ANNO XVIII Luglio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 02 Maggio 2024 23:06

Sinner e i guai all'anca, almeno 8 giorni per riprendersi

Written by  Antonella Piperno
Rate this item
(0 votes)
Sinner in campo a Madrid contro il russo Khachanov Sinner in campo a Madrid contro il russo Khachanov

Risonanza magnetica per l'azzurro per capire l'entità dell'infiammazione che lo ha portato al ritiro dal Master 1000 di Madrid.

Invece di Felix Auger Aliassime, sulla terra rossa spagnola oggi Jannik Sinner fronteggia la risonanza magnetica monegasca. L'esame diagnostico, dopo il ritiro nei quarti di finale di Madrid, 'illuminera'' l'azzurro, il suo staff (e gli organizzatori degli Internazionali d'Italia) sull'entita' dell'infiammazione all'anca destra che l'ha spinto al ritiro dal Master 1000 spagnolo alla vigilia dei quarti di finale contro Auger Aliassime. "La mia anca mi ha dato fastidio questa settimana e sta lentamente diventando piu' dolorosa. Seguendo il consiglio dei medici abbiamo deciso che era meglio non giocare oltre e peggiorare la situazione": Cosi' Sinner aveva spiegato sui social il suo ritiro, annunciando che si sarebbe sottoposto ad altri esami e quindi avrebbe seguito i consigli degli specialisti. Rientrato a Montecarlo e a riposo dall'ultimo di match di Madrid, il 30 aprile, contro Khachanov, Sinner avra' piu' di una settimana per rimettersi in sesto se la risonanza confermera', come si presume e si spera, che l'infiammazione all'anca e' lieve e gestibile. 

Il Master 1000 di Roma comincera' lunedi' prossimo, 6 maggio, ma Jannik, godendo di un bye, non dovrebbe scendere in campo prima di venerdi' 10 o di sabato 11. Per saperne di piu' bisognera' aspettare il sorteggio del tabellone, il 6 maggio. E' pensabile, quindi, che dopo qualche giorno di fisioterapia, l'azzurro torni in campo per allenarsi ed esordire sulla terra della capitale. Che Madrid rappresentasse una tappa di preparazione in vista degli Internazionali d'Italia e del Roland Garros, del resto Sinner l'aveva ampiamente dichiarato alla vigilia: "Sara' un torneo di totale preparazione per Roma e Parigi", aveva detto il tennista. "Mi andrebbe bene vincere un paio di turni, ma non avro' l'ambizione per andare a vincere quel torneo". 

I turni poi sono stati tre (contro Sonego, Kotov e Khachanov) prima che l'anca destra gli suggerisse di stare a riposo. A Roma Sinner non e' 'solo' la testa di serie numero due, ma l'azzurro che dopo 48 anni dal 1976, l'anno di Adriano Panatta, potrebbe dare a Roma e all'Italia l'emozione di veder vincere un campione nostrano. Nella capitale, calcolatrice alla mano, Sinner non potra' pero' diventare numero 1 del mondo, sorpassando Djokovic: i punti ottenuti con l'approdo ai quarti di finale di Madrid non basterebbero neanche se l'azzurro vincesse il torneo e il serbo perdesse subito. L'ascesa al trono e' quindi rinviata al Roland Garros (o a Wimbledon): elemento che, nella malaugurata ipotesi che l'esito della risonanza non fosse magnanimo per l'anca di Sinner, renderebbe Roma meno decisiva nella programmazione dell'azzurro. Un po' d'ansia, ovviamente, c'e'. AGI

Read 260 times

Utenti Online

Abbiamo 748 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine