ANNO XVIII Luglio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 08 Maggio 2024 17:56

La promessa del nuoto italiano che guarda oltre i giochi di Parigi

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Sara Curtis, speranza del nuoto italiano Sara Curtis, speranza del nuoto italiano

Sara Curtis, 17 anni, padre italiano e mamma nigeriana, intervistata da AFP, parla anche del razzismo nel nostro Paese: "In Italia siamo un po' indietro con i tempi".

A 17 anni, Sara Curtis farà il suo debutto olimpico a Parigi: la nuova speranza del nuoto italiano sta già dimostrando una maturità sorprendente, sia dentro che fuori dalla vasca. In un Paese guidato dal governo ultraconservatore di Giorgia Meloni, dove i calciatori sono regolarmente vittime di insulti razzisti negli stadi, Curtis, figlia di padre italiano e madre nigeriana, si ritiene fortunata. “Sono fortunata perché non mi sono mai trovata di fronte (a insulti razzisti), ma se dovessi incontrare qualcuno che mi vede come un problema, non farei nulla al riguardo”, ha detto all'agenzia francese AFP. “Se si guarda al mio sport, non si può negare che non ci siano molti nuotatori di colore, ma non è una cosa che mi preoccupa”, ha continuato l'adolescente, che si allena a Savigliano, in Piemonte.

Sara Curtis, velocista italiana

Sara Curtis, speranza del nuoto italiano

Nel suo libro pubblicato nell'agosto 2023, il generale Roberto Vannacci, candidato alle elezioni europee per la Lega di Matteo Salvini, ha attaccato la stella della pallavolo italiana di origine nigeriana Paola Enogu. “Paola Enogu è di nazionalità italiana, ma è evidente che i suoi tratti non rappresentano l'italianità”, si legge nel libro del generale. “Quando sento affermazioni del genere mi viene da ridere, a dire il vero dimostra che in Italia siamo un po' indietro con i tempi”, ha spiegato la nuotatrice che si è cimentata anche nel basket.

“Lo sportivo è indipendente dal colore della pelle. Questi commenti non mi toccano e non mi toccheranno mai" 

Curtis preferisce concentrarsi sulla sua carriera. Nel 2023 ha partecipato al suo primo evento senior, i Campionati europei in vasca piccola, dove ha vinto due medaglie d'argento nelle staffette (4x50 m stile libero, 4x50 m misti). Da allora, lo scorso aprile ha stabilito il nuovo record italiano nei 50 m stile libero in vasca profonda (24:56, 16 centesimi meglio del record precedente) e nei 50 m dorso in vasca bassa (26:08, nuovo record mondiale juniores). “Non me l'aspettavo, di certo non in questa fase della stagione (...) È stato un grande momento, mi sembrava di volare, è stato fantastico”, ricorda. 

Sebbene sia “cresciuta passando tutto il tempo in acqua”, il suo debutto in piscina all'età di due anni non lasciava presagire che avrebbe partecipato ai Giochi Olimpici del 2024 (21 luglio-6 agosto). “Quello che ricordo delle mie prime sessioni da bambina è che avevo molto freddo e odiavo nuotare”, dice sorridendo. 

Sotto l'occhio vigile del suo allenatore, Thomas Maggiora, Sara Curtis guarda già oltre i Giochi Olimpici di Parigi mettendo nel mirino anche l'edizione di Los Angeles tra quattro anni. “Il mio obiettivo è quello di progredire, sia fisicamente che mentalmente, perché le Olimpiadi sono sempre state un mio sogno”, spiega. “I giochi di quest'anno erano un obiettivo, ma un po' lontano e difficile da raggiungere. Partecipare sarà fantastico (...) Probabilmente è troppo presto per parlare di medaglie. Ho ambizioni più grandi a lungo termine, ma puntare a una semifinale o a una finale a Parigi sarebbe già fantastico", conclude la specialista dello sprint. AGI

Read 404 times

Utenti Online

Abbiamo 609 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine