ANNO XVIII Giugno 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 26 Gennaio 2024 12:05

Sinner batte Djokovic 'alla Nole' e va in finale agli Australian Open

Written by  Giampaolo Roidi
Rate this item
(0 votes)
Jannik Sinner Jannik Sinner

Il 22enne azzurro si è imposto in 4 set (6-1/6-2/6-7/6-3) e ha dato la definitiva impressione di aver fatto il salto di qualità mostrando le qualità di un potenziale numero uno.

Manifesta superiorità. Oggi sulla Rod Laver Arena Sinner sembrava Djokovic e Djokovic non credeva ai suoi occhi, come non ci credeva Rod Laver, 85 anni, due Grandi Slam in bacheca, regolarmente seduto al suo posto in prima fila nella tribuna autorità. Il punteggio racconta tutto di questa semifinale degli Australian Open che ha il sapore dolce del passaggio di consegne in vetta al tennis mondiale (6-1/6-2/6-7/6-3). 

A 16 anni ho avuto la possibilità di giocare con lui in allenamento, mi suggerì di essere il più imprevedibile possibile. Il mio servizio è migliorato tantissimo ma ho la sensazione di poter crescere ancora, per questo ho una grande squadra con me.

Il campione italiano ingiocabile per i primi due set, vinti di prepotenza, con due break nel primo e due nel secondo parziale. Partita a senso unico, nei primi 15 game: bordate da fondo campo a 5 centimetri dalle righe, ma stavolta era il ventiduenne di San Candido, Alta Pusteria, ad avere la sbracciata in più. Nole batteva meno bene del suo avversario, rispondeva più corto, perdeva campo più rapidamente. 

È sembrata un allenamento su un campo secondario, questa partita, per la prima ora e mezzo. Nel terzo set il serbo ha giocato da numero uno del mondo, ma oggi aveva di fronte quello che lo sarà a breve, forse anche alla fine di quest'anno: Sinner non ha mai abbassato il tasso di concentrazione e il livello del ritmo da fondo campo. È rimasto calmo e consapevole della sua forza, sapeva, anche nei passaggi più duri del set, anche dopo aver sbagliato malamente un match point, che oggi era più forte, di testa, del suo avversario. Lo sentiva, si capiva dalla tranquillità con cui cambiava campo dopo aver perso uno scambio. Superiore sulla diagonale di dritto, più preciso al servizio, più veloce nel recuperare le smorzate. Ne ha fatte tante, di palle corte, il campione in carica. Ha cercato di spezzare lo scambio e di creare condizioni di gioco anomale e imprevedibili. Perché sulla regolarità e gli schemi classici oggi aveva di fronte un giocatore più solido e fresco fisicamente di lui, di 12 anni più giovane. 

A 16 anni ho avuto la possibilità di giocare con lui in allenamento, mi suggerì di essere il più imprevedibile possibile. Il mio servizio è migliorato tantissimo ma ho la sensazione di poter crescere ancora, per questo ho una grande squadra con me

Il campione italiano ingiocabile per i primi due set, vinti di prepotenza, con due break nel primo e due nel secondo parziale. Partita a senso unico, nei primi 15 game: bordate da fondo campo a 5 centimetri dalle righe, ma stavolta era il ventiduenne di San Candido, Alta Pusteria, ad avere la sbracciata in più. Nole batteva meno bene del suo avversario, rispondeva più corto, perdeva campo più rapidamente.

È sembrata un allenamento su un campo secondario, questa partita, per la prima ora e mezzo. Nel terzo set il serbo ha giocato da numero uno del mondo, ma oggi aveva di fronte quello che lo sarà a breve, forse anche alla fine di quest'anno: Sinner non ha mai abbassato il tasso di concentrazione e il livello del ritmo da fondo campo. È rimasto calmo e consapevole della sua forza, sapeva, anche nei passaggi più duri del set, anche dopo aver sbagliato malamente un match point, che oggi era più forte, di testa, del suo avversario. Lo sentiva, si capiva dalla tranquillità con cui cambiava campo dopo aver perso uno scambio. Superiore sulla diagonale di dritto, più preciso al servizio, più veloce nel recuperare le smorzate. Ne ha fatte tante, di palle corte, il campione in carica. Ha cercato di spezzare lo scambio e di creare condizioni di gioco anomale e imprevedibili. Perché sulla regolarità e gli schemi classici oggi aveva di fronte un giocatore più solido e fresco fisicamente di lui, di 12 anni più giovane.

ll quarto set è somigliato molto ai primi due. A Sinner è bastato un break solo e un unico, altro match point per chiuderà la pratica sotto gli occhi attoniti e rassegnati del più vincente tennista di tutti i tempi. Sul passaggio di consegne definitivo ci vorrà forse ancora tempo. Ma oggi il tennista italiano (negli ultimi mesi ha battuto Djokovic tre volte) ha dato la definitiva impressione di aver fatto il salto di qualità. È apparso cresciuto muscolarmente e, se così si può dire, spiritualmente. Ha tenuto a bada l'emozione di giocare una semifinale Slam davanti a due inarrivabili leggende di questo sport (Laver non si è perso un quindici), senza buttare via niente, quasi giocasse con delle cuffie che gli impedivano di sentire gli applausi, la pressione, i battiti del suo cuore. Freddo nei punti decisivi, attento a non rilassarsi quando il vantaggio è sembrato incolmabile. Le qualità di un campione, di un predestinato, di un potenziale numero uno.

Ho cercato di prepararmi al meglio per questo torneo, la fiducia dalla fine dello scorso anno è altissima e mi ha dato la sicurezza di giocare con i migliori al mondo. Scenderò in campo con il sorriso e vedremo come andrà a finire.

Sinner ha fatto sembrare Djokovic non più imbattibile negli Slam, anche oggi che non ci sono più Federer e Nadal. Se cercavamo un erede, forse oggi lo abbiamo visto sorridere, divertirsi e vincere sul campo centrale di Melbourne. AGI

Read 486 times Last modified on Venerdì, 26 Gennaio 2024 12:54

Utenti Online

Abbiamo 505 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine