia allo stadio Maracanà L'intervento della polizia allo stadio Maracanà

Grossi incidenti nel match di qualificazione per i Mondiali tra Brasile e Argentina (0-1). I gruppi ultrà delle due nazionali venuti a contatto sugli spalti, in mezzo a bambini, donne e ai familiari dei giocatori. Necessario l'intervento della polizia. 

Brasile-Argentina non è mai una partita come le altre. E non lo è stato nemmeno nella notte italiana al Maracanà dove la sfida valida per le qualificazioni ai Mondiali (poi conclusa 0-1 per gli ospiti) è cominciata con mezz'ora di ritardo dopo gli scontri fra la polizia locale e i tifosi ospiti.

L'atmosfera era già bollente durante gli inni, con gli ultras delle due squadre venuti a contatti sugli spalti. Messi e compagni si sono diretti sotto la curva per provare a calmare gli animi ma senza successo e a quel punto si è reso necessario l'intervento degli agenti.

La situazione è così degenerata: sono volati seggiolini, alcuni tifosi hanno cercato rifugio sul terreno di gioco e pure il Dibu Martinez si è messo in mezzo, colpendo un agente che stava caricando i tifosi albicelesti. La Seleccion, guidata da Messi, è così rientrata negli spogliatoi.

"E' stato brutto - racconterà poi l'ex fuoriclasse di Barcellona e Psg - Abbiamo visto come stavano picchiando le persone, era già successo durante la finale della Libertadores (giocata al Maracanà fra Fluminense e Boca, ndr), stavano ancora una volta usando i manganelli, sugli spalti c'erano anche i familiari di alcuni giocatori. Siamo tornati negli spogliatoi perchè era il modo migliore per calmare le cose, poteva finire in tragedia. La partita, a quel punto, era una cosa secondaria". 

Visione condivisa anche da Marquinhos, capitano dei verdeoro, pure lui intervenuto per calmare la situazione: "Eravamo preoccupati per le famiglie, per donne e bambini, abbiamo visto montare il panico sugli spalti. In campo era difficile per noi capire cosa stesse succedendo, è stata una situazione davvero spaventosa". 

Alla fine, però, si è giocato e a spuntarla sono stati i campioni del mondo per 1-0, grazie al colpo di testa vincente di Otamendi al 63'. I verdeoro hanno poi chiuso in dieci per il rosso a Joelinton e per la prima volta hanno perso in casa una gara di qualificazione mondiale.

Per la Selecao del ct ad interim Diniz è anche il terzo ko di fila (mai successo nella storia) nel girone sudamericano dopo quelli con Uruguay e Colombia: il Brasile è ora sesto con 7 punti in sei gare, ultimo piazzamento disponibile per qualificarsi.

Ma nemmeno per l'Argentina è stato tutto rosa e fiori: se in classifica l'Albiceleste è al comando con 15 punti, nel post-gara hanno fatto discutere le parole del ct Lionel Scaloni, che ha messo in dubbio il suo futuro: "La nazionale ha bisogno di un allenatore con le energie necessarie e che stia bene. Parlerò con i dirigenti e i calciatori, ho tante cose a cui pensare in questo periodo, devo riflettere molto su quello che voglio fare. Non è un addio ma devo riflettere perchè l'asticella è molto alta", ha aggiunto il tecnico che ha guidato l'Argentina alle vittorie di Coppa America e Mondiale. 

"Parleremo con lui a mente fredda e poi si vedrà, le sue parole sono state uno shock", la reazione di Otamendi mentre Mac Allister ha detto di sperare che "non vada via, vorremmo che restasse per sempre. Ma se non volesse rimanere, andrebbe rispettata la sua decisione".

Per quanto riguarda le altre gare delle qualificazioni sudamericane ai Mondiali, continua a vincere l'Uruguay di Bielsa, che ha battuto 3-0 la Bolivia (doppietta di Nunez) ed è secondo alle spalle dell'Argentina mentre un rigore di Borre ha lanciato la Colombia ad Asuncion: 1-0 sul Paraguay. Sempre più in crisi il Cile, anche dopo le dimissioni del ct Berizzo, che a Quito ha ceduto di misura all'Ecuador (decide la rete di Mena al 21'), pari infine fra Perù e Venezuela: a Yotun ha risposto Savarino per la Vinotinto. AGI

Read 565 times

Utenti Online

Abbiamo 765 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine