ANNO XV Dicembre 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 05 Settembre 2016 15:48

Raggi: ho il sostegno di Grillo, sul caso Muraro voglio giudicare in base alle carte

Written by 
Rate this item
(0 votes)

L’assessora Paola Muraro "mi ha garantito che non le è arrivato un avviso di garanzia. Prima di giudicare vogliamo vedere le carte". E’ quanto afferma in una intervista a ’Il Corriere della Sera’, la sindaca di Roma Virginia Raggi che ammette "qualche errore" ma afferma: "Ho il sostegno di Grillo". E sulla vicenda Muraro aggiunge: "Attualmente posso giudicare solo i fatti che conosco: la città è più pulita e l’Ama si è messa in moto.

Se, pero’, dovessero emergere delle sue responsabilita’, non avremmo dubbi su come muoverci".

Secondo la Raggi, "qualche ritardo c’è stato ? noi non diciamo bugie ? ma, allo stesso tempo, posso affermare con tranquillità che abbiamo recuperato. Nel giro di poche ore abbiamo sostituito l’amministratore unico di Atac e l’assessore al Bilancio, abbiamo avviato una due diligence , una revisione di quanto fatto finora che evidentemente riguarda anche gli stipendi. Ma ci tengo a sottolineare quanto fatto sui rifiuti: abbiamo trovato il caos. Erano mesi che gli impianti Tmb di Rocca Cencia e Salaria erano pieni e rotti. Noi in neanche due mesi li abbiamo svuotati e li stiamo riparando. Stiamo bonificando le aree per le isole ecologiche. E gli operatori Ama stanno dando il massimo per tenere la citta’ pulita".

Circa i ruoli vacanti "l’assessore al Bilancio - prosegue la Raggi - è stato scelto dopo poche ore. Ed è sicuramente una delle persone più competenti in Italia. Analogamente è stato scelto anche il nuovo amministratore unico di Atac. Ho svolto i colloqui, dopo una mia prima selezione, insieme ai consiglieri comunali di maggioranza della commissione di competenza e, nel caso di Fantasia, con l’assessore di riferimento". Quanto alla riunione di giovedì con il mini direttorio e i consiglieri "abbiamo avuto una riunione lunga ma per nulla accesa. Un normale confronto. Non nego che in passato possano esserci state tensioni che fanno parte di un normale dibattito, anche acceso. Il bene di Roma è al di sopra di tutto. Anzi, questa momentanea difficolta’ e questa riorganizzazione ci hanno ricompattati e resi piu’ forti".

Quanto alla tenuta del M5S "c’e’ chi teme che il M5S possa fare bene a Roma per poi andare al governo in Italia. Hanno paura di noi". Intanto attendono Paola Muraro ore di grandi incognite ed incertezze. L’assessora all’Ambiente della Capitale d’Italia oggi pomeriggio alle 17,00 si recherà in Commissione Ecomafie per rispondere dei suoi 12 anni all’Ama. Un’audizione che potrebbe affrontare da indagata: secondo quanto riportato da diversi organi di stampa, infatti, l’ex consulente della municipalizzata capitolina sarebbe stata iscritta nel Registro degli Indagati dalla Procura di Roma già tre mesi fa, prima di diventare assessora della Giunta Raggi. Ma la notizia sarebbe stata tenuta riservata per non influire sul dibattito politico e sulle polemiche sul Comune di Roma. Muraro nega di aver ricevuto alcunché e non lascia l’incarico e fa appello al M5S affinché resti unito contro i poteri forti. All’appuntamento con la Commissione Ecomafie andrà da sola, senza avvocato; " Perché non ho ricevuto nulla ". Ad accompagnarla un voluminoso dossier di due faldoni che consegnerà alla Commissione, pronta a rispondere a tutte le domande che le verranno rivolte. "Sono sbalordito e stupefatto dalle notizie che ho letto oggi su alcuni giornali. Ho appreso che la mia assistita, che non ha ricevuto alcuna comunicazione dalla Procura di Roma, è indagata da tre mesi per abuso di ufficio. Queste notizie non ci fermeranno, l"operazione verità" su Ama va avanti. Siamo pronti a chiarire tutto", dice Salvatore Sciullo, legale dell’Assessora all’Ambiente.

Quello del caos rifiuti è un fronte caldo. Il nome della Muraro è stato accostato a più riprese alle indagini, avviate nel mese di luglio dal pm Alberto Galanti, sui costi e le procedure seguite per lo smaltimento nel tritovagliatore di Rocca Cencia, di proprietà della società Colari, ossia di Manlio Cerroni, l’ex patron di Malagrotta. In questo fascicolo i magistrati capitolini procedono per il reato di associazione a delinquere, truffa ai danni dell’Ama, frode nelle pubbliche forniture e traffico illecito di rifiuti. Muraro, prima che i carabinieri a fine giugno sequestrassero le carte dell’impianto, era favorevole al suo utilizzo. Il vero nodo, però, sono le consulenze: dal 2004 al 2016, l’assessore ha lavorato come referente Ippc negli impianti Tmb di Rocca Cencia e di via Salaria. L’ipotesi è che per un lungo periodo siano stato sottoutilizzati, producendo meno scarti in uscita. Al vaglio degli inquirenti anche il trattamento economico che Muraro ha ricevuto dall’Ama negli ultimi anni di consulenze. Nell’inchiesta anche le intercettazioni tra Muraro e Buzzi, il ras delle cooperative di Mafia Capitale. Per Luigi Di Maio, non si fanno sconti a nessuno ma " non esistono le carte per poter valutare " intendendo dire che non c’è un avviso di garanzia quindi precisa che: " A chi si sta sfregando le mani dico che il Movimento non ha mai fatto sconti a nessuno, soprattutto al suo interno. Stiano sereni i nostri detrattori che pensano di azzopparci".

Virginia Raggi intanto ha scelto, assieme ai componenti M5S della Commissione Bilancio, come nuovo assessore al Bilancio, dopo le dimissioni di Marcello Minenna, l’ex Procuratore Generale della sezione Lazio della Corte dei Conti Raffaele De Dominicis, che prima di andare in pensione lo giugno scorso, si è occupato di Mafia Capitale e della Metro C. De Dominicis a differenza del suo predecessore non avrà la delega alle Partecipate. " E’ stato un errore " aveva chiosato la sindaca Raggi rispetto al super assessorato affidato a Minenna, come già annunciato dalla prima cittadina di Roma. Ora, per Virginia Raggi resta da trovare un nuovo capo di gabinetto, un nuovo assessore al patrimonio e partecipate e un nuovo amministratore unico per Ama. Nelle scorse ore è stato scelto Manuel Fantasia come Amministratore Unico di Atac.

Dallo staff del sindaco interpellati sui tempi della scelta rispondono: " Non abbiamo fretta, puntiamo sulla qualità ". Nel frattempo, su Facebook, si è fatto sentire l’ex assessore al Bilancio, Marcello Minenna. "Pochi giorni fa - spiega - ho sentito il dovere di rassegnare le dimissioni dall’incarico affidatomi quando ho percepito quello che definirei eufemisticamente un ’ deficit di trasparenza ’ nella gestione della procedura di revoca di quella delicatissima e nevralgica figura amministrativa del Capo di Gabinetto, vero garante della legalità e trasparenza nella tecno-macchina comunale".

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 896 times

Utenti Online

Abbiamo 1022 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine