ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 21 Dicembre 2023 07:06

Migranti e asilo. Ecco le nuove regole Ue

Written by  Brahim Maraad
Rate this item
(0 votes)
Parlamento Europeo Parlamento Europeo

Il nuovo regolamento prevede la 'solidarietà obbligatoria' a sostegno degli stati membri maggiormente esposti. Roberta Metsola 'il 20 dicembre 2023 passerà alla storia''. 

Il Parlamento europeo e il Consiglio hanno raggiunto un accordo sul nuovo Patto per le migrazioni e l'asilo.

Il nuovo regolamento sulla gestione dell'asilo e della migrazione - concordato tra Parlamento europeo e Consiglio Ue - prevede la solidarietà obbligatoria per i paesi dell'Ue riconosciuti come sotto pressione migratoria, consentendo agli altri Stati membri di scegliere tra il ricollocamento dei richiedenti asilo nel loro territorio e il versamento di contributi finanziari.

Per rispondere all'improvviso aumento degli arrivi, la normativa relativa alle crisi e alle cause di forza maggiore istituisce un meccanismo per garantire solidarietà e misure a sostegno degli Stati membri che si trovano ad affrontare un afflusso eccezionale di cittadini di Paesi terzi che porta al collasso del sistema nazionale di asilo.

"Il 20 dicembre 2023 passerà alla storia. Il giorno in cui l'Ue ha raggiunto un accordo storico su una nuova serie di regole per gestire la migrazione e l'asilo. L'Europa ha sfidato ancora una volta le probabilità. Sono molto orgogliosa del fatto che con il Patto su migrazione e asilo abbia prodotto e fornito soluzioni", ha commentato la presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola.

"È un momento storico", ha confermato la commissaria europea agli Affari interni, Ylva Johansson.

Le cinque leggi dell'Ue su cui è stato raggiunto l'accordo toccano tutte le fasi della gestione dell'asilo e della migrazione: dallo screening dei migranti irregolari al loro arrivo nell'Ue, al rilevamento dei dati biometrici, alle procedure per presentare e gestire le domande di asilo, alle norme sulla determinare quale Stato membro è responsabile della gestione di una domanda di asilo, cooperazione e solidarietà tra Stati membri e come gestire le situazioni di crisi, compresi i casi di strumentalizzazione dei migranti.

"Dopo due giorni di negoziati abbiamo raggiunto un accordo sul pacchetto complessivo per le migrazioni per una migliore protezione dei nostri confini esterni, maggiore solidarietà, più garanzie per i vulnerabili e i richiedenti asilo, il tutto basato sui nostri valori europei: sono davvero orgogliosa, ce l'abbiamo fatta". Lo ha dichiarato il commissaria europea agli Affari interni, Ylva Johansson, in un video dopo l'accordo sul Patto per le migrazioni e l'asilo.

"Questo Patto sulla migrazione e l'asilo garantirà una risposta europea efficace a questa sfida europea. Ciò significa che saranno gli europei a decidere chi verrà nell'Ue e chi potrà restarvi, non i trafficanti. Significa proteggere chi ha bisogno". Lo afferma in una dichiarato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, commentando "lo storico accordo" sul Patto per le migrazioni e l'asilo.

"Questo patto garantirà inoltre che gli Stati membri condividano gli sforzi in modo responsabile, mostrando solidarietà a coloro che proteggono le nostre frontiere esterne e prevenendo al contempo la migrazione illegale verso l'Ue. E fornirà all'Ue e ai suoi Stati membri gli strumenti per reagire rapidamente in situazioni di crisi, quando gli Stati membri si trovano ad affrontare un gran numero di arrivi illegali o di strumentalizzazione quando Paesi ostili tentano deliberatamente di destabilizzare l'Ue o i suoi Stati membri", aggiunge. AGI

Read 325 times

Utenti Online

Abbiamo 1222 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine