ANNO XVIII Luglio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 01 Febbraio 2024 14:05

A Bruxelles esplode la rabbia degli agricoltori, abbattuta una statua davanti all'Europarlamento

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Un migliaio di trattori assediano le istituzioni comunitarie in occasione del summit dei 27 per protestare contro il 'Green deal': roghi e lancio di petardi, uova e bottiglie. Distrutto il monumento che raffigura un meccanico. Gli agenti disperdono i manifestanti con gli idranti. Francia, bloccata la grande distribuzione nell'Alta Loira.

La protesta degli agricoltori ha intasato con circa 1.000 trattori le strade intorno al vertice Ue che si svolto giovedì a Bruxelles. "Ci sono 1.000 trattori e macchine agricole" tenuti lontani dal raduno dei 27 leader dell'Unione europea, ha detto all'AFP un portavoce della polizia secondo cui il grosso dei manifestanti viene dal Belgio. Gli agricoltori in protesta davanti al Parlamento europeo hanno distrutto una delle state di Place Luxemburg. Si tratta della statua del meccanico Beaufort, uno dei quattro operai rappresentati attorno al monumento dedicato all'ex industriale belga-britannico, John Cockerill. I manifestanti - presenti in migliaia - l'hanno buttata a terra in mezzo a pallet dati alle fiamme. 

 

Una cinquantina di supermercati sono stati bloccati nella notte da "circa 200 trattori" in quattro comuni dell'Alta Loira. Una mossa per denunciare il comportamento "inappropriato" dei grandi magazzini, ha annunciato l'organizzazione sindacale agricola FDSEA 43. "Circa 200 trattori, una cinquantina per ciascuna delle quattro citta' prese di mira, hanno scaricato rimorchi pieni di pneumatici e spazzatura per bloccare gli ingressi", ha detto all'AFP Yannick Fialip, presidente della commissione economica della FDSEA 43. Obiettivo di questa azione coordinata: "denunciare il comportamento inappropriato della grande distribuzione", che "esercita una pressione pazzesca sui nostri agricoltori con margini soffocanti", e il desiderio di essere "pagati correttamente". 

 

I marchi Carrefour, Lidl, Aldi e Casino sono stati presi di mira nelle citta' di Brioude, Yssingeaux, Craponne e Monistro, senza conseguenze per il traffico ordinario. Dieci giorni dopo l'inizio delle proteste, i blocchi dei coltivatori non si allentano in Francia, soprattutto intorno alla capitale dove la polizia mantiene la protezione del mercato di Rungis. Emmanuel Macron e' a Bruxelles, dove la crisi agricola europea e' discussa a margine di un vertice dei Ventisette sul tema del "futuro dell'agricoltura europea" .

 

Metsola, non li abbiamo ascoltati abbastanza

"Dico agli agricoltori che sono fuori: vi vediamo e vi ascoltiamo. Se volete che la vostra voce venga ascoltata, fatela sentire anche a giugno, alle elezioni per il Parlamento europeo", ha dichiarato la presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, al suo arrivo al vertice straordinario a Bruxelles. "Dobbiamo ascoltare di più e, dal momento che stiamo entrando nella campagna elettorale, comprendere che ci sono settori che non abbiamo ascoltato abbastanza. E penso sia nostra responsabilità dirlo, incoraggiare tutti a votare a giugno alle elezioni europee e comprendere che se ci sono frustrazioni rispetto ai nostri processi o se non abbiamo comunicato abbastanza o non abbiamo consultato abbastanza, dobbiamo dirlo. Penso che dovremmo essere onesti con i nostri cittadini", ha aggiunto.

De Croo: "Preoccupazioni legittime"

"Ci sono grandi proteste a Bruxelles da parte degli agricoltori. Dobbiamo poter discutere al Consiglio di questo tema perchèle preoccupazioni che hanno sono in parte legittime: la transizione climatica è una priorità chiave per le nostre società e dobbiamo fare in modo che i nostri agricoltori siano dei partner in questo percorso". Lo ha dichiarato il primo ministro belga, Alexander De Croo, al suo arrivo al vertice straordinario a Bruxelles. "Negli anni passati hanno fatto grandi sforzi, si sono adattati ai nuovi standard che abbiamo, abbiamo una lunga strada da percorrere e dobbiamo fare in modo che siano nostri partner e che facciano parte della discussione", ha ricordato De Croo. AGI

Read 675 times

Utenti Online

Abbiamo 714 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine